MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
G
GP delle Americhe
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
32 giorni
G
GP d'Argentina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
46 giorni
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP di Francia
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP della Catalogna
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
95 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
116 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
130 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
158 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
165 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP di Aragon
01 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
242 giorni
G
GP di Valencia
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
256 giorni

Tecnica Ducati: dalle ali a Sigma al correttore d'assetto?

condivisioni
commenti
Tecnica Ducati: dalle ali a Sigma al correttore d'assetto?
Di:
9 feb 2020, 15:00

La Desmosedici GP20 non convince nel giro secco, ma i tecnici di Borgo Panigale hanno lavorato sodo per analizzare le diverse soluzioni aerodinamiche che permetteranno di avere una veste diversa a seconda della conformazione della pista. E in arrivo c'è anche un correttore d'assetto a comando idrulico.

La Desmosedici GP20 è un laboratorio di soluzioni in continua evoluzione. Andrea Dovizioso nella lista dei tempi dei test a Sepang non ha mai impressionato nell’arco dei tre giorni, ma ha svolto un lavoro di messa a punto certosino insieme ai compagni di marchio per far crescere l’arma che avrà il compito di contrastare il passo nel mondiale a Marc Marquez e alla Honda.

Lo staff tecnico diretto da Gigi Dall’Igna continua a sfornare soluzioni aerodinamiche che cambiano il volto (e il comportamento) della Rossa giorno dopo giorno. Rispetto alla moto che è stata presentata a Palazzo Re Enzo a Bologna si osservano diversi cambiamenti che evidenziano quale sia la cura della veste aerodinamica.

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Convogliatore di flusso con più portata

Il convogliatore di flusso (ormai è davvero improprio chiamarle alette) ai lati del cupolino è diventato più grande con una maggiore portata di aria all’interno della struttura biplana che ha una forma più squadrata, mentre in precedenza era più arcuata. Anche l’elemento superiore, di forma quasi triangolare, segue la colorazione grigia dello sponsor Lenovo, mentre nella versione base si arcuava leggermente verso il posteriore.

 

Ducati Desmosedici GP20: si osservano parti di carena con le alette a forma di Sigma

Ducati Desmosedici GP20: si osservano parti di carena con le alette a forma di Sigma

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Anche gli strumenti aerodinamici ai lati della carena hanno diverse configurazioni, capaci di creare più o meno carico nell’anteriore. Il profilo ha una forma a Sigma, ma se la versione vecchia aveva tre elementi più un soffiaggio, l’ultima dispone solo di due pezzi con una diversa sciancratura laterale. Si tratta di modifiche che orientano il flusso in modo diverso e possono essere state studiate per piste dalle caratteristiche molto diverse.

Ducati Desmosedici GP20: si noti la vistosa presa d'aria dei freni anteriori

Ducati Desmosedici GP20: si noti la vistosa presa d'aria dei freni anteriori

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Lo snorkel per i freni

Non passa inosservata anche la presa d’aria a snorkel che alimenta la pinza anteriore dei freni: questa novità (ha mostrato qualcosa di simile anche l’Aprilia RS-GP 2020) lavora in combinazione con la carenatura inferiore del cerchio. È interessante notare come la superficie di questo raddrizzatore di flussi sia aumentata rispetto allo scorso anno, rivelando una corda maggiorata.

Ducati Desmosedici GP20: ecco le due carenature dei cerchi a mezzaluna

Ducati Desmosedici GP20: ecco le due carenature dei cerchi a mezzaluna

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Cresce la mezzaluna

La tendenza è di “vestire” il cerchio riducendo gli effetti negativi delle turbolenze che si creano con la ruota in movimento: così è possibile ripulire almeno parzialmente la scia assicurando una portata d’aria meno turbolente verso i radiatori , migliorando il raffreddamento del motore.

Dovizioso ha utilizzato anche la mezzaluna in carbonio posteriore che ingloba ora la piccola presa che è stata aperta per raffreddare la pinza posteriore.

Ducati Desmosedici GP20: ecco la chiavetta dell'HoleShot sulla piastra della forcella

Ducati Desmosedici GP20: ecco la chiavetta dell'HoleShot sulla piastra della forcella

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

A quando il corretto d’assetto?

L’attenzione non è puntata solo alle questioni aerodinamiche. C’è la consapevolezza che, mentre gli avversari come Yamaha e Aprilia stanno mettendo a punto il proprio HoleShot per migliorare il comportamento della moto in partenza che un inibitore dell’impennata, la Ducati stia lavorando a un sistema più sofisticato che porterà alla delibera di un vero e proprio correttore di assetto comandato idraulicamente, con le due sospensioni che saranno interconnesse…

Prossimo Articolo
Puig: "A Lorenzo auguriamo la fortuna che non ha avuto con Honda"

Articolo precedente

Puig: "A Lorenzo auguriamo la fortuna che non ha avuto con Honda"

Prossimo Articolo

Dall'Igna: "Provati assetti abbastanza diversi con Zarco"

Dall'Igna: "Provati assetti abbastanza diversi con Zarco"
Carica commenti