MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
2 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
18 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
32 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
46 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
53 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
67 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
74 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
88 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
123 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
137 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
158 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
172 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
179 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
193 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
214 giorni

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Quartararo al top alle 17

Le M1 si sono messe in evidenza nelle prime tre ore di questa giornata, con "El Diablo" davanti a Morbidelli e Vinales, mentre resta indietro quella di Rossi. A seguire c'è la Honda di Bradl, tallonata dai due Espargaro, con l'Aprilia che quindi si conferma. Top 10 anche per le Ducati, mentre per ora sono indietro KTM e Suzuki.

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Quartararo al top alle 17

Yamaha alla carica nella giornata d'apertura del secondo test della MotoGP in Qatar. Allo scoccare delle ore 17 a Losail (le 15 in Italia), infatti, davanti a tutti ci sono la bellezza di tre M1, capitanate da quella di Fabio Quartararo, che aveva già chiuso la tre giorni della scorsa settimana in cima alla lista dei tempi.

Proprio pochi istanti prima dello scadere della terza ora, il francese ha staccato un tempo di 1'54"588, lontano dal suo miglior riferimento di domenica comunque, con il quale è saltato davanti alla M1 griffata Petronas affidata a Franco Morbidelli, fermo invece a 1'54"714.

Terzo tempo poi per Maverick Vinales, che con i suoi 29 giri è stato fin qui uno dei più attivi oggi ed ha costantemente abbassato i suoi tempi fino ad arrivare a 1'54"890. All'appello invece manca sempre Valentino Rossi, fin qui anello debole della Yamaha, che si trova in 13esima posizione con un distacco di poco inferiore al secondo.

Continuando a scorrere la classifica, anche oggi se la cavano bene le Honda, con il collaudatore Stefan Bradl in quarta posizione, l'ultimo capace di infrangere la barriera dell'1'55" sin qui nella sessione odierna. Tuttavia, non è troppo distante neppure il nuovo arrivato Pol Espargaro, sesto a meno di un decimo dal tedesco.

A sandwich tra le due RC213V troviamo l'altro Espargaro, Aleix, su una Aprilia RS-GP che ogni giorno che passa fatichiamo sempre di più ad etichettare come una sorpresa, perché sembra aver fatto veramente un passo avanti importante con la versione 2021. Segue poi un terzetto di Ducati, con quella con i colori Pramac di Johann Zarco che precede i due piloti factory, Pecco Bagnaia e Jack Miller. I tre hanno praticamente dei tempi identici, visto che pagano circa sette decimi e sono racchiusi in un fazzoletto di 13 millesimi.

A completare la top 10 troviamo l'altra Honda di Takaaki Nakagami, quindi per il momento restano un po' attardate le KTM e le Suzuki, nonostante le GSX-RR siano state tra le prime a prendere la via della pista. La migliore delle RC16 è quella di Miguel Oliveira, accreditato dell'11esimo tempo in 1'55"529. Bisogna scendere fino alla 15esima piazza invece per trovare il campione del mondo in carica Joan Mir in 1'55"722.

Poco più indietro, in 19esima posizione, c'è Danilo Petrucci, che prosegue il suo apprendistato in sella alla KTM e anche oggi per ora è più veloce del compagno Iker Lecuona. 22esimo tempo invece per l'altra Aprilia di Lorenzo Savadori, mentre nella sfida tutta ducatista tra i rookie per ora la spunta Jorge Martin, ottimo 11esimo con la Desmosedici GP del Pramac Racing. Prestazione che tra l'altro ha ottenuto in soli 5 giri, partendo subito forte. Più attardati invece Enea Bastianini e Luca Marini, rispettivamente 20esimo e 23esimo.

I tempi alle ore 17 locali (le 15 in Italia)

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Fabio Quartararo Yamaha 1’54”588 16
2 Franco Morbidelli Yamaha 1’54”714 16
3 Maverick Vinales Yamaha 1’54”890 29
4 Stefan Bradl Honda 1’54”974 11
5 Aleix Espargaro Aprilia 1’55”049 6
6 Pol Espargaro Honda 1’55”065 20
7 Johann Zarco Ducati 1’55”324 17
8 Pecco Bagnaia Ducati 1’55”336 13
9 Jack Miller Ducati 1’55”337 11
10 Takaaki Nakagami Honda 1’55”372 13
11 Jorge Martin Ducati 1’55”444 8
12 Miguel Oliveira KTM 1’55”529 10
13 Valentino Rossi Yamaha 1’55”540 18
14 Brad Binder KTM 1’55”613 16
15 Joan Mir Suzuki 1’55”722 23
16 Yamaha Test 2 Yamaha 1’55”762 15
17 Alex Rins Suzuki 1’55”791 20
18 Alex Marquez Honda 1’55”993 13
19 Danilo Petrucci KTM 1’56”005 18
20 Enea Bastianini Ducati 1’56”010 12
21 Iker Lecuona KTM 1’56”324 16
22 Lorenzo Savadori Aprilia 1’56”402 20
23 Luca Marini Ducati 1’56”417 12
24 Dani Pedrosa KTM 1’56”422 26
25 Sylvain Guintoli Suzuki '156”922 10
26 Michele Pirro Ducati 1’57”255 29
27 Takuya Tsuda Suzuki 1’57”795 27
28 Yamaha Test 1 Yamaha 1’58”895 26
29 Yamaha Test 3 Yamaha senza tempo 0
condivisioni
commenti
Yamaha celebra i 60 anni di corse con una livrea speciale

Articolo precedente

Yamaha celebra i 60 anni di corse con una livrea speciale

Prossimo Articolo

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Ducati e Miller ok alle 19

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Ducati e Miller ok alle 19
Carica commenti
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021