Smith: "La KTM deve continuare a lavorare e ridurre il gap"

Come il compagno Pol Espargaro, anche il pilota britannico è convinto che al momento il punto di forza della KTM RC16 sia il telaio, ma è convinto che ci sia un grande margine di miglioramento, pur aspettandosi una stagione difficile.

Smith: "La KTM deve continuare a lavorare e ridurre il gap"
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing bike detail
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Red Bull KTM Factory Racing RC16
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Red Bull KTM Factory Racing RC16
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Red Bull KTM Factory Racing RC16
Red Bull KTM Factory Racing RC16
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing

Oggi la KTM ha presentato i suoi programmi nel Motomondiale ed ovviamente a rubare principalmente l'attenzione è stata la RC16, la moto con cui la Casa austriaca si appresta ad entrare in veste ufficiale in MotoGP. Bradley Smith ha fatto il punto della situazione a poco più di un mese dall'inizio della stagione, con alle spalle due test collettivi nei quali la moto ha mostrato una crescita costante.

Da dove sei partito con la moto nuova?
"Suppongo che si parta sempre dal punto debole, credo sia il modo migliore. Questo progetto era già pronto e funzionante. Era già qui e ci lavoravano i collaudatori della KTM. Ovviamente Hoffman ha fatto il primo shakedown. Ma poi Mika ha fatto un lavoro fantastico, così come Tom Luthi, Karel Abraham e Randy De Puniet. Quando sono salito per la prima volta sulla moto, era già stato fatto tanto lavoro. Diciamo che eravamo già al 70%. In questi mesi poi siamo arrivati intorno all'80%, quindi abbiamo ancora un 20% di potenziale da tirare fuori. Sono veramente contento di quello che abbiamo a disposizione oggi se rapportato al poco tempo che ho avuto su questa moto. La KTM ha fatto un lavoro fantastico, abbiamo un gran numero di tecnici motivati che ci circondano. Sappiamo di essere indietro a livello di esperienza rispetto agli altri costruttori, ma questo non ci spaventa. Significa semplicemente che sappiamo che dobbiamo lavorare di più e dare qualcosa in più. Questo è quello che mi è piaciuto di più in questi primi test dell'atmosfera in squadra".

Le ambizioni sono importanti è c'è molta fiducia intorno al telaio a traliccio. Tu cosa ne pensi?
"Mi piace la loro fiducia in se stessi e la loro convinzione nei propri mezzi. Vuol dire che credono in quello che stanno facendo. Hanno già fatto questo lavoro in tante categorie. Hanno vinto il titolo con Binder in Moto3 l'anno scorso, con una stagione dominante con un telaio a traliccio. Hanno vinto tanto anche nel motocross e nel supercross, quindi sanno quello che fanno e sono convinto che faranno bene pure in MotoGP. Onestamente, il telaio in questo momento è davvero il punto forte di questa moto. E abbiamo margine per svilupparlo ed ottenere ancora di più".

Come procede il lavoro di sviluppo della RC16?
"E' davvero importante fare un buon lavoro, raccogliere tutte le informazioni e dare dei feedback utili agli ingegneri. Bisogna essere molto sicuri di quello che si sta facendo. Ho buone sensazioni per ciò di cui una moto ha bisogno, credo, e sono sempre molto chiaro in termini di cosa è meglio e di cosa è peggio. Ma anche Pol ha fatto la stessa cosa. Entrambi abbiamo seguito una direzione molto simile per il telaio, il forcellone ed anche con il set-up della moto. E' chiaro quindi che stiamo ricevendo le informazioni giuste ed abbiamo parecchi dati per assicurarci che sia tutto corretto".

Il distacco dai migliori ti preoccupa?
"Sembra che questa possa essere una delle stagioni più competitive. Ci sono tante moto competitive in pista. La Michelin ha fatto gomme sempre migliori e non sarà facile per noi. Probabilmente abbiamo scelto uno dei momenti più duri per entrare in MotoGP. Ma siamo qui e non siamo troppo lontani dai migliori. A Sepang eravamo a 1"9 e a Phillip Island a 1"4. Ponderando tutto, potremmo anche dire che siamo a 2", ma è qualcosa di cui essere molto fieri, specialmente considerando che non eravamo mai stati su quelle piste. Riuscirci subito è qualcosa di impressionante. Ora dobbiamo continuare a lavorare e sperare di ridurre il gap nel corso della stagione".

Vedi una pista particolarmente adatta alla RC16?
"E' difficile dirlo, perché stiamo sviluppando la moto talmente velocemente che al momento non mi viene in mente una pista in particolare. Dobbiamo ancora capire quali sono i punti di forza e quelli deboli della nostra moto. Probabilmente però direi che se c'è qualcosa di buono al momento sono le curve veloci. Curve come la Casanova-Savelli o le due Arrabbiate al Mugello. Penso che qui potenzialmente possiamo essere molto forti. Ma non sappiamo ancora dove siamo precisamente, per questo preferisco partire senza troppi preconcetti: voglio solo fare del mio meglio e vedere come saremo messi alla fine dei weekend".

condivisioni
commenti
Pol Espargaro: "Il telaio della KTM RC16 è ottimo. Ora serve più potenza"

Articolo precedente

Pol Espargaro: "Il telaio della KTM RC16 è ottimo. Ora serve più potenza"

Prossimo Articolo

Lorenzo: "Non ho nessun rimpianto per aver scelto la Ducati"

Lorenzo: "Non ho nessun rimpianto per aver scelto la Ducati"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021