Schwantz: "Mir sente la pressione, ha bisogno di vincere"

Kevin Schwantz ha detto che Joan Mir può sentire la pressione del titolo MotoGP vinto nella passata stagione, perché aveva sentito un peso simile quando anche lui ha vinto nel 1993.

Schwantz: "Mir sente la pressione, ha bisogno di vincere"

Lo scorso anno, il maiorchino ha portato alla Casa di Hamamatsu il primo titolo nella classe regina negli ultimi 20 anni, visto che quello precedente era stato conquistato da Kenny Roberts Jr nel 2000.

L'impresa di Mir è stata considerata inaspettata, perché il giovane pilota spagnolo, alla sua seconda stagione in MotoGP, non era mai stato inserito nell'elenco dei favoriti all'inizio della stagione.

Tuttavia, la mancanza di un chiaro dominatore e l'instabilità del campionato hanno aperto la porta al #36, che ha visto premiata la sua grande costanza, soprattutto dopo il primo terzo del campionato.

L'anno scorso, dopo le prime quattro gare, Mir aveva accumulato appena 11 punti nel Mondiale e si ritrovava solo 14esimo nel Mondiale, 48 punti alle spalle dell'allora leader Fabio Quartararo.

Ora invece il pilota della Suzuki è quarto con 49 punti, solo 17 alle spalle di Pecco Bagnaia, che comanda la classifica. Tuttavia, anche se i suoi numeri sono indiscutibilmente migliori e questo aumenta le sue possibilità di lottare per il Mondiale, la sensazioni di Kevin Schwantz è che a Mir manchi un buon risultato per togliersi la pressione del titolo.

Leggi anche:

"Sicuramente questo non è l'inizio che Joan sperava. Ma se si guarda a come è andata la scorsa stagione, possiamo vedere che non ha realmente brillato fino a metà", ha detto l'ex iridato al podcast "Tank Slappers" di Motorsport Network.

"Da metà stagione in poi, sia lui che Alex (Rins) hanno iniziato a stringere e la situazione è cambiata. Forse Joan è un altro di quei piloti che stanno sentendo la pressione. Sappiamo tutti il peso che può avere un titolo mondiale sulla schiena", ha proseguito l'americano, che ha anche ammesso che pure su di lui ha avuto un suo peso psicologico la conquista del titolo nel 1993.

"E' stato molto difficile per me e sono sicuro che la pressione stia influenzando anche Mir. Penserà ai problemi che ha in qualifica, anche se sa che può recuperare posizioni alla domenica", ha detto, essendo poi molto chiaro quando gli è stato domandato cosa deve fare il campione in carica per dimostrare ai suoi rivali di essere in grado di lottare per il Mondiale".

"Quello che deve fare è superare quella barriera di due o tre posizioni da recuperare alla domenica e vincere una gara, o almeno lottare per vincerla", ha concluso.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dovizioso, rebus Aprilia: "Wild card? Non era nei piani"

Articolo precedente

Dovizioso, rebus Aprilia: "Wild card? Non era nei piani"

Prossimo Articolo

Lorenzo: “Rossi diede l’ultimatum a Yamaha, disse o me o lui”

Lorenzo: “Rossi diede l’ultimatum a Yamaha, disse o me o lui”
Carica commenti
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021
Pagelle MotoGP: Quartararo senza rivali al Mugello Prime

Pagelle MotoGP: Quartararo senza rivali al Mugello

Tanti promossi e tanti bocciati tra i protagonisti del Gran Premio d'Italia. Le pagelle di quanto visto nel fine settimana al Mugello stilate e commentate dal direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, e dal responsabile MotoGP, Matteo Nugnes.

MotoGP
31 mag 2021