Test MotoGP Portimao: doppietta Aprilia, Lorenzo lento

La Casa di Noale, che gode delle concessioni, ha schierato Aleix Espargaro e Bradley Smith, che hanno chiuso primo e secondo. Lorenzo paga oltre 4"7.

Test MotoGP Portimao: doppietta Aprilia, Lorenzo lento

L'Aprilia ha piazzato le due RS-GP davanti a tutti nella prima delle due giornate di test MotoGP organizzate sul tracciato di Portimao. Un test fondamentale, che servirà ai costruttori a prendere le misure al tracciato portoghese, che ospiterà il round conclusivo del Mondiale.

Approfittando delle concessioni, la Casa di Noale è stata l'unica a portare i suoi piloti titolari in Algarve ed Aleix Espargaro ha suonato la carica con un crono di 1'40"170, realizzato nel turno pomeridiano. Per dare un riferimento, si tratta di una prestazione più veloce di un paio di decimi rispetto alla pole position della Superbike.

Dopo essere stato il più rapido nel turno mattutino, il pilota di Granollers si è ripetuto nel pomeriggio, confermandosi il solo capace di scendere sotto al muro dell'1'41" e staccando di quasi un secondo il compagno di squadra Bradley Smith, che si è fermato a 1'41"122. Domani però sia il britannico che Aleix partiranno alla volta di Le Mans, cedendo il testimone a Lorenzo Savadori.

Leggi anche:

Il terzo tempo di giornata lo ha realizzato Michele Pirro, che è uno dei pochi ad aver piazzato il suo best in mattinata. Il pilota della Ducati ha girato in 1'41"654, ma poi non si è migliorato nel pomeriggio, perché dopo la pausa pranzo ha completato appena 6 giri.

A seguire troviamo la Honda di Stefan Bradl, che nel pomeriggio è sceso fino a 1'41"726. Sopra al muro dell'1'42" invece la KTM di Dani Pedrosa e la Suzuki di Sylvain Guintoli, con lo spagnolo che però è stato il più attivo nel pomeriggio con ben 33 tornate all'attivo.

Il quadro dei collaudatori si completa con Jorge Lorenzo e non si può di certo dire che quello del maiorchino sia stato un grande ritorno, dopo 8 mesi di assenza in sella alla M1. Staccato di oltre 5" in mattinata, il cinque volte campione del mondo ha ridotto a 4"7 il distacco nel pomeriggio, con un 1'44"910 più alto di oltre un secondo rispetto alla prestazione pomeridiana di Maverick Vinales in sella ad una Yamaha R1 stradale.

Lo spagnolo è infatti uno dei tanti piloti titolari che hanno partecipato a questo test in sella a delle moto stradali per prendere le misure al tracciato portoghese. Oltre a lui, per citarne solo alcuni, erano presenti anche Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso. Assente invece il leader iridato Fabio Quartararo ed il suo compagno in Yamaha Petronas, Franco Morbidelli.

Se la maggior parte dei piloti era su moto del marchio che rappresenta in MotoGP, è stata curiosa la scelta fatta dalla KTM, visto che la Casa di Mattighofen non dispone di una vera e propria Superbike: per questo Miguel Oliveira e Brad Binder si sono cimentati su una Yamaha R1, mentre Pol Espargaro si è dato da fare su una Honda CBR.

I tempi a fine giornata:

1. Aleix Espargaro - Aprilia - 1'40"170
2. Bradley Smith - Aprilia - 1'41"122
3. Michele Pirro - Ducati - 1'41"654
4. Stefan Bradl - Honda - 1'41"726
5. Dani Pedrosa - KTM - 1'42"289
6. Sylvain Guintoli - Suzuki - 1'42"336
7. Jorge Lorenzo - Yamaha - 1'44"910

condivisioni
commenti
Taramasso: "A Portimao utile anche la presenza dei titolari"

Articolo precedente

Taramasso: "A Portimao utile anche la presenza dei titolari"

Prossimo Articolo

Quartararo senza motori nuovi per gli ultimi 6 GP dell'anno

Quartararo senza motori nuovi per gli ultimi 6 GP dell'anno
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021