Test MotoGP Qatar, Giorno 3: Aprilia di nuovo al top alle 19

Aleix Espargaro ha piazzato un'altra zampata con la nuova RS-GP, arrivando vicino a sfondare il muro dell'1'54" e scavalcando la Ducati di Miller. Bene anche Morbidelli, terzo con la Yamaha davanti alla Suzuki di Rins. Bel passo avanti di Pol Espargaro, sesto con la Honda. Cresce anche Bastianini, mentre Rossi è nelle retrovie.

Test MotoGP Qatar, Giorno 3: Aprilia di nuovo al top alle 19

Equilibrio è la parola d'ordine quando mancano due ore alla conclusione della terza giornata dei test di MotoGP in Qatar. Nelle prime cinque posizioni abbiamo le moto di cinque marchi diversi, ma soprattutto alle spalle dei primi due c'è un gruppo veramente compatto, con ben otto piloti racchiusi in appena tre decimi.

I nomi che continuano a brillare comunque sono sempre gli stessi. Pochi istanti dopo lo scoccare delle ore 19 locali, infatti, Aleix Espargaro è riuscito a riportare davanti a tutti la nuova Aprilia RS-GP, arrivando anche vicino ad essere il primo capace di infrangere il muro dell'1'54", fermandosi però a 1'54"152.

Una prestazione con cui ha soffiato la vetta della classifica alla Ducati di Jack Miller, che non sembra averci messo troppo ad acclimatarsi nella squadra ufficiale della Casa di Borgo Panigale, visto l'ottimo 1'54"367 che è riuscito a mettere a referto.

Terzo tempo per la migliore delle Yamaha, che ancora una volta è quella di Franco Morbidelli, sulla cui M1 sono in corso prove di elettronica per cercare di recuperare qualcosa in termini di motore. Sulle tre factory invece vanno avanti le prove con il nuovo telaio e bisogna dire che in termini di passo sta ottenendo degli ottimi riscontri Maverick Vinales.

Leggi anche:

Lo spagnolo è ottavo in 1'54"774, ma sta facendo dei long run sempre a cavallo tra l'1'54" alto e l'1'55" basso. Fabio Quartararo invece è leggermente più indietro, in decima posizione. Chi sta faticando per il momento, e tanto, è Valentino Rossi: al momento si ritrova relegato in 21esima posizione, con un ritardo di ben 1"8 dalla vetta.

Tornando a scorrere la classifica nelle posizioni di vertice, hanno fatto un bel passo avanti le Suzuki, con Alex Rins che si è portato quarto in 1'54"658 ed il campione del mondo Joan Mir che invece è settimo in 1'54"688. Oggi sulle GSX-RR dovrebbe essere valutato un nuovo telaio.

Tra i due portacolori della Casa di Hamamatsu ci sono invece le due Honda ufficiali e la notizia è la progressione di Pol Espargaro, che al secondo giorno sulla RC213V è riuscito a portarsi ad una manciata di millesimi dal collaudatore Stefan Bradl, parso veramente in grande forma in questi giorni.

Detto delle due Yamaha factory, nella top 10 c'è spazio anche per l'altra Ducati ufficiale di Pecco Bagnaia, nono, quindi i big sono già praticamente tutti nelle posizioni in cui devono stare. Mancano invece un po' all'appello le KTM: la migliore delle RC16 è quella di Miguel Oliveira, che occupa solo la 12esima piazza in 1'55"174. Ci sono invece piccoli segnali di ripresa da parte di Danilo Petrucci, ora 16esimo, ma appena sei decimi più lento del portoghese e davanti sia ad Iker Lecuona che a Brad Binder.

Per quanto riguarda i rookie, il miglior ora è Enea Bastianini, che si è portato in 15esima posizione con un 1'55"512. In progressione anche Luca Marini in 1'55"925, mentre dopo la caduta Jorge Martin non è ancora riuscito a scendere sotto all'1'56". A proposito di cadute, oltre alla sua e a quella di Alex Marquez, bisogna segnalare pure quella di Takaaki Nakagami alla curva 2.

I tempi alle ore 19 locali (le 17 in Italia)

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Aleix Espargaro Aprilia 1'54”152 42
2 Jack Miller Ducati 1'54”367 35
3 Franco Morbidelli Yamaha 1'54”585 37
4 Alex Rins Suzuki 1'54”658 27
5 Stefan Bradl Honda 1'54”658 32
6 Pol Espargaro Honda 1'54”673 40
7 Joan Mir Suzuki 1'54”688 42
8 Maverick Vinales Yamaha 1'54”774 48
9 Pecco Bagnaia Ducati 1'54”857 31
10 Fabio Quartararo Yamaha 1'54”870 34
11 Alex Marquez Honda 1'54”952 34
12 Miguel Oliveira KTM 1'55”174 29
13 Takaaki Nakagami Honda 1'55”180 38
14 Johann Zarco Ducati 1'55”187 35
15 Enea Bastianini Ducati 1'55”512 26
16 Danilo Petrucci KTM 1'55”795 40
17 Yamaha Test 2 Yamaha 1'55”867 20
18 Iker Lecuona KTM 1'55”873 22
19 Luca Marini Ducati 1'55”925 26
20 Brad Binder KTM 1'55”944 33
21 Valentino Rossi Yamaha 1'55”991 25
22 Jorge Martin Ducati 1'56”238 24
23 Dani Pedrosa KTM 1'56”452 42
24 Sylvain Guintoli Suzuki 1'56”762 31
25 Lorenzo Savadori Aprilia 1'57”125 22
26 Michele Pirro Ducati 1'57”895 20
27 Yamaha Test 1 Yamaha 1'58”482 12
28 Takuya Tsuda Suzuki 1'58”910 25
29 Yamaha Test 3 Yamaha senza tempo 0
condivisioni
commenti
Savadori: "Aprilia migliorata, mi devo avvicinare ad Aleix"

Articolo precedente

Savadori: "Aprilia migliorata, mi devo avvicinare ad Aleix"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: l'ultima giornata del Test 1 in Qatar

Fotogallery MotoGP: l'ultima giornata del Test 1 in Qatar
Carica commenti
MotoGP: come si affronta il GP di Francia Prime

MotoGP: come si affronta il GP di Francia

La MotoGP si appresta a vivere il suo quinto fine settimana di gare del 2021. La pista di Le Mans ospita il Gran Premio di Francia: andiamo a scoprirne segreti e curiosità in questo nostro giro di pista virtuale

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti” Prime

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano di come la ricerca medica si sia evoluta per andare ad assistere i piloti nelle fasi di guida, recependo dati telemetrici utili al fine di migliorare le performance

MotoGP
12 mag 2021
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021
Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow Prime

Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow

Dopo un avvio di stagione da dimenticare, Jack Miller è riuscito ad ottenere la prima vittoria con Ducati a Jerez ed ha svelato come un grande aiuto psicologico sia arrivato dalla moglie del suo grande amico Cal Crutchlow.

MotoGP
4 mag 2021
Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo Prime

Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo

Tanti promossi e tanti bocciati al Gran Premio di Spagna di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com

MotoGP
4 mag 2021
Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale Prime

Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale

Sono almeno tre le svolte a cui abbiamo assistito a Jerez: quella della Desmosedici GP, che finalmente "gira" anche su una pista stretta. Quella della stagione di Jack Miller, che ha risposto con una vittoria ad un avvio di stagione deludente. E la trasformazione di Pecco Bagnaia in un top rider a tutti gli effetti, arrivata con la leadership in campionato.

MotoGP
3 mag 2021