Test MotoGP Misano, Giorno 2: Oliveira tiene in alto la KTM

Il portoghese del Team Tech 3 è stato il solo capace di infrangere il muro dell'1'33", staccando di due decimi Pol Espargaro e Pirro. Si avvicina l'Aprilia con Aleix.

Test MotoGP Misano, Giorno 2: Oliveira tiene in alto la KTM

La KTM ha continuato a dettare il passo anche nella seconda giornata dei test privati di Misano della MotoGP. I tempi ufficiosi vedono davanti a tutti infatti una RC16, ma questa volta si tratta di quella di Miguel Oliveira, con il portoghese che è stato il solo capace di infrangere il muro dell'1'33" con il suo 1'32"9.

Appena una paio di decimi più indietro, c'è il pilota ufficiale Pol Espargaro, che questa volta si è dovuto accontentare del secondo tempo, confermando però il buon feeling che la moto austriaca sembra aver instaurato con il tracciato romagnolo. L'1'33"1 dello spagnolo però è stato imitato da Michele Pirro, unico alfiere della Ducati presente in pista, che ha portato avanti il lavoro sulle novità viste ieri.

Leggi anche:

Rispetto a ieri ha fatto un bel passo avanti Aleix Espargaro, che dopo essersi tolto di dosso la ruggine del lockdown ha portato l'Aprilia a girare in 1'33"4, ritoccando quindi di circa mezzo secondo la prestazione di ieri. Come aveva promesso ieri Massimo Rivola, la Casa di Noale sta quindi cercando di arrivare alla prestazione in maniera graduale, su una pista sulla carta non troppo favorevole.

La nota meno lieta della giornata per l'Aprilia semmai è la prestazione di Bradley Smith: il collaudatore britannico, che sostituirà Andrea Iannone nelle prime uscite stagionali, ha visto aumentare ad otto decimi il suo distacco nei confronti del compagno di squadra e con il suo 1'34"2 ha girato più alto di ieri, chiudendo anche alle spalle dei due rookie KTM, Brad Binder ed Iker Lecuona.

In realtà, i ducatisti in pista oggi erano due, perché sul tracciato dedicato a Marco Simoncelli è arrivato anche Johann Zarco. Il portacolori del Team Avintia, però, non ha girato con la Desmosedici GP, ma è sceso in pista su una Panigale R, seguito dal suo capotecnico Marco Rigamonti.

Tra i presenti poi c'era sempre anche la Suzuki con il collaudatore Sylvain Guintoli, ma non ci sono riscontri cronometrici legati alle prestazioni del pilota francese.

condivisioni
commenti
Jerez a porte chiuse: niente pubblico per MotoGP e SBK

Articolo precedente

Jerez a porte chiuse: niente pubblico per MotoGP e SBK

Prossimo Articolo

Battistella: "Dovizioso al 99% rinnoverà con Ducati"

Battistella: "Dovizioso al 99% rinnoverà con Ducati"
Carica commenti
Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021