Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Ducati e Miller ok alle 19

L'australiano si è messo davanti a tutti a due ore dal termine, con il miglior tempo assoluto di questi test in Qatar. Sotto all'1'54" però c'è anche l'Aprilia con Aleix Espargaro. Scalano la classifica anche Vinales e Mir, con Bagnaia che completa la top 5. Bene Pol Espargaro sesto, ma in casa Honda Bradl cade e rompe la carena nuova. Solo 16esimo Rossi.

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Ducati e Miller ok alle 19

Dopo l'attacco dei giapponesi, è arrivata la riscossa dei marchi italiani alle ore 19 locali della prima giornata del secondo test collettivo di MotoGP in Qatar. A due ore dalla bandiera a scacchi, infatti, le uniche moto che sono state capaci di infrangere il muro dell'1'54" sono una Ducati ed una Aprilia.

Nello specifico, Jack Miller ha fatto segnare il miglior tempo assoluto di questo pre-campionato, fermando il cronometro su un tempo di 1'53"826. Ma Aleix Espargaro non è stato tanto da meno, perché è stato capace di portare la rinnovata RS-GP a soli 145 millesimi dalla vetta.

Di poco al di sopra del muro dell'1'54" è rimasto Maverick Vinales, che con la sua Yamaha comunque si è infilato in terza posizione, proseguendo quella progressione costante che lo ha visto migliorarsi nell'arco di tutta la giornata e continuando a macinare tantissimi chilometri (57 giri). Dietro di lui poi ha dato una bella scalata alla classifica anche Joan Mir, che sembra voler lavorare su quello che è stato un po' il punto debole suo e della Suzuki nel 2020: il time attack.

La top 5 si completa con l'altra Ducati di Pecco Bagnaia, che oggi pare decisamente più pimpante rispetto alla scorsa settimana ed è tallonato da un Pol Espargaro che di giorno in giorno sta affinando sempre di più il suo feeling con la RC213V. Il rovescio della medaglia per la Honda è che Stefan Bradl è caduto alla curva 2, tra le altre cose proprio quando stava provando la nuova aerodinamica, e la sua giornata si è conclusa qui, perché è un po' dolorante e non vuole mettere a rischio domani e venerdì.

Leggi anche:

In ogni caso, a fare le veci del collaudatore tedesco, che nel frattempo è arretrato al 13esimo posto, ci ha pensato Takaaki Nakagami, risalito al settimo posto con la Honda LCR, nonostante una scivolata alla curva 1. In ottava posizione c'è poi la Ducati Pramac di Johann Zarco, che è arrivato a toccare una velocità di punta veramente interessante: 352,9 km/h!

La top 10 poi si completa con le due Yamaha di Franco Morbidelli e Fabio Quartararo, con solo l'italiano che ha migliorato di poco il tempo che vi avevamo dato all'aggiornamento precedente. Questo vuol dire che ancora una volta all'appello nella top 10 mancano le KTM, con Miguel Oliveira che è solo 12esimo a otto decimi. Senza contare che per la Casa di Mattighofen c'è stata anche la caduta di Iker Lecuona, fortunatamente senza particolari conseguenze.

Continuano poi a faticare Valentino Rossi e Danilo Petrucci: il "Dottore" si è migliorato, ma il suo 1'55"062 vale solamente la 16esima piazza e lo pone a 1"2 dai migliori. Il nuovo arrivato in casa KTM è invece fermo a 1'55"364, crono che gli frutta solo la 21esima piazza. Per quanto riguarda i rookie, il migliore si conferma Jorge Martin, autore del 15esimo tempo in 1'55"010. Luca Marini ed Enea Bastianini invece sono rispettivamente in 19esima e 20esima posizone, staccati di circa tre decimi dallo spagnolo con le loro Ducati.

I tempi alle ore 19 locali (le 17 in Italia)

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Jack Miller Ducati 1’53”826 27
2 Aleix Espargaro Aprilia 1’53”971 21
3 Maverick Vinales Yamaha 1’54”095 57
4 Joan Mir Suzuki 1’54”215 42
5 Pecco Bagnaia Ducati 1’54”236 36
6 Pol Espargaro Honda 1’54”272 37
7 Takaaki Nakagami Honda 1’54”353 26
8 Johann Zarco Ducati 1’54”420 41
9 Franco Morbidelli Yamaha 1’54”527 28
10 Fabio Quartararo Yamaha 1’54”588 35
11 Alex Rins Suzuki 1’54”672 34
12 Miguel Oliveira KTM 1’54”704 34
13 Stefan Bradl Honda 1’54”974 15
14 Yamaha Test 2 Yamaha 1’54”998 31
15 Jorge Martin Ducati 1’55”010 32
16 Valentino Rossi Yamaha 1’55”062 30
17 Alex Marquez Honda 1’55”212 36
18 Brad Binder KTM 1’55”279 37
19 Luca Marini Ducati 1’55”328 34
20 Enea Bastianini Ducati 1’55”350 27
21 Danilo Petrucci KTM 1’55”364 37
22 Iker Lecuona KTM 1’55”432 26
23 Dani Pedrosa KTM 1’55”640 46
24 Lorenzo Savadori Aprilia 1’56”168 30
25 Sylvain Guintoli Suzuki 1’56”478 30
26 Michele Pirro Ducati 1’57”255 29
27 Yamaha Test 1 Yamaha 1’57”510 47
28 Takuya Tsuda Suzuki 1’57”795 27
29 Yamaha Test 3 Yamaha senza tempo 0
condivisioni
commenti
Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Quartararo al top alle 17
Articolo precedente

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Quartararo al top alle 17

Prossimo Articolo

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Miller e Ducati da record!

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 1: Miller e Ducati da record!
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021