Silverstone, Direzione Gara: "Fatto il possibile per correre. Apriremo un'indagine di 6 settimane e faremo riasfaltare la pista"

condivisioni
commenti
Silverstone, Direzione Gara:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
26 ago 2018, 16:52

Mike Webb, Franco Uncini e Loris Capirossi hanno spiegato i motivi con cui la Direzione Gara ha deciso di cancellare il Gran Premio di Gran Bretagna del Motomondiale 2018 al termine di una giornata convulsa.

L'ufficializzazione della cancellazione del Gran Premio di Gran Bretagna è arrivata pochi istanti dopo lo scoccare delle 16:00 di Silverstone, ovvero le 17:00 italiane. Poco dopo la Direzione Gara ha tenuto una conferenza stampa all'autodromo britannico per spiegare le ragioni che hanno portato i suoi membri a prendere questa decisione dopo tanti rinvii per cercare di disputare comunque le tre gare previste per oggi del Motomondiale 2018.

A prendere la parola per primo è stato Mike Webb, direttore di gara della MotoGP. "Siamo stati costretti a cancellare il GP di Gran Bretagna a causa delle condizioni del tracciato. La causa principale è l'acqua che si è accumulata sul circuito. Abbiamo visto quali sono i risultati quando abbiamo corso con molta acqua. In alcuni punti l'asfalto non drena la pioggia. Abbiamo fatto tutto il possibile. Era l'ultima cosa che volevamo fare, non volevamo cancellare l'evento, ma la sicurezza ha la priorità assoluta".

"Abbiamo fatto più tentativi per evitare questo epilogo. Il primo è stato anticipare la gara alle 12:30, poi non è bastato e abbiamo rinviato più volte la partenza nella speranza che la situazione migliorasse, ma così non è stato. Quando abbiamo visto che non era possibile farlo abbiamo parlato con i team per vedere se fosse possibile correre domani (lunedì 27 agosto), ma anche con gli organizzatori. Ma la possibilità non sussisteva. L'altra possibilità era ritardare quanto più possibile oggi. Abbiamo preso questa difficile e amara decisione perché non c'erano le condizioni di sicurezza necessarie per svolgere le gare".

"Negli anni passati siamo riusciti a correre anche sotto la pioggia, ma quest'anno non siamo riusciti a farlo. E' la prima volta che vediamo una cosa simile qui sull'asfalto. In qualche modo il problema è collegato all'asfalto, ma voglio dire che dal punto di vista del personale impiegato sul tracciato è stato fatto tutto il possibile, uno sforzo gigantesco per mettere in sicurezza il tracciato in tempo. Tutti hanno dato il massimo, ma battere la natura è risultato impossibile".

"Qui dobbiamo sempre aspettarci la pioggia e l'asfalto deve essere sempre in grado di drenare al meglio l'acqua. Abbiamo tentato il tutto per tutto per gestire la situazione".

Per quanto riguarda l'omologazione del tracciato e le migliorie da apportare alla pista ha preso parola Franco Uncini, responsabile FIM della sicurezza, il quale ha affermato: "Ne abbiamo discusso ieri. Abbiamo parlato delle modifiche da apportare all'asfalto e aprire un'indagine che durerà circa 6 settimane per cercare di capire quale sia stato il problema concreto che ha portato questa situazione".

"Aspetteremo queste 6 settimane per individuare le reali cause che hanno portato a questa situazione e i problemi. Ma quello che è certo è che dovremo far riasfaltare la pista di Silverstone".

Prossimo articolo MotoGP
Ufficiale: il GP di Gran Bretagna 2018 è stato cancellato su richiesta dei piloti. La pista è poco sicura

Articolo precedente

Ufficiale: il GP di Gran Bretagna 2018 è stato cancellato su richiesta dei piloti. La pista è poco sicura

Prossimo Articolo

Ducati smentisce la Direzione Gara: "Non c'è stata nessuna convocazione ufficiale"

Ducati smentisce la Direzione Gara: "Non c'è stata nessuna convocazione ufficiale"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Gran Bretagna
Sotto-evento Domenica, gara
Location Silverstone
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Conferenza stampa