MotoGP
06 ago
Evento in corso . . .
G
GP d'Austria
13 ago
Prossimo evento tra
6 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
14 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
42 giorni
25 set
Prossimo evento tra
49 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
63 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
77 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
98 giorni
20 nov
Canceled

Taramasso: "In diversi passeranno alla media al posteriore"

condivisioni
commenti
Taramasso: "In diversi passeranno alla media al posteriore"
Di:
22 lug 2020, 08:00

Il responsabile della Michelin crede che l'esperienza maturata nel caldo infernale di domenica sarà molto utile ai piloti in vista della seconda gara di Jerez.

Che a Jerez potesse fare caldo era più di un'ipotesi, ma la realtà probabilmente è stata più "infernale" del previsto per tutti i protagonisti della MotoGP, che finalmente sono riusciti a disputare la prima gara stagionale dopo il lungo stop imposto dalla pandemia del Coronavirus. Quando la temperatura dell'asfalto arriva a sfiorare, e a tratti anche a superare, la soglia dei 60 gradi, diventa tutto più complicato non solo per moto e piloti, ma anche per le gomme.

E lo sa bene Piero Taramasso, responsabile della Michelin, perché le insidie da affrontare sono state diverse. Per la nuova costruzione posteriore non è stato un debutto semplice, anche perché tutti i piloti in griglia hanno optato per montare la mescola soft nonostante le condizioni estreme. Il bilancio per l'azienda francese però è positivo, perché le prestazioni si sono viste, con Fabio Quartararo che ha fatto segnare il record del tracciato andaluso nelle qualifiche di sabato, prima di andare a centrare la sua prima affermazione nella classe regina.

Questo fine settimana ci sarà il bis a Jerez e secondo Taramasso l'esperienza maturata domenica scorsa aiuterà squadre e piloti a trovare le contromisure giuste, magari a partire proprio da una scelta differente per quanto riguarda la mescola al posteriore.

"Un drop della gomma c'è stato nel corso della gara, ma con una temperatura così alta era inevitabile. In diversi hanno anche sottolineato che domenica c'era meno grip rispetto a venerdì e sabato, perché c'è sempre il discorso legato al fatto che le Moto2 tendono a 'pulire' la pista e a portare via la gommatura delle MotoGP. Ed è una cosa che succede soprattutto quando fa particolarmente caldo. Noi ci stiamo dando da fare, anche con delle misurazioni, per provare a trovare una soluzione tecnica a questo problema, anche se magari basterebbe solo far correre la MotoE prima della MotoGP dove possibile" ha spiegato Taramasso a Motorsport.com.

"Poi sono andati tutti sulla scelta della morbida al posteriore e forse sarebbe stato meglio provare la media o la dura. A volte i piloti si fanno anche condizionare e scelgono la gomma in base a quello che fanno la maggior parte degli altri. Comunque credo che nella gara di domenica prossima qualcuno utilizzerà la media. Questa dovrebbe essere la soluzione ideale, perché è anche quella che aveva usato la maggior parte dei piloti l'anno scorso".

C'è stato qualcuno che ha avuto problemi di surriscaldamento all'anteriore stando molto vicino alla moto che li precedeva. Su questo fronte non c'è modo di prendere delle contromisure?
"Noi riproporremo la stessa allocazione. Magari cambiare la gomma posteriore può aiutare a frenare di più la moto. E magari si può pensare anche di modificare un pochino il bilanciamento dei pesi per scaricare l'anteriore. Però è un lavoro che va fatto a livello di setting, cercando poi di stare il meno possibile in scia una volta in pista. Forse siamo anche partiti con delle pressioni troppo alte e con queste temperature hanno raggiunto dei valori che non sono quelli abituali. Quindi questo è un altro aspetto su cui si può pensare di andare ad agire".

Altri hanno anche detto che il grip offerto dalla nuova gomma posteriore è talmente tanto che ad un certo punto finisce per spingere sull'anteriore...
"Si, la nuova posteriore offre più grip ed è anche molto costante. L'anteriore invece tende a calare un po' prima ed è in quel momento lì che può capitare di sentire una sorta di spinta sulla ruota davanti. Per questo penso che passando ad una media o ad una dura al posteriore ci possa essere anche l'opportunità di avere una moto più bilanciata. Credo che questo weekend le proveranno in tanti e magari scopriranno che è la soluzione migliore".

