Test MotoGP Qatar 2, Giorno 2: Vinales nella tripletta Yamaha

Le M1 hanno monopolizzato le prime tre posizioni con Vinales, Morbidelli e Quartararo, ma il record di Miller ha retto. La Ducati comunque è vicina con Bagnaia. Ancora bene l'Aprilia, quinta con Aleix Espargaro davanti alle due Suzuki. E risale la china anche Rossi, ottavo ma a sette decimi dalle altre Yamaha. Alex Marquez cade e si procura una microfrattura al piede destro.

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 2: Vinales nella tripletta Yamaha

Il record realizzato ieri da Jack Miller è rimasto imbattuto nella seconda giornata del secondo test collettivo della MotoGP in Qatar, ma ancora una volta sono state le Yamaha ed una Ducati a contendersi la vetta della classifica, in un duello che ha visto prevalere le M1.

Negli anni passati, Maverick Vinales ci aveva abituati ad essere uno specialista dei test, invece in questo 2021 ha dovuto attendere la penultima giornata per mettere tutti in fila con un 1'53"244 realizzato proprio negli ultimi dieci minuti. Il tutto dopo aver mostrato anche un ottimo passo nel corso della sessione.

Quella dello spagnolo però non è stata l'ultima zampata della serata, perché quasi a tempo scaduto è stato Franco Morbidelli a portare in seconda posizione la sua Yamaha Petronas, fermandosi a soli 79 millesimi dal capolista. Entrambi hanno così beffato Fabio Quartararo, che aveva quasi copiato il tempo che ieri gli era valso la seconda piazza, ma con il suo 1'53"398 ha comunque partecipato alla tripletta Yamaha. La Casa di Iwata, tra le altre cose, ha anche portato al debutto un nuovo parafango molto interessante.

A fare da "spettatore" al duello tra le due M1 c'è Pecco Bagnaia. Il pilota della Ducati aveva già mostrato un passo molto interessante nei giorni scorsi, ma oggi è riuscito anche a piazzare un time attack di alto livello, chiudendo ad appena un paio di decimi dalla vetta. Questa volta invece è stato meno brillante il suo compagno Jack Miller, che si è dovuto accontentare dell'11esimo tempo a 1"1, ma probabilmente non ha fatto una vera e propria simulazione di qualifica.

Continua a stupire però anche l'Aprilia, con Aleix Espargaro che oggi ha issato la RS-GP in quinta posizione, accreditato di un ottimo 1'53"640. La nuova creatura della Casa di Noale sembra sempre di più avere tutte le carte in regola per diventare la grande rivelazione di questo 2021. O almeno sembra avere il potenziale per fare qualcosa di importante nelle prime due gare della stagione a Losail.

Se ieri avevano avuto qualche difficoltà da questo punto di vista, oggi hanno fatto uno step importante dal punto di vista del time attack entrambi i piloti della Suzuki, che si sono andati attestare in sesta ed in settima posizione, riuscendo entrambi finalmente ad ingrangere il muro dell'1'54". In 1'53"827, il campione del mondo Joan Mir precede di appena 33 millesimi la GSX-RR gemella di Alex Rins.

Rispetto a ieri, Valentino Rossi è riuscito a fare un grande passo avanti: Anche se per appena 7 millesimi, anche lui ha finalmente abbattuto il muro dell'1'54" in 1'53"993 e in questo modo si è piazzato agevolmente nelle posizioni di testa, chiudendo ottavo. Se si vuole trovare un neo a questa giornata è il gap dalle altre tre M1 di sette decimi, ancora un po' troppo ampio.

Nella top 10 poi c'è spazio anche per l'altra Ducati di Johann Zarco, ma soprattutto per la Honda di Pol Espargaro. Oggi lo spagnolo è incappato nella sua prima caduta in sella alla RC213V, ma poi non si è perso d'animo e per diversi minuti si era anche preso la vetta della classifica. Ma soprattutto ha mostrato un ritmo niente male, riuscendo a completare un buon run con diversi giri sul ritmo dell'1'54".

