Test MotoGP Qatar, Giorno 1: svetta Bradl, bene Bastianini

Il collaudatore della Honda è stato il più veloce nello shakedown riservato a rookie e tester, al termine di una giornata caratterizzata dal vento e della pista sporca. La sorpresa è stata Bastianini, quarto assoluto e primo degli esordienti. Primi giri per Crutchlow sulla Yamaha e per la nuova Aprilia RS-GP con Savadori.

Test MotoGP Qatar, Giorno 1: svetta Bradl, bene Bastianini

La pausa invernale è finalmente finita per la MotoGP. Oggi i motori si sono finalmente riaccesi a Losail, in Qatar, con lo shakedown che tradizionalmente veniva disputato a Sepang. Si tratta della prima giornata riservata ai collaudatori, agli esordienti ed alle Case che godono delle concessioni.

In particolare, c'era grande interesse per andare a cogliere le prime uscite di Enea Bastianini, Luca Marini e Jorge Martin in sella alla Ducati, ma anche della rinnovata Aprilia RS-GP, che oggi poteva appunto scendere in pista con i suoi piloti titolari grazie alle concessioni.

Il clima però non è stato per niente amico, perché la temperatura non era particolarmente alta, ma soprattutto c'era un vento davvero fastidioso, che di fatto ha continuato a sporcare le traiettorie per l'intera giornata, riportando regolarmente in pista la sabbia che veniva spostata dal passaggio delle moto.

Non c'è da stupirsi, dunque, se il miglior riferimento di giornata alla fine è stato più alto di quasi due secondi rispetto alle migliori prestazioni di un anno fa sullo stesso tracciato. A mettere tutti in fila è stato il collaudatore della Honda Stefan Bradl, che con la RC213V #6 è stato l'unico capace di infrangere il muro dell'1'56 con un crono di 1'55"614 realizzato al 55esimo dei suoi 60 giri.

A seguire troviamo due delle moto del Test Team Yamaha, in particolare quelle indicate come Test 2 e Test 1. La Casa di Iwata non ha voluto specificare i nomi dei piloti che sono saliti in sella alle sue M1. Nel suo box aveva a disposizione il nuovo tester ufficiale Cal Crutchlow, al ritorno sulla Yamaha dopo 8 anni tra Ducati e Honda, ed i giapponesi Katsuyuki Nakasuga e Kohta Nozane. E' probabile che i due riferimenti siano stati realizzati entrambi da Cal, del quale ci sono prove fotografiche sia in sella alla T2 che alla T3.

In quarta posizione troviamo il miglior degli esordienti, che è stato Enea Bastianini. Una bella risposta per il campione del mondo della Moto2 che aveva vissuto un viaggio verso il Qatar travagliato a causa di un falso positivo al test COVID prima della partenza ed è arrivato in extremis per questa prima giornata di prove. Alla fine ha completato 35 tornate con un best di 1'58"051, che lo ha messo di pochi millesimi davanti al collaudatore Ducati Michele Pirro, che oggi ha provato alcune novità aerodinamiche nonostante le condizioni avverse.

Leggi anche:

Per Enea però è importante soprattutto essere riuscito ad essere più veloce degli altri esordienti: con un crono di 1'58"376, Luca Marini ha chiuso in ottava posizione con la Ducati griffata Sky Racing Team VR46, con all'attivo 33 tornate. Poco più indietro, in decima piazza, c'è invece Jorge Martin in 1'58"875. 31 invece i giri completati dallo spagnolo del Pramac Racing, che è anche incappato in una scivolata senza conseguenze alla curva 3.

Come detto c'era attesa anche per il debutto della nuova Aprilia RS-GP e a battezzarla è stato Lorenzo Savadori. Il pilota romagnolo ha messo insieme 38 tornate e con il suo 1'58"273 ha chiuso la giornata al settimo posto. Il suo compagno Aleix Espargaro invece è rimasto a guardare all'interno del box, probabilmente anche a causa delle condizioni che non permettevano di valutare il pacchetto spingendo a dovere.

In pista c'erano anche i collaudatori dei campioni del mondo della Suzuki, che domani mattina presenteranno ufficialmente la loro squadra. Sylvain Guintoli è stato tra i più attivi della giornata con i suoi 53 passaggi, ma si è dovuto accontentare della nona prestazione in 1'58"614. Molto più staccato invece il giapponese Takuya Tsuda, rimasto addirittura al di sopra del 2'01".

Sembra esserla presa con grande calma anche Dani Pedrosa: il collaudatore della KTM non ha avuto particolari acuti in questa prima giornata e si è piazzato appena in 11esima piazza con un 1'59"055 staccato al 24esimo dei 34 giri completati.

MotoGP 2021 - I tempi dello shakedown

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Stefan Bradl Honda 1’55”614 60
2 Yamaha Test 2 Yamaha 1’56”850 58
3 Yamaha Test 1 Yamaha 1’57”132 39
4 Enea Bastianini Ducati 1’58”051 35
5 Michele Pirro Ducati 1’58”056 58
6 Yamaha Test 3 Yamaha 1’58”238 11
7 Lorenzo Savadori Aprilia 1’58”273 38
8 Luca Marini Ducati 1’58”376 33
9 Sylvain Guintoli Suzuki 1’58”614 53
10 Jorge Martin Ducati 1’58”875 31
11 Dani Pedrosa KTM 1’59”055 34
12 Takuya Tsuda Suzuki 2’01”390 24
condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: lo shakedown in Qatar
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: lo shakedown in Qatar

Prossimo Articolo

Marini: “Mi aspettavo peggio, ma fatico in frenata”

Marini: “Mi aspettavo peggio, ma fatico in frenata”
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021