Simulazione MotoGP: Assen esame di laurea per la ciclistica

Il tracciato olandese, considerato l’università delle moto, è particolarmente tortuoso, insidioso e tecnico. A soffrire è soprattutto la spalla destra delle gomme a causa delle numerose curve in quella direzione. Per questo la versione asimmetrica è la preferita. Dai dati Megaride emerge che...

Simulazione MotoGP: Assen esame di laurea per la ciclistica
Carica lettore audio

Siete anche voi pronti per l’università? Piloti e tecnici del MotoGP queta settimana si stanno preparando proprio a questo: affrontare il tracciato di Assen, particolarmente insidioso e tecnico, considerato l’università delle due ruote come Spa lo è per la Formula 1.

Si obietterà che questo era vero di sicuro fino al 2005 quando, tra le proteste dei piloti e dei tifosi, il layout fu modificato nei tratti più iconici e spettacolari per ragioni di sicurezza. Da allora, le cose si sono fatte un po’ più semplici e parecchio meno pericolose, ma iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro del circuito olandese resta una pietra miliare per la carriera di qualunque pilota.

La pista di Assen è lunga poco più di 4.5 km con 18 curve di cui 6 a sinistra e 12 a destra ed è nota per la sua tortuosità con numerosi cambi di direzione che impegnano notevolmente la ciclistica della moto.

La chiave per eccellere in questa prova è, infatti, sicuramente una moto con una ciclistica ottimizzata e in grado di rispondere ai frequenti cambi di direzione, ma contano anche la concentrazione del pilota e la gestione delle gomme, un po’ meno quella dei freni.

Vi è, infatti, una grande varietà di curve lente e veloci, che però non risultano particolarmente sfidanti per il sistema frenante.

I rettilinei sono praticamente inesistenti, il più lungo dei quali non supera i 500 metri: per tale ragione è un circuito che Brembo classifica con indice 3, su una scala da 1 a 5, in termini di impegno per i freni.

Solo una delle 10 frenate è molto impegnativa, quella della Haarbocht, curva 1: è una staccata in discesa con una severa decelerazione di circa 170 km/h.

Determinante, invece, il ruolo delle gomme, spesso scelte in versione asimmetrica da Michelin. Le gomme, infatti, dovranno garantire ottimi livelli di grip al posteriore per consentire alla moto di affrontare la grossa varietà di curve, specie quelle veloci e i frequenti cambi di direzione.

Come si vede dai grafici elaborati dagli ingegneri di Megaride, sono gli incrementi termici ad essere particolarmente insidiosi. In curva 1 si assiste a un'impennata e a un progressivo raffreddamento nella parte centrale, mentre nella sequenza fino alla 4, tutta con curve a destra, si ha un progressivo affaticamento della corrispondente spalla della gomma.

Curva 5 è la prima a sinistra e va affrontata con cautela per via delle temperature non ottimali in quella zona dello pneumatico, molto fredda per via del poco impegno nelle curve immediatamente precedenti.

Per questo è meglio preferire una configurazione asimmetrica con gomme con spalla destra rinforzata in modo da affrontare le maggiori sollecitazioni in quella zona.

Non spaventa particolarmente il meteo perché si sa che nel Nord dell’Olanda ci si può aspettare di tutto in ogni momento. Squadre e piloti vi sono preparati: un’università che si rispetti contempla, infatti, anche imprevisti e stress test.

condivisioni
commenti
Aleix Espargaro: “Aprilia non è ancora pronta per il podio”
Articolo precedente

Aleix Espargaro: “Aprilia non è ancora pronta per il podio”

Prossimo Articolo

Morbidelli salta Assen per un infortunio al ginocchio

Morbidelli salta Assen per un infortunio al ginocchio
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021