In casa Honda però non è stata una giornata particolarmente fortunata, soprattutto per l'infortunio di Alex Marquez: lo spagnolo è stato vittima di un highside alla curva 9 e all'inizio sembrava non si fosse fatto nulla, infatti era stato riportato ai box come passeggero sulla KTM di Iker Lecuona (era stata esposta la bandiera rossa). Tuttavia, i successivi accertamenti hanno evidenziato una microfrattura del quarto metacarpo del piede destro.

Quella di Alex non è stata la sola caduta in casa Honda, perché a terra c'è finito anche il collaudatore Stefan Bradl, che già non era particolarmente in forma dopo la scivolata di ieri. Ma non è il solo, perché all'elenco si è aggiunto anche Jorge Martin, che però si è consolato con un 14esimo tempo che gli è valso la palma di miglior rookie, anche se per appena 14 millesimi ai danni di Enea Bastianini. Tra l'altro, ad un paio d'ore dal termine si erano portati entrambi nella top 10, respirando per la prima volta l'aria dell'alta classifica. Più attardato invece Luca Marini, 20esimo e mezzo secondo più indietro.

A livello di time attack continuano a fare una grande fatica le KTM ed oggi il più veloce tra i piloti delle RC16 è stato Brad Binder, anche se non è andato oltre al 16esimo tempo in 1'54"691. L'unica buona notizia è che Danilo Petrucci è riuscito ad allinearsi alle prestazioni dei piloti ufficiali, perché è stato appena due decimi più lento del sudafricano ed uno rispetto a Miguel Oliveira che lo precede.

In coda al gruppo poi troviamo anche Lorenzo Savadori, che sta pagando un problema ad una spalla, che gli impedisce di essere troppo competitivo nonostante una Aprilia davvero veloce. Per lui oggi c'è stata anche una scivolata ed il 23esimo tempo a fine giornata.

I tempi a fine giornata

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Maverick Vinales Yamaha 1'53”244 58
2 Franco Morbidelli Yamaha 1'53”323 62
3 Fabio Quartararo Yamaha 1'53”398 52
4 Pecco Bagnaia Ducati 1'53”444 53
5 Aleix Espargaro Aprilia 1'53”640 56
6 Joan Mir Suzuki 1'53”827 37
7 Alex Rins Suzuki 1'53”860 44
8 Valentino Rossi Yamaha 1'53”993 52
9 Johann Zarco Ducati 1'54”056 71
10 Pol Espargaro Honda 1'54”103 65
11 Jack Miller Ducati 1'54”347 58
12 Takaaki Nakagami Honda 1'54”348 52
13 Stefan Bradl Honda 1'54”427 45
14 Jorge Martin Ducati 1'54”483 42
15 Enea Bastianini Ducati 1'54”505 38
16 Brad Binder KTM 1'54”691 56
17 Alex Marquez Honda 1'54”692 36
18 Miguel Oliveira KTM 1'54”735 48
19 Danilo Petrucci KTM 1'54”895 49
20 Luca Marini Ducati 1'55”022 53
21 Yamaha Test 1 Yamaha 1'55”080 40
22 Iker Lecuona KTM 1'55”195 40
23 Lorenzo Savadori Aprilia 1'55”754 40
24 Yamaha Test 3 Yamaha 1'55”831 12
25 Sylvain Guintoli Suzuki 1'56”006 57
26 Dani Pedrosa KTM 1'56”706 29
27 Michele Pirro Ducati 1'56”732 24
28 Yamaha Test 2 Yamaha 1'57”409 53
29 Takuya Tsuda Suzuki 1'58”437 24
condivisioni
commenti
Test MotoGP Qatar 2, Giorno 2: di nuovo Aprilia alle 19

Articolo precedente

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 2: di nuovo Aprilia alle 19

Prossimo Articolo

Marquez, piede fratturato: dichiarato unfit per domani

Marquez, piede fratturato: dichiarato unfit per domani
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021