SRT conferma Dixon in MotoGP ad Aragon, in Moto2 c'è McPhee

Dopo il no secco di Xavi Vierge, la squadra malese ha deciso di continuare a puntare sul britannico anche ad Aragon, in attesa dell'arrivo di Andrea Dovizioso da Misano. Sulla Moto2 lasciata libera da Dixon farà invece il suo esordio nella classe di mezzo lo scozzese John McPhee.

SRT conferma Dixon in MotoGP ad Aragon, in Moto2 c'è McPhee

Petronas SRT ha confermato che Jake Dixon sarà ancora in sella alla seconda Yamaha M1 in MotoGP anche nel Gran Premio di Aragon, nel quale ci sarà anche il debutto di John McPhee in Moto2. Il pilota britannico ha fatto il suo esordio lo scorso fine settimana, in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna, sostituendo l'infortunato Franco Morbidelli sulla M1 "B-Spec" della squadra malese.

In precedenza, il posto del pilota italiano era stato preso dal collaudatore della Yamaha Cal Crutchlow nelle due gare in Austria, ma la successiva uscita di Maverick Vinales dal Factory Team ha imposto al marchio di Iwata di richiamare il britannico nella sua squadra di punta.

Questo ha aperto le porte della MotoGP a Dixon, che difendeva già i colori della squadra in Moto2, ma il suo debutto non è stato particolarmente esaltante: per lui la gara di Silverstone si è infatti conclusa in ultima posizione, con un ritardo di oltre 50 secondi, anche se pure lui è tra i piloti che hanno accusato un crollo del grip della gomma posteriore.

Nel corso del weekend di Silverstone, la squadra diretta da Razlan Razali aveva provato ad offrire la stessa opportunità anche all'altro suo pilota in Moto2, ovvero lo spagnolo Xavi Vierge, che però ha declinato la proposta di esordire in MotoGP ad Aragon, ritenendo che una "one shot" avrebbe rischiato di essere più dannosa che altro per la sua carriera.

Leggi anche:

Una rinuncia sicuramente non semplice, ma frutto di un ragionamento sensato, visto che nella mattinata di domenica Lin Jarvis ha annunciato i programmi a breve termine della Yamaha, che prevedono l'arrivo di Andrea Dovizioso sulla M1 su cui avrebbe dovuto correre lo spagnolo e la promozione immediata di Morbidelli nel Factory Team, una volta in grado di tornare in pista dopo l'infortunio.

Un piano che se non incontrerà particolari intoppi dovrebbe scattare da Misano, con Franco che nei giorni scorsi è riuscito per la prima volta a tornare in pista, guidando una Yamaha R1 stradale proprio sul tracciato intitolato a Marco Simoncelli, pare ottenendo buoni riscontri sul ginocchio operato.

Tornando ad Aragon, il no di Vierge ha creato un'altra opportunità per Dixon, che comunque non sarà il solo ad approfittarne. Al Motorland assisteremo infatti anche al debutto di McPhee in Moto2, che salirà sulla Kalex griffata Petronas lasciata libera dal britannico. A Silverstone invece a sostituirlo era stata una vecchia conoscenza del Mondiale come Adam Norrodin: il malese però si è ritirato dopo aver preso il via dall'ultima posizione.

Per lo scozzese invece si tratta di una buona opportunità per iniziare a prendere le misure con la classe intermedia, nella quale molto probabilmente farà il salto nella prossima stagione.

John Mcphee, Petronas Sprinta Racing

John Mcphee, Petronas Sprinta Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rivola sogna un'Aprilia da Mondiale: "Nel 2023 perché no?"

Articolo precedente

Rivola sogna un'Aprilia da Mondiale: "Nel 2023 perché no?"

Prossimo Articolo

MotoGP 2021: gli orari TV del Gran Premio d'Aragon

MotoGP 2021: gli orari TV del Gran Premio d'Aragon
Carica commenti
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021