Test MotoGP Jerez, Turno 2: risposta Yamaha dopo la bandiera rossa

Maverick Vinales e Fabio Quartararo si sono issati davanti a Marc Marquez sia nel pomeriggio che nella combinata. Petrucci cade e si deve fermare.

Test MotoGP Jerez, Turno 2: risposta Yamaha dopo la bandiera rossa

Le Yamaha hanno risposto presente nella sessione pomeridiana dei test collettivi di Jerez de la Frontera, che si è conclusa con un enorme ritardo dovuto all'esposizione di una lunga bandiera rossa.

Ad un blackout elettrico, si è infatti sommata una perdita di olio accusata dall'Aprilia di Aleix Espargaro, della quale hanno fatto le spese Alex Marquez e Danilo Petrucci, cadendo rispettivamente alla curva 6 ed alla curva 11.

Ad avere la peggio è stato il ducatista, che è stato costretto ad abbandonare la sessione dopo appena una decina di minuti: trasportato al Centro Medico, gli sono stati infatti diagnosticati una contrattura al collo ed un leggero trauma cranico, che comunque non gli impediranno di tornare in sella nei prossimi giorni.

Una volta ripresa l'attività in pista però sono arrivate delle risposte importanti. Su tutte quelle delle Yamaha di Maverick Vinales e Fabio Quartararo, che si sono issate nelle prime due posizioni del turno pomeridiano, scendendo sotto al riferimento mattutino di Marquez.

Lo spagnolo è sceso fino a 1'37"793, precedendo di appena 118 millesimi il francese del Team Petronas. In terza posizione, sia nel turno che nella giornata troviamo poi Marc Marquez, che però è il primo tra i piloti che non sono riusciti a migliorarsi con un 1'38"021. Il suo best quindi rimane quello di stamani in 1'37"941.

Leggi anche:

Discorso simile che vale per Alex Rins, quarto in entrambe le graduatorie. Non è andata altrettanto bene invece per Valentino Rossi: il "Dottore" ha chiuso la giornata con la quinta prestazione assoluta, ma nel pomeriggio non è riuscito a fare meglio di 1'39"302 che lo ha tenuto al 16esimo posto del turno.

L'elenco di quelli che non sono riusciti a migliorare il crono della mattina contempla anche Aleix Espargaro (Aprilia), Cal Crutchlow (Honda LCR) e Jack Miller (Ducati Pramac), che seguono il pesarese nelle posizioni comprese tra la sesta e l'ottava. Hanno entrambi ritoccato la prestazione mattutina invece Joan Mir e Pecco Bagnaia, che quindi completano la top 10 di giornata con la Suzuki e con la seconda Ducati Pramac.

La prima delle KTM è sempre quella di Miguel Oliveira, 11esimo grazie al crono realizzato stamani, mentre continua a faticare Andrea Dovizioso, anche se ha detto di aver avuto sensazioni positive dalla clavicola operata dopo l'incidente di motocross. Il ducatista ha chiuso 15esimo nella combinata, anche se con un distacco di poco meno di un secondo.

Poco davanti a lui c'è Franco Morbidelli, autore di un leggero miglioramento nel pomeriggio con la sua Yamaha Petronas, ma anche incappato in una scivolata alla curva 13 nei minuti conclusivi. Dopo la scivolata sull'olio di Espargaro, non è andata particolarmente bene neppure ad Alex Marquez, 20esimo a quasi un secondo e mezzo dal fratello Marc nella cumulativa, con alle sue spalle i soli Petrucci e Tito Rabat, quest'ultimo vittima di un principio d'incendio nel turno mattutino.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora.

MotoGP - Test Jerez (classifica cumulativa)

Pos. Pilota Moto Mattino Pomeriggio
1 Maverick Vinales Yamaha 1’38”863 1’37”793
2 Fabio Quartararo Yamaha 1’38”312 1’37”911
3 Marc Marquez Honda 1’37”941 1’38”021
4 Alex Rins Suzuki 1’38”193 1’38”317
5 Valentino Rossi Yamaha 1’38”222 1’39”302
6 Aleix Espargaro Aprilia 1’38”285 1’38”549
7 Cal Crutchlow Honda 1’38”313 1’39”055
8 Jack Miller Ducati 1’38”348 1’38”676
9 Joan Mir Suzuki 1’38”823 1’38”380
10 Pecco Bagnaia Ducati 1’38”792 1’38”417
11 Miguel Oliveira KTM 1’38”426 1’39”364
12 Johann Zarco Ducati 1’39”139 1’38”513
13 Pol Espargaro KTM 1’38”844 1’38”592
14 Franco Morbidelli Yamaha 1’38”733 1’38”646
15 Andrea Dovizioso Ducati 1’39”201 1’38”779
16 Takaaki Nakagami Honda 1’38”873 1’39”063
17 Bradley Smith Aprilia 1’38”942 1’39”456
18 Brad Binder KTM 1’39”282 1’39”016
19 Iker Lecuona KTM 1’39”089 1’39”349
20 Alex Marquez Honda 1’39”151 1’39”378
21 Danilo Petrucci Ducati 1’39”249 1’40”362
22 Tito Rabat Ducati 1’39”559 1’39”407
condivisioni
commenti
Brembo: debutto in gara per la nuova pinza GP4

Articolo precedente

Brembo: debutto in gara per la nuova pinza GP4

Prossimo Articolo

Quartararo punito per il test in Francia: salterà 20 minuti di FP1

Quartararo punito per il test in Francia: salterà 20 minuti di FP1
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021