Taramasso: "Cambiata l'anteriore dura per Portimao 2"

In occasione della prima gara stagionale in Algarve era stata utilizzata la soluzione asimmetrica che poi è stata messa da parte dopo i problemi in Austria, quindi nel weekend ci sarà una gomma simmetrica. Facendo un passo indietro a Misano, il responsabile della Michelin ha confermato che la scelta dell'anteriore dura fatta dai ducatisti era rischiosa.

Taramasso: "Cambiata l'anteriore dura per Portimao 2"

Il weekend di Misano è stato un grande concentrato di emozioni per la MotoGP. Non è stata solo l'ultima gara in Italia di Valentino Rossi, ma anche quella che ha portato Fabio Quartararo a conquistare il suo primo titolo iridato. Pecco Bagnaia ci ha provato a mantenere i giochi aperti almeno fino al Gran Premio dell'Algarve, ma per tenere la sua Ducati davanti a tutti ha scelto la gomma dura all'anteriore: un'opzione che lo ha reso velocissimo, ma che lo ha tradito a 5 giri dal termine, mandando a terra la sua Desmosedici GP alla curva 15 ed in fumo i suoi sogni iridati.

Del resto, il pilota piemontese non aveva opzioni. Poteva solo attaccare e sperare di rosicchiare qualche punto al rivale della Yamaha. Ci stava quindi che potesse rischiare anche con la scelta delle gomme per la gara, come ha confermato anche il responsabile della Michelin, Piero Taramasso, che ha tracciato un bilancio positivo per quanto riguarda il comportamento degli pneumatici francesi nel Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, trovando riscontri di questo anche nelle prestazioni.

"Quello di Misano è stato un weekend positivo per noi. Abbiamo avuto modo di girare in tutte le condizioni: bagnato, asciutto, misto e i tempi ed il feeling dei piloti sono stati sempre positivi. Sull'asciutto sono state utilizzate tutte le soluzioni che avevamo portato, ad eccezione della dura posteriore, perché le temperature erano troppo basse. Le altre cinque soluzioni però hanno funzionato tutte bene, quindi il bilancio è positivo", ha detto Taramasso a Motorsport.com

Le prestazioni lo confermano, perché è stato battuto il record sul giro in gara...
"Sì, lo ha migliorato Bagnaia. Ma il passo della gara è stato in generale molto veloce, poi c'è stata la caduta di Pecco e all'ultimo giro Marquez era primo con un buon margine, quindi non ha riaccelerato quando è uscito dall'ultima curva, altrimenti avrebbe battuto anche il record della distanza di gara. Ma è andata bene anche così, perché abbiamo visto una bella gara".

Dopo la gara, si è discusso tanto della scelta dell'anteriore dura di Bagnaia e Miller, visto che poi entrambi i ducatisti sono finiti a terra...
"I piloti della Ducati non hanno fatto una scelta azzardata, ma direi rischiosa. Ci hanno provato e gli è andata male, ma sono tutte cose da cui si può imparare tanto. Per la temperatura dell'asfalto ci poteva stare, perché non era così bassa, ma l'aria era fredda. Quando è così, non è mai una cosa buona per le gomme. Sono condizioni che incontriamo spesso a Le Mans o a Phillip Island: con il sole, la temperatura dell'asfalto sale, mentre quella dell'aria rimane bassa e questo complica il mantenimento della temperatura della gomma".

Tra l'altro sono caduti entrambi alla curva 15, la prima a sinistra dopo una sequenza di sei curva a sinistra...
"Quella è la curva più critica e lo avevamo visto durante l'arco di tutto il weekend, perché è stata quella in cui ci sono state più cadute. Dopo una lunga sequenza di curve a destra, il lato sinistro della gomma può essere un po' più freddo. Sono situazioni che si possono gestire, ma non è semplice, soprattutto quando devi farlo per tutta la distanza della gara. Secondo me sarebbe stato più semplice gestire un gomma un po' più morbida, che poteva dare un po' più di confidenza e magari accusare un decadimento nel finale, rispetto ad una gomma che non si scalda".

Leggi anche:

Ma voi li avevate messi un po' in guardia sul rischio che si stavano prendendo?
"Non erano stati i soli a pensare a quella soluzione, c'erano anche altri piloti che stavano valutando la dura quando hanno visto che domenica c'era il sole. E' una soluzione che era stata utilizzata parecchio nella prima gara di Misano ed anche durante i test, quindi i piloti la conoscevano bene. Noi però lo abbiamo segnalato che sarebbe stato un rischio in questo caso. Del resto, Bagnaia poteva solo giocare all'attacco, mentre Quartararo poteva gestire ed essere più conservativo. Quelle erano le carte che avevano in mano ed è andata così".

Archiviata Misano, questo fine settimana si torna a Portimao, dove avete già corso all'inizio dell'anno. Ci saranno delle novità a livello di gomme?
"L'allocazione sarà praticamente la stessa, abbiamo modificato solamente l'anteriore dura, sostituendo quella asimmetrica con una specifica simmetrica. Le altre cinque opzioni sono identiche alla prima gara, perché ad aprile avevamo avuto dei buoni feedback. Al posteriore in gara erano state utilizzate la media e la dura. Per questo fine settimana non è prevista pioggia, con temperature comprese tra i 10 ed i 20 gradi, quindi dovrebbe esserci un po' più fresco rispetto alla prima corsa, quindi è possibile che qualcuno possa anche provare a scegliere la soft, anche se tra primavera ed autunno il clima è abbastanza simile a Portimao".

Passate da una gomma anteriore dura asimmetrica ad una simmetrica: sarà tutta come il lato più duro o come quello più morbido?
"E' fatta con la mescola più dura, quindi è un po' più rigida rispetto a quella della prima gara. Questa comunque è una gomma dura che funziona bene un po' dappertutto e che i piloti conoscono bene. In realtà, l'asimmetrica dura che avremmo dovuto portare qui è quella che aveva avuto problemi in Austria e che avevamo ritirato tra le due gare del Red Bull Ring, quindi abbiamo deciso di toglierla dall'allocazione anche qui per portare questa gomma che anche sul lato sinistro è dura come sul destro. Tra le altre cose, Portimao non è una pista troppo asimmetrica, infatti abbiamo una soluzione simmetrica anche al posteriore, che è la media".

condivisioni
commenti
MotoGP | Bonora: "Vi spiego come si sviluppa l'Aprilia RS-GP nei test"
Articolo precedente

MotoGP | Bonora: "Vi spiego come si sviluppa l'Aprilia RS-GP nei test"

Prossimo Articolo

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021