Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

Carica lettore audio

In un mondo che vive sui social network, la gente confonde spesso il diritto di parola con il dover esprimere necessariamente la propria opinione. Anche quando non richiesta. Anche quando non si hanno titoli per esprimerla.

La scomparsa di Jason Dupasquier nel corso delle qualifiche del Gran Premio d'Italia al Mugello di Moto3 hanno dato modo a diverse personalità - che molto probabilmente non sono mai nemmeno andate in autodromo a seguire una corsa di qualsiasi tipo - di esprimersi con dichiarazioni che si sono poi rivelate essere notizie false o, peggio ancora, paragoni e parallelismi assurdi come quello tra le gare in moto ed il Palio di Siena.

Ecco perché i protagonisti di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" sono l'On. Vittorio Sgarbi, il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e, più in generale, tutti coloro che hanno ben pensato di lucrare sulla scomparsa di Dupasquier con gallery dedicate ai piloti scomparsi sui loro siti e contenuti acchiappaclik di vario genere. Senza etica professionale. O - e questo è ben più grave - compassione umana e vicinanza verso un ragazzo che ha chiuso gli occhi a diciannove anni. 

condivisioni
commenti

Rossi: "Migliorato al Mugello, ottimista per Barcellona"

Ceccarelli: "Dopo la tragedia rider poco concentrati"