Smith: "La KTM ha un progetto adatto a me"

Bradley Smith è stato il secondo pilota di MotoGP ad annunciare il suo futuro. Dopo che Valentino Rossi ha confermato che rimmarà in Yamaha, l'inglese ha ufficializzato la sua partenza verso la KTM.

Bradley Smith inizierà la sua quinta stagione nel Mondiale MotoGP da pilota ufficiale: ha deciso di accettare l'offerta del costruttore austriaco e quindi sarà sicuramente lui uno dei piloti che porteranno al debutto in gara la RC16, entrando a far parte di un programma in cui è ancora tutto da scrivere.

"Il primo contatto è avvenuto nel mese di dicembre. Quando ero in Thailandia mi è arrivata una chiamata da un numero austriaco. Ho avuto una breve chiacchierata con Mike (Leitner, il responsabile del progetto) ed ha espresso interesse nei miei confronti" ha detto il pilota inglese, che poi ha proseguito la trattativa fino alla firma del contratto, arrivata sabato.

Smith ha già avuto modo di visitare la fabbrica della KTM, ma non ha ancora visto la RC16. "Francamente questo non è necessario, ci sono ancora altre 17 gare. Quello che ho sempre detto a Pit (Beirer, direttore di KTM Motorsport) è che io sono ancora al 100% con il Team Tech 3, e solo all'indomani dell'ultima gara mi rivolgerò al suo team. Ho ancora del lavoro da fare qui con Yamaha e tutti i nostri sponsor".

Dopo quattro anni da pilota satellite con la Yamaha, Smith pensa che il ruolo di pilota ufficiale cambierà il suo approccio alla competizione: "Questo è un progetto che penso sia adatto a me. Partecipare ad un progetto nuovo ed essere coinvolto nello sviluppo è la cosa che ha attirato maggiormente la mia attenzione" ha spiegato. "Parliamo di un costruttore che ha avuto grande successo in tutte le categorie in cui ha corso: off road, enduro e Moto3. Speriamo possa fare lo stesso anche qui".

"Invece che limitarsi a guidare, si possono proporre nuove idee, e penso che come pilota posso dare tanto da questo punto di vista. Questo è ciò che mi rende entusiasta" ha proseguito. "Di solito non mi piace prendere le strade più facili e credo che ogni persona coinvolta nel progetto sa che sarà difficile, ma so anche che in squadra ci sono tante persone di talento e credo che siano tutti molto motivati e desiderosi di fare un grande lavoro".

Il suo futuro è stato sigillato ancora prima che prendesse il via la stagione. Smith ha parlato di una situazione che gli permette di essere un po' più rilassato: "Devo ammettere che è una sensazione strana, ma mi mette tranquillità, perché so che ho già qualcosa in mano per il futuro" ha detto. "Avere le idee chiare sul mio futuro prima della gara inaugurale significa che possono concentrarmi solo sul Team Tech 3 ed assicurarmi di essere il primo pilota satellite anche quest'anno".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP del Qatar
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Losail International Circuit
Piloti Bradley Smith
Team Red Bull KTM Factory Racing , Tech 3
Articolo di tipo Intervista