Test MotoGP Jerez, Turno 1: Marquez al top, Rossi terzo

Il campione del mondo è stato il solo a scendere sotto all'1'38", seguito dalla Suzuki di Rins e dal "Dottore". 22 giri per Dovizioso, che è solo 19esimo.

Test MotoGP Jerez, Turno 1: Marquez al top, Rossi terzo
Carica lettore audio

Dopo oltre quattro mesi, finalmente la MotoGP è tornata ad accendere i motori a Jerez de la Frontera, con la prima ora e mezza di test collettivi in vista del debutto stagionale di questo fine settimana.

Verrebbe da dire che, nonostante la pausa forzata, la musica non è cambiata, perché al termine di questi primi 90 minuti di prove davanti a tutti troviamo il campione del mondo in carica Marc Marquez, che durante il lockdown ha avuto anche il tempo per guarire completamente dall'operazione alla spalla.

Il pilota della Honda è stato il solo capace di infrangere la barriera dell'1'38" con un 1'37"941 che lo ha posto subito al di sotto del record in gara del tracciato andaluso.

Lo spagnolo si è issato davanti a tutti proprio nel finale, quando abbiamo assistito ad uno stravolgimento abbastanza importante della classifica, che ha portato in seconda posizione la Suzuki di Alex Rins, staccata però di 252 millesimi.

Un altro che ha fatto un balzo in avanti deciso nel finale è stato Valentino Rossi, autore del terzo tempo a 281 millesimi da Marc. Il "Dottore" è stato quindi il migliore tra i piloti Yamaha, con l'astro nascente Fabio Quartararo quinto e Franco Morbidelli nono per i colori Petronas.

Più attardata invece l'altra M1 ufficiale di Maverick Vinales, con lo spagnolo che però sembra essersi concentrato sul passo gara, senza cercare la prestazione nei minuti conclusivi. Alla fine, infatti, occupa solamente la 13esima posizione con un ritardo di nove decimi.

Tra Rossi e Quartararo c'è la nota lieta di questo primo turno, ovvero l'Aprilia RS-GP di Aleix Espargaro, che anche sul tracciato andaluso sembra aver trovato conferma dell'ottima impressione fatta durante i test invernali. In crescita anche il suo compagno Bradley Smith, fino a pochi minuti dal termine della top 10, ma alla fine 15esimo.

Sesto tempo per Cal Crutchlow, che si appresta quindi ad iniziare l'ultima stagione in sella alla Honda del Team LCR. E bisogna dire che il suo erede Alex Marquez non è stato particolarmente all'altezza, visto che non è andato oltre al 18esimo tempo con la seconda RC213V del factory team, staccato di 1"2 dal fratello Marc.

Per ora non hanno brillato le Ducati: la miglior Desmosedici GP è quella di Jack Miller, settimo a quattro decimi dopo essere stato però anche al comando per buona parte del turno. Decimo tempo invece per il suo compagno di squadra Pecco Bagnaia, mentre le due moto del team ufficiale sono in coda al gruppo.

Se per Andrea Dovizioso, autore di 22 giri, il 19esimo tempo si può giustificare con la convalescenza dall'operazione alla clavicola infortunata in una gara di cross. E' più complicato spiegare il motivo dell'enorme ritardo di Danilo Petrucci, accreditato del 20esimo tempo a 1"3 dalla vetta.

Concludiamo con le KTM: la miglior RC16 è stata quella del futuro pilota ufficiale Miguel Oliveira, autore dell'ottavo tempo a poco meno di mezzo secondo. Più staccato invece il futuro pilota Honda Pol Espargaro, 12esimo alle spalle anche della seconda Suzuki di Joan Mir.

Va detto però che sono ben quindici i piloti racchiusi nello spazio di appena un secondo e che nelle prime otto posizioni sono rappresentati tutti i sei marchi presenti in griglia. Insomma, gli ingredienti per una grande partenza sembrano esserci proprio tutti.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Pos. Pilota Moto Tempo Giri
1 Marc Marquez Honda 1’37”941 31
2 Alex Rins Suzuki 1’38”193 33
3 Valentino Rossi Yamaha 1’38”222 32
4 Aleix Espargaro Aprilia 1’38”285 23
5 Fabio Quartararo Yamaha 1’38”312 30
6 Cal Crutchlow Honda 1’38”313 31
7 Jack Miller Ducati 1’38”348 22
8 Miguel Oliveira KTM 1’38”426 31
9 Franco Morbidelli Yamaha 1’38”733 30
10 Pecco Bagnaia Ducati 1’38”792 27
11 Joan Mir Suzuki 1’38”823 28
12 Pol Espargaro KTM 1’38”844 31
13 Maverick Vinales Yamaha 1’38”863 29
14 Takaaki Nakagami Honda 1’38”873 28
15 Bradley Smith Aprilia 1’38”942 22
16 Iker Lecuona KTM 1’39”089 26
17 Johann Zarco Ducati 1’39”139 33
18 Alex Marquez Honda 1’39”151 33
19 Andrea Dovizioso Ducati 1’39”201 22
20 Danilo Petrucci Ducati 1’39”249 21
21 Brad Binder KTM 1’39”282 29
22 Tito Rabat Ducati 1’39”559 26
condivisioni
commenti
Crutchlow rifiuta la Superbike: “L’obiettivo è restare in MotoGP”
Articolo precedente

Crutchlow rifiuta la Superbike: “L’obiettivo è restare in MotoGP”

Prossimo Articolo

Brembo: debutto in gara per la nuova pinza GP4

Brembo: debutto in gara per la nuova pinza GP4
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021