Test MotoGP Qatar, Giorno 1: svetta Bradl, bene Bastianini

Il collaudatore della Honda è stato il più veloce nello shakedown riservato a rookie e tester, al termine di una giornata caratterizzata dal vento e della pista sporca. La sorpresa è stata Bastianini, quarto assoluto e primo degli esordienti. Primi giri per Crutchlow sulla Yamaha e per la nuova Aprilia RS-GP con Savadori.

Test MotoGP Qatar, Giorno 1: svetta Bradl, bene Bastianini

La pausa invernale è finalmente finita per la MotoGP. Oggi i motori si sono finalmente riaccesi a Losail, in Qatar, con lo shakedown che tradizionalmente veniva disputato a Sepang. Si tratta della prima giornata riservata ai collaudatori, agli esordienti ed alle Case che godono delle concessioni.

In particolare, c'era grande interesse per andare a cogliere le prime uscite di Enea Bastianini, Luca Marini e Jorge Martin in sella alla Ducati, ma anche della rinnovata Aprilia RS-GP, che oggi poteva appunto scendere in pista con i suoi piloti titolari grazie alle concessioni.

Il clima però non è stato per niente amico, perché la temperatura non era particolarmente alta, ma soprattutto c'era un vento davvero fastidioso, che di fatto ha continuato a sporcare le traiettorie per l'intera giornata, riportando regolarmente in pista la sabbia che veniva spostata dal passaggio delle moto.

Non c'è da stupirsi, dunque, se il miglior riferimento di giornata alla fine è stato più alto di quasi due secondi rispetto alle migliori prestazioni di un anno fa sullo stesso tracciato. A mettere tutti in fila è stato il collaudatore della Honda Stefan Bradl, che con la RC213V #6 è stato l'unico capace di infrangere il muro dell'1'56 con un crono di 1'55"614 realizzato al 55esimo dei suoi 60 giri.

A seguire troviamo due delle moto del Test Team Yamaha, in particolare quelle indicate come Test 2 e Test 1. La Casa di Iwata non ha voluto specificare i nomi dei piloti che sono saliti in sella alle sue M1. Nel suo box aveva a disposizione il nuovo tester ufficiale Cal Crutchlow, al ritorno sulla Yamaha dopo 8 anni tra Ducati e Honda, ed i giapponesi Katsuyuki Nakasuga e Kohta Nozane. E' probabile che i due riferimenti siano stati realizzati entrambi da Cal, del quale ci sono prove fotografiche sia in sella alla T2 che alla T3.

In quarta posizione troviamo il miglior degli esordienti, che è stato Enea Bastianini. Una bella risposta per il campione del mondo della Moto2 che aveva vissuto un viaggio verso il Qatar travagliato a causa di un falso positivo al test COVID prima della partenza ed è arrivato in extremis per questa prima giornata di prove. Alla fine ha completato 35 tornate con un best di 1'58"051, che lo ha messo di pochi millesimi davanti al collaudatore Ducati Michele Pirro, che oggi ha provato alcune novità aerodinamiche nonostante le condizioni avverse.

Leggi anche:

Per Enea però è importante soprattutto essere riuscito ad essere più veloce degli altri esordienti: con un crono di 1'58"376, Luca Marini ha chiuso in ottava posizione con la Ducati griffata Sky Racing Team VR46, con all'attivo 33 tornate. Poco più indietro, in decima piazza, c'è invece Jorge Martin in 1'58"875. 31 invece i giri completati dallo spagnolo del Pramac Racing, che è anche incappato in una scivolata senza conseguenze alla curva 3.

Come detto c'era attesa anche per il debutto della nuova Aprilia RS-GP e a battezzarla è stato Lorenzo Savadori. Il pilota romagnolo ha messo insieme 38 tornate e con il suo 1'58"273 ha chiuso la giornata al settimo posto. Il suo compagno Aleix Espargaro invece è rimasto a guardare all'interno del box, probabilmente anche a causa delle condizioni che non permettevano di valutare il pacchetto spingendo a dovere.

In pista c'erano anche i collaudatori dei campioni del mondo della Suzuki, che domani mattina presenteranno ufficialmente la loro squadra. Sylvain Guintoli è stato tra i più attivi della giornata con i suoi 53 passaggi, ma si è dovuto accontentare della nona prestazione in 1'58"614. Molto più staccato invece il giapponese Takuya Tsuda, rimasto addirittura al di sopra del 2'01".

Sembra esserla presa con grande calma anche Dani Pedrosa: il collaudatore della KTM non ha avuto particolari acuti in questa prima giornata e si è piazzato appena in 11esima piazza con un 1'59"055 staccato al 24esimo dei 34 giri completati.

MotoGP 2021 - I tempi dello shakedown

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Stefan Bradl Honda 1’55”614 60
2 Yamaha Test 2 Yamaha 1’56”850 58
3 Yamaha Test 1 Yamaha 1’57”132 39
4 Enea Bastianini Ducati 1’58”051 35
5 Michele Pirro Ducati 1’58”056 58
6 Yamaha Test 3 Yamaha 1’58”238 11
7 Lorenzo Savadori Aprilia 1’58”273 38
8 Luca Marini Ducati 1’58”376 33
9 Sylvain Guintoli Suzuki 1’58”614 53
10 Jorge Martin Ducati 1’58”875 31
11 Dani Pedrosa KTM 1’59”055 34
12 Takuya Tsuda Suzuki 2’01”390 24
condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: lo shakedown in Qatar

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: lo shakedown in Qatar

Prossimo Articolo

Marini: “Mi aspettavo peggio, ma fatico in frenata”

Marini: “Mi aspettavo peggio, ma fatico in frenata”
Carica commenti
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021