MotoGP
23 ago
-
25 ago
Evento concluso
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
10 giorni
G
GP della Malesia
01 nov
-
03 nov
Prossimo evento tra
17 giorni
G
GP di Valencia
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
31 giorni

Silverstone, Libere 2: Crutchlow precede Rossi, Marquez cade due volte

condivisioni
commenti
Silverstone, Libere 2: Crutchlow precede Rossi, Marquez cade due volte
Di:
25 ago 2017, 14:03

Grande prestazione del pilota della Honda LCR, ma le Yamaha del "Dottore" e di Vinales sono minacciose alle sue spalle. Stupisce l'Aprilia quarta con Espargaro davanti a Marc, due volte ruote all'aria. Più indietro le Ducati.

L'aria di casa sembra aver fatto davvero bene a Cal Crutchlow. Velocissimo già questa mattina, il britannico della Honda LCR si è preso il miglior tempo nel turno pomeridiano della giornata di apertura del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

Cal è stato il primo (ma anche il solo) ad infrangere la barriera del 2'01" ed inizialmente aveva scavato un solco importante sulla concorrenza, che però si è rifatta sotto nei minuti conclusivi, capitanata da un Valentino Rossi parso decisamente a suo agio tra i curvoni veloci di Silverstone.

Il "Dottore" era addirittura più veloce di Crutchlow nei primi due settori, ma pagava qualcosa nel T3 e nel T4, quindi si è dovuto inchinare per 241 millesimi. In casa Yamaha però possono essere soddisfatti, perché in terza posizione, appena 30 millesimi più indietro, c'è anche Maverick Vinales.

La grande sorpresa di questa sessione è stata senza ombra di dubbio l'Aprilia di Aleix Espargaro, capace di issarsi addirittura in quarta posizione, anche se a poco meno di sette decimi dalla vetta. Alle sue spalle c'è Marc Marquez, parso molto veloce, ma anche autore di ben due cadute con la sua Honda.

La prima è stata un highside ad alta velocità alla curva 4, dal quale si è rialzato un po' acciaccato. Nei minuti finali poi è scivolato nuovamente alla curva 13, ma anche in questo caso fortunatamente senza particolari conseguenze.

Non è stata una sessione particolarmente brillante per le Ducati, con Jorge Lorenzo ed Andrea Dovizioso che hanno chiuso rispettivamente sesto e nono con un gap di sette e di nove decimi. Il maiorchino ha proseguito il suo lavoro con la nuova carena, mentre il forlivese ha preferito la configurazione standard.

Tra di loro si sono inserite a sorpresa la KTM di un super Pol Espargaro, bravissimo a staccare l'ottavo tempo, e la Yamaha Tech 3 di Johann Zarco. Il quadro dei piloti che ad oggi avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa con il padrone di casa Scott Redding, mentre ne sono rimaste subito fuori le due Suzuki di Andrea Iannone ed Alex Rins (appena 41 millesimi per il pilota di Vasto).

Ancora attardati invece Danilo Petrucci e Dani Pedrosa, che si sono dovuti accontentare di chiudere rispettivamente in 16esima e 17esima posizione, staccati di oltre 1"3 dal miglior tempo di Crutchlow. Vista la grande forma delle altre Honda, colpisce però soprattutto la grande difficoltà di Dani.

Bisogna ricordare poi che al termine della sessione i piloti hanno avuto modo di provare il nuovo sistema di cambio moto, sul quale ovviamente attendiamo il loro parere.

Cla#RiderBikeGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 35 united_kingdom Cal Crutchlow  Honda 15 2'00.897     175.716 320
2 46 italy Valentino Rossi  Yamaha 18 2'01.138 0.241 0.241 175.366 319
3 25 spain Maverick Viñales  Yamaha 17 2'01.168 0.271 0.030 175.323 324
4 41 spain Aleix Espargaro  Aprilia 13 2'01.592 0.695 0.424 174.712 322
5 93 spain Marc Márquez Alenta  Honda 13 2'01.611 0.714 0.019 174.684 319
6 99 spain Jorge Lorenzo  Ducati 17 2'01.655 0.758 0.044 174.621 320
7 44 spain Pol Espargaro  KTM 17 2'01.832 0.935 0.177 174.367 322
8 5 france Johann Zarco  Yamaha 18 2'01.885 0.988 0.053 174.292 320
9 4 italy Andrea Dovizioso  Ducati 17 2'01.893 0.996 0.008 174.280 323
10 45 united_kingdom Scott Redding  Ducati 16 2'01.933 1.036 0.040 174.223 321
11 29 italy Andrea Iannone  Suzuki 16 2'01.974 1.077 0.041 174.164 322
12 42 spain Alex Rins  Suzuki 18 2'02.072 1.175 0.098 174.025 320
13 19 spain Alvaro Bautista  Ducati 18 2'02.097 1.200 0.025 173.989 325
14 17 czech_republic Karel Abraham  Ducati 16 2'02.098 1.201 0.001 173.988 323
15 76 france Loris Baz  Ducati 16 2'02.202 1.305 0.104 173.840 320
16 9 italy Danilo Petrucci  Ducati 18 2'02.250 1.353 0.048 173.771 328
17 26 spain Daniel Pedrosa  Honda 15 2'02.408 1.511 0.158 173.547 320
18 43 australia Jack Miller  Honda 16 2'02.507 1.610 0.099 173.407 322
19 94 germany Jonas Folger  Yamaha 14 2'02.580 1.683 0.073 173.303 318
20 8 spain Hector Barbera  Ducati 17 2'02.735 1.838 0.155 173.085 325
21 53 spain Tito Rabat  Honda 19 2'02.860 1.963 0.125 172.909 323
22 22 united_kingdom Sam Lowes  Aprilia 14 2'03.475 2.578 0.615 172.047 315
23 38 united_kingdom Bradley Smith  KTM 17 2'04.429 3.532 0.954 170.728 318
Prossimo Articolo
Silverstone, Libere 1: Vinales beffa Lorenzo a tempo scaduto

Articolo precedente

Silverstone, Libere 1: Vinales beffa Lorenzo a tempo scaduto

Prossimo Articolo

Lorenzo: "Dobbiamo migliorare sulle buche e a livello di costanza"

Lorenzo: "Dobbiamo migliorare sulle buche e a livello di costanza"
Carica commenti