Il passo gara è stato un po' lento rispetto alle previsioni, ma non solo per una questione di gomme. Dal punto di vista fisico in tanti hanno detto che è stata davvero durissima...
"Lecuona si è ritirato per quello. Dovizioso, che è sempre uno dei più preparati dal punto di vista fisico, durante la gara ha pensato anche lui di ritirarsi un paio di volte, proprio perché fisicamente era durissima. Aleix Espargaro, che ha fatto solo un paio di giri prima di ritirarsi, diceva che al primo giro gli sembrava che ci fossero mille gradi. Noi ce lo aspettavamo il caldo e infatti avevamo modificato l'allocazione, ma non una cosa così estrema. Tanti piloti hanno detto che forse è peggio qui che quando andiamo in Malesia o in Thailandia. In queste condizioni, bastano veramente due o tre gradi in più e si sente una grande differenza".

Le previsioni dicono sempre che farà così tanto caldo anche questo weekend?
"Si, magari un paio di gradi di meno rispetto alla prima gara. Il vantaggio è che tutti saranno un po' più pronti a quello a cui vanno incontro. Partiamo da una buona base e sappiamo cosa ci aspetta. Penso che si possa fare del lavoro per migliorare tutti, trovando le giuste contromisure".

Le due Yamaha ufficiali sono state le uniche moto a montare la gomma soft all'anteriore, mentre tutti gli altri avevano la dura. C'erano delle controindicazioni da parte vostra in questo senso?
"Vinales ha accusato un calo, ma poi ha rallentato per qualche giro ed è riuscito a ritrovare la performance. Per noi era una soluzione che poteva fare la gara, ma devi avere una guida molto delicata, proprio come nel caso di Maverick. Il vantaggio della morbida è che ti offre un po' più di grip quando sei sull'angolo di piega e ti permette di far girare meglio la moto. La dura offre più stabilità e più supporto in frenata, ma forse qualcosina di meno a livello di grip a centro curva. La gara si può fare con entrambe, io però credo che, in base all'esperienza di questo primo weekend, tutti andranno con la gomma dura sull'anteriore, regolando meglio anche le pressioni".

E' immaginabile che sia stata una bella soddisfazione il fatto che Quartararo sia riuscito, nonostante il caldo infernale, a fare il record della pista in qualifica...
"Ce lo aspettavamo, perché sapevamo che la nuova gomma posteriore è più performante. E' vero però che con delle temperature così estreme, la pista tende a perdere un po' di grip, quindi i tempi potrebbero non venire anche con una moto a posto e con delle buone gomme. Invece sabato Fabio ha fatto il record della pista, ma tutti i piloti in prima fila (anche Vinales e Marc Marquez) sono andati sotto alla pole dell'anno scorso. Questo dice che il potenziale della gomma è alto e che i piloti iniziano a capire come sfruttarlo".

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Scorrimento
Lista

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
1/30

Foto di: KTM

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
2/30

Foto di: KTM

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
3/30

Foto di: Aprilia Racing

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
4/30

Foto di: Aprilia Racing

Bradley Smith, Aprilia Racing Team Gresini

Bradley Smith, Aprilia Racing Team Gresini
5/30

Foto di: Aprilia Racing

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
6/30

Foto di: KTM

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
7/30

Foto di: KTM

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
8/30

Foto di: KTM

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
9/30

Foto di: KTM

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
10/30

Foto di: KTM

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
11/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
12/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Azione in pista

Azione in pista
13/30

Foto di: MotoGP

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
14/30

Foto di: MotoGP

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
15/30

Foto di: MotoGP

Azione in pista

Azione in pista
16/30

Foto di: MotoGP

Azione in pista

Azione in pista
17/30

Foto di: MotoGP

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
18/30

Foto di: MotoGP

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
19/30

Foto di: Honda Racing

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
20/30

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
21/30

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
22/30

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
23/30

Foto di: Honda Racing

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, vince la gara

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, vince la gara
24/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT festeggia con il team

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT festeggia con il team
25/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
26/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
27/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, vince la gara

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, vince la gara
28/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
29/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
30/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Report LIVE: commentiamo con voi F1 e MotoGP

Articolo precedente

Report LIVE: commentiamo con voi F1 e MotoGP

Prossimo Articolo

Valentino: "Coi dati di domenica scorsa saremo più forti"

Valentino: "Coi dati di domenica scorsa saremo più forti"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Andalusia
Location Circuito de Jerez
Autore Matteo Nugnes