Simulazione MotoGP: in Sassonia che stress alla spalla sinistra

Il Sachsenring è una pista che stressa la splla sinistra degli pneumatici con 10 curve su 14 che girano nella stessa parte, per cui le gomme non fanno in tempo a raffreddarsi. In materia di freni il tracciato non è selettivo, ma è impegnativo controllare le temperature perché c'è solo un rettilineo.

Simulazione MotoGP: in Sassonia che stress alla spalla sinistra

Per l’ottava prova del mondiale, la MotoGP si sposta al Sachsenring, vicino Dresda, per il Gran Premio di Germania, dove la sfida per il vertice della classifica è destinata ad infiammarsi.

La gara e il circuito presentano diverse peculiarità: il percorso è in senso antiorario e le curve sono 14, di cui ben 10 curve a sinistra e solo 4 a destra. In ottica gestione gomme e sistema frenante, i maggiori grattacapi per tecnici e piloti arriveranno da queste caratteristiche abbinate ai cambiamenti di pendenza.

Nel dettaglio, il tracciato è tra i più lenti del mondiale, con medie attorno ai 160 km/h, con pochi tratti rettilinei, tra cui quello del traguardo, in discesa. In tali condizioni, i piloti affronteranno una forte diminuzione di velocità in ingresso di curva 1, che è la staccata più impegnativa, con un delta di temperatura che supera di poco i 30°C, come testimoniano i grafici elaborati dai tecnici MegaRide.

Non essendoci molte staccate brusche, in teoria, il circuito non è particolarmente impegnativo per i freni. I problemi però arrivano dal contenimento delle temperature degli impianti frenanti.

Nonostante le poche staccate, le diverse curve in successione non favoriscono, infatti, il corretto raffreddamento dei freni con possibili conseguenze sulla loro efficienza, se non correttamente gestiti.

I primi tre settori del circuito sono molto guidati e lenti, con diverse curve in successione che impegnano il pilota e le gomme. Come sottolineato dal grafico, l’elevato numero di curve a sinistra, il più delle quali consecutive, causa un elevato stress termico sulla spalla sinistra degli pneumatici, specie quella del posteriore, che non riesce a raffreddarsi a dovere se non nei brevi tratti di rettilineo, in condizioni di convezione forzata.

Un ulteriore raffreddamento avviene nelle poche curve a destra, dove la spalla destra è in questi casi a contatto con la strada. Una circostanza questa che va gestita con particolare attenzione, poiché vi è il grosso rischio di non avere quelle zone dello pneumatico alla giusta temperatura con la conseguenza di predere grip con un aumento del rischio cadute.

Michelin ha pensato di rimediare a questi inconvenienti proponendo una soluzione asimmetrica, con spalla sinistra rinforzata in modo da neutralizzare i forti stress patiti da quella parte del pneumatico.

Come sempre, occhio alle previsioni del tempo. Siamo in Sassonia, nota per essere regione freddina e quanto meno meteorologicamente inaffidabile anche a pochi giorni dall’inizio dell’estate. Non è esclusa la possibilità di pioggia durante la gara, con ulteriore abbassamento della temperatura delle gomme e con tutte le incognite di una gara bagnata.

Grafico Simulazione MotoGP, MegaRide, Sachsenring

Grafico Simulazione MotoGP, MegaRide, Sachsenring

Photo by: MegaRide

condivisioni
commenti
Rins riceve l’ok dai medici: correrà al Sachsenring

Articolo precedente

Rins riceve l’ok dai medici: correrà al Sachsenring

Prossimo Articolo

Ducati in difesa: "Sachsenring poco adatta alle Desmosedici"

Ducati in difesa: "Sachsenring poco adatta alle Desmosedici"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021