Test MotoGP Losail, Giorno 1: Rins nella grande doppietta Suzuki

Le due GSX-RR monopolizzano le prime due posizioni separate da 2 millesimi, ma anche Vinales è vicino. La Ducati lavora sull'holeshot e Petrucci è quarto. Cresce Marquez, sesto davanti a Rossi. Cade Dovizioso, 11esimo.

Test MotoGP Losail, Giorno 1: Rins nella grande doppietta Suzuki

La Suzuki ora inizia a fare paura veramente. Dopo aver brillato in Malesia, dove Alex Rins ha mostrato un ottimo passo gara, le GSX-RR hanno addirittura monopolizzato le prime due posizioni nella giornata inaugurale dei test in Qatar, su una pista come quella di Losail che non è mai stata troppo congeniale alle moto della grande S.

Alex Rins ha preso le redini della classifica a pochi minuti dalla bandiera a scacchi, realizzando un crono di 1'54"462, grazie al quale ha beffato per appena due millesimi il compagno di squadra Joan Mir. Tra le altre cose, nel box della Suzuki oggi si è visto anche un nuovo telaio, sul quale si poteva vedere chiaramente un rinforzo in carbonio.

Il primo degli inseguitori comunque è un altro pilota che a sua volta si era messo in evidenza a Sepang, ovvero Maverick Vinales. Il pilota della Yamaha è stato al comando per buona parte della giornata e alla fine si è arreso alle due GSX-RR per appena 32 millesimi.

Su una pista dove ha vinto negli ultimi due anni, anche la Ducati si è riaffacciata nelle posizioni di vertice, almeno con Danilo Petrucci. Il pilota di Terni è quarto, staccato di 172 millesimi. Andrea Dovizioso invece è più attardato, in 11esima posizione, ma nel finale è anche incappato in una scivolata.

Entrambi i piloti della Casa di Borgo Panigale oggi hanno lavorato sulla possibilità di utilizzare durante la guida il sistema holeshot che abbassa il posteriore della moto. E' probabilmente questa l'arma in più su cui puntano gli uomini in Rosso.

A completare la top 5 c'è Franco Morbidelli con la Yamaha Spec A del Team Petronas. Il pilota italiano ha lavorato con il forcellone in carbonio, mentre le altre M1 hanno proseguito con quelle in alluminio. Continuando a parlare della Casa di Iwata, Valentino Rossi e Fabio Quartararo sono in settima ed ottava posizione, distanziati rispettivamente di quattro e sei decimi. "El Diablo" ha anche provato per la prima volta il sistema holeshot.

Davanti al "Dottore" troviamo un Marc Marquez ancora alla ricerca della forma fisica migliore dopo l'operazione alla spalla destra dello scorso novembre. Rispetto alla Malesia, il campione del mondo sembra aver fatto un bel passo avanti con il sesto tempo a poco più di tre decimi, anche se con i suoi 42 giri non è stato tra i più attivi di giornata. A questo poi bisogna aggiungere che la sua è stata la sola RC213V nella top 10.

In nona posizione c'è l'altra Ducati di Pecco Bagnaia, che ha scalato la classifica proprio nel finale, infilandosi davanti all'Aprilia di Aleix Espargaro. La RS-GP 2020 sembra dare conferme positive anche su una pista completamente diversa da quella di Sepang, anche se l'altra moto, quella del collaudatore Bradley Smith, si trova in fondo al gruppo.

Detto dell'11esimo tempo di Dovizioso, alle sue spalle ci sono le altre due Desmosedici GP di Johann Zarco, che di uscita in uscita si avvicina alla top 10, e Jack Miller, che invece è incappato in una scivolata senza conseguenze. Solo 14esima quindi la prima delle KTM, con un Pol Espargaro che è l'ultimo a pagare meno di un secondo su una pista su cui la RC16 non ha mai brillato troppo.

Questa prima giornata era iniziata alla grande per Alex Marquez, che dopo due ore si trovava al comando della classifica. Il nuovo arrivato in casa HRC però ha via via perso posizioni, fino ad arretrare 21esimo a due secondi. Il campione del mondo della Moto2, che ha anche provato una nuova carena con un airbox più piccolo ed è un po' debilitato dall'influenza, si è reso protagonista di ben due scivolate.

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Alex Rins Suzuki 1'54”462 47
2 Joan Mir Suzuki 1'54”464 54
3 Maverick Vinales Yamaha 1'54”494 50
4 Danilo Petrucci Ducati 1'54”634 41
5 Franco Morbidelli Yamaha 1'54”700 57
6 Marc Marquez Honda 1'54”823 42
7 Valentino Rossi Yamaha 1'54”876 51
8 Fabio Quartararo Yamaha 1'55”074 56
9 Pecco Bagnaia Ducati 1'55”204 56
10 Aleix Espargaro Aprilia 1'55”268 41
11 Andrea Dovizioso Ducati 1'55”308 43
12 Johann Zarco Ducati 1'55”360 63
13 Jack Miller Ducati 1'55”430 51
14 Pol Espargaro KTM 1'55”449 43
15 Takaaki Nakagami Honda 1'55”627 41
16 Brad Binder KTM 1'55”644 53
17 Tito Rabat Ducati 1'55”707 60
18 Miguel Oliveira KTM 1'55”737 42
19 Cal Crutchlow Honda 1'55”757 50
20 Iker Lecuona KTM 1'56”136 47
21 Alex Marquez Honda 1'56”552 57
22 Bradley Smith Aprilia 1'57”027 54
condivisioni
commenti
Test MotoGP Losail, Giorno 1: Vinales precede le Ducati dopo 4 ore
Articolo precedente

Test MotoGP Losail, Giorno 1: Vinales precede le Ducati dopo 4 ore

Prossimo Articolo

Holeshot 2.0, Dovizioso non si sbilancia: "Positivo? Speriamo!"

Holeshot 2.0, Dovizioso non si sbilancia: "Positivo? Speriamo!"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021