Test MotoGP Jerez, Giorno 2: Marquez prima della pioggia

I piloti hanno avuto a disposizione meno di un paio d'ore sull'asciutto in questa seconda giornata, che ha visto svettare il campione del mondo, che però domani si dovrà operare alla spalla destra. I primi sei tutti racchiusi in meno di due decimi.

Test MotoGP Jerez, Giorno 2: Marquez prima della pioggia

La stagione 2019 della MotoGP è finita a tutti gli effetti. La pioggia ha portato ad una conclusione anticipata della seconda giornata dei test collettivi di Jerez, che è stata pressoché inutile, visto che i giri a disposizione sull'asciutto sono stati davvero pochi per tutti.

Nonostante tutto, Marc Marquez ha chiuso il 2019 a modo suo, ovvero davanti a tutti, ma anche con una brutta notizia. Prima che la pioggia arrivasse a bagnare l'asfalto del tracciato andaluso, infatti, il pilota della Honda era stato il più veloce in sella al prototipo 2020 con un tempo di 1'37"820.

Tuttavia, a fine giornata ha annunciato che domani si sottoporrà ad un intervento chirurgico alla spalla destra, che si era lussata in occasione della caduta avvenuta durante le qualifiche di Sepang ed aveva avuto una recidiva in quella di ieri. Per il #93, dunque, si prospetta un altro inverno travagliato.

Visto il poco tempo a disposizione sull'asciutto, non c'è da stupirsi se nelle prime sei posizioni sono tutti molto ravvicinati tra loro, racchiusi nello spazio di appena 166 millesimi. A seguire Marquez troviamo le due Suzuki di Alex Rins e Joan Mir, che oggi avrebbero dovuto saggiare anche una nuova aerodinamica, ma nel frattempo hanno continuato a lavorare con il motore ed il telaio evoluti della GSX-RR.

Quarto e quinto tempo invece per le due Yamaha di Maverick Vinales e Fabio Quartararo. Lo spagnolo era stato il grande mattatore della prima giornata, ma soprattutto è convinto di aver dato alla Casa di Iwata le indicazioni giuste per portare a Sepang una M1 migliore. L'astro nascente francese invece ha continuato a prendere confidenza con il propulsore 2020, con il quale deve ancora instaurare il giusto feeling.

In sesta posizione troviamo la Ducati di Andrea Dovizioso, che a sua volta è sceso sotto al muro dell'1'38", ma ha completato appena 5 giri. Le Rosse sono senza ombra di dubbio quelle che si sono date meno da fare, con Jack Miller ottavo con appena 4 giri all'attivo e Danilo Petrucci 12esimo con 10.

Tra il forlivese e l'australiano c'è la seconda Yamaha Petronas di Franco Morbidelli, mentre in nona posizione troviamo la KTM di Pol Espargaro, ma pure lo spagnolo non è andato oltre i 10 giri.

Tra i più attivi di giornata invece c'è stato Valentino Rossi, autore di ben 33 tornate. Il "Dottore" ha migliorato la sua prestazione di ieri e ridotto il distacco dalla vetta, ma non è riuscito a completare il programma che aveva previsto per oggi. In ogni caso, ne ha approfittato per valutare il nuovo motore Yamaha anche con la pista bagnata.

36 anche i giri di Alex Marquez (solamente Bradley Smith ha girato di più con 43), che ha continuato il suo apprendistato con la Honda chiudendo in 17esima posizione e giustamente ha girato abbastanza anche quando è arrivata la pioggia per iniziare a capire come si comporta una MotoGP sul bagnato. Stesso discorso che vale anche per i due rookie KTM, ovvero Iker Lecuona e Brad Binder.

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Marc Marquez Honda 1’37”820 14
2 Alex Rins Suzuki 1’37”837 24
3 Joan Mir Suzuki 1’37”959 12
4 Maverick Vinales Yamaha 1’37”964 15
5 Fabio Quartararo Yamaha 1’37”973 26
6 Andrea Dovizioso Ducati 1’37”986 5
7 Franco Morbidelli Yamaha 1’38”100 19
8 Jack Miller Ducati 1’38”113 4
9 Pol Espargaro KTM 1’38”211 10
10 Valentino Rossi Yamaha 1’38”352 33
11 Andrea Iannone Aprilia 1’38”442 4
12 Danilo Petrucci Ducati 1’38”452 10
13 Cal Crutchlow Honda 1’38”674 14
14 Tito Rabat Ducati 1’38”813 24
15 Aleix Espargaro Aprilia 1’38”940 24
16 Sylvain Guintoli Suzuki 1’38”962 14
17 Alex Marquez Honda 1’39”224 36
18 Dani Pedrosa KTM 1’39”594 11
19 Michele Pirro Ducati 1’39”845 15
20 Iker Lecuona KTM 1’39”880 26
21 Bradley Smith Aprilia 1’39”884 43
22 Brad Binder KTM 1’39”943 35
23 Eric Granado Ducati 1’49”921 3
condivisioni
commenti
Marc Marquez deve operarsi alla spalla destra

Articolo precedente

Marc Marquez deve operarsi alla spalla destra

Prossimo Articolo

Viñales: “Sappiamo dove migliorare, in Malesia saremo pronti”

Viñales: “Sappiamo dove migliorare, in Malesia saremo pronti”
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021