MotoGP
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
47 giorni
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
75 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
82 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
96 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
103 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
145 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
166 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
180 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
202 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
215 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
223 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
229 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
244 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
251 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
258 giorni

Suzuki non avrà l’holeshot ad inizio stagione

condivisioni
commenti
Suzuki non avrà l’holeshot ad inizio stagione
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
27 feb 2020, 15:36

Suzuki non avrà a disposizione il dispositivo di aiuto in partenza all’inizio del Mondiale MotoGP, programmato fra due settimane a Losail.

Suzuki assicura di essere al lavoro sull’holeshot, ma Álex Rins ammette a Motorsport.com che il dispositivo non arriverà per l’inizio della stagione.

“Inizialmente doveva essere pronto per i test di Losail – afferma lo spagnolo – ma ora sappiamo di non poterlo usare nemmeno per il primo Gran Premio della stagione. Gli ingegneri ci stanno lavorando, anche se ancora non sappiamo quando potremo provarlo”.

Queste le parole di Rins, il pilota che alla fine della scorsa stagione ha portato l’attenzione sulle manovre che Ducati stava facendo, affermando di aver visto Jack Miller abbassare l’altezza del posteriore della sua moto in uno dei rettilinei di Sepang.

Il team di Borgo Panigale è un passo avanti a tutti in questo senso, perché sfrutta questo meccanismo non solo in partenza, ma prova a renderlo efficace anche durante la gara. Ogni costruttore però ha il suo ritmo e ci sono diversi livelli di evoluzione.

Cinque delle sei Yamaha del 2020, le due di Valentino Rossi e Maverick Viñales ed una delle due di Fabio Quartararo, già montano l’adattamento fatto per questo dispositivo. Rossi a Losail ha affermato: “Continuiamo ad affinarlo, perché le partenze sono diventate una parte fondamentale delle gare e qualsiasi aiuto può fare la differenza”.

Honda, sempre fedele al proprio ermetismo, gioca al depistaggio tramite Marc Márquez, che ha provato ad essere il più ambiguo possibile quando gli è stata fatta la domanda: “Quando qualche team trova delle novità, gli altri esplorano le proprie possibilità. Per esempio, questo sistema di partenza già lo usa Yamaha e noi lo stiamo provando, anche se al momento non lavora come vorremmo”.

Nelle prove di partenza svolte alla fine della giornata infatti, si è notato in maniera evidente come lavorano le varianti di Ducati, Yamaha e di Aprilia, mentre il campione del mondo in carica non ha fatto nessuna simulazione di partenza davanti ai presenti. Questa è una circostanza che potrebbe implicare il fatto che qualcosa abbia provato senza però voler essere visto. 

Già dallo scorso anno, Aprilia utilizza il proprio, che blocca il forcellone anteriore. KTM sa che prima o poi lo metterà a disposizione dei propri piloti. Pol Espargaro afferma: “È stata pioniera ad introdurre questo sistema anni fa nel motocross. La verità è che in MotoGP le nostre partenze sono sempre state buone e fino ad ora non ne abbiamo avuto bisogno. Ma vedendo che tutti cominciano ad utilizzarlo, sicuramente lo copieremo dal motocross e lo applicheremo il prima possibile”.

↓ Le soluzioni tecniche viste in questi test invernali ↓

Scorrimento
Lista

Honda: nuevas aletas

Honda: nuevas aletas
1/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Yamaha: apéndices extraíbles en el carenado a la altura del manillar

Yamaha: apéndices extraíbles en el carenado a la altura del manillar
2/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Yamaha: holeshot

Yamaha: holeshot
3/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Controlador de altura de la suspensión de

Yamaha: cubrellantas delantero con tomas de aire

Yamaha: cubrellantas delantero con tomas de aire
4/10

Foto di: Yamaha Motor Racing

Ducati: cubrellantas delantero y trasero

Ducati: cubrellantas delantero y trasero
5/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Suzuki: nuevas aletas

Suzuki: nuevas aletas
6/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

KTM: toma de aire y nuevas aletas

KTM: toma de aire y nuevas aletas
7/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

KTM: carenado dentado

KTM: carenado dentado
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aprilia: alerón delantero

Aprilia: alerón delantero
9/10

Foto di: Motogp.com

Aprilia: cubrellanta integrado con el guardabarros

Aprilia: cubrellanta integrado con el guardabarros
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Report Test MotoGP: Yamaha favorita, ma perché Rossi fatica?

Articolo precedente

Report Test MotoGP: Yamaha favorita, ma perché Rossi fatica?

Prossimo Articolo

Marc Marquez: "Alex deve guadagnarsi il rinnovo in Honda"

Marc Marquez: "Alex deve guadagnarsi il rinnovo in Honda"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Location Losail International Circuit
Piloti Alex Rins , Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Oriol Puigdemont