MotoGP
23 ago
-
25 ago
Evento concluso
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
FP1 in
02 Ore
:
57 Minuti
:
44 Secondi
25 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
7 giorni
G
GP della Malesia
01 nov
-
03 nov
Prossimo evento tra
14 giorni
G
GP di Valencia
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
28 giorni

Schwantz: "Marquez dovrebbe essere messo in probation"

condivisioni
commenti
Schwantz: "Marquez dovrebbe essere messo in probation"
Di:
Co-autore: David Malsher
13 apr 2018, 15:35

Marc Marquez dovrebbe essere messo in "probation" per la condotta pericolosa che ha mostrato nel GP d'Argentina dello scorso fine settimana: è questo il pensiero della leggenda Kevin Schwantz.

Kevin Schwantz
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
L'incidente tra Marc Marquez, Repsol Honda Team, e Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
L'incidente tra Marc Marquez, Repsol Honda Team, e Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team, mentre i piloti lasciano la griglia
Jack Miller, Pramac Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

Il campione in carica Marc Marquez è stato oggetto di aspre critiche per il modo in cui ha corso a Termas de Rio Hondo, dove ha attirato l'attenzione dei commissari per i suoi contatti con Aleix Espargaro e Valentino Rossi, che ha portato alla caduta dell'italiano.

Per l'ex campione del mondo della 500, Marquez meriterebbe di essere messo in "probation" per il resto della stagione. Questo vorrebbe dire che al prossimo contatto per lui scatterebbe in automatico una squalifica.

"Penso che sia stato penalizzato per quello che ha fatto" ha detto Schwantz a Motorsport.com. "Ma penso che dovrebbe essere messo in probation per il resto della stagione".

"Ha bisogno di sentirsi dire che se per qualsiasi motivo entrerà in contatto con qualcun altro, sarà 'parcheggiato'".

Poi ha aggiunto: "Il fatto è che, anche se si è trattato di errori, sono stati dovuti al fatto che stava andando troppo forte per le condizioni della pista. E' un campione, sa quello che sta facendo, quindi lo sa se è troppo veloce prima di infilarsi all'interno di un'altra moto e dare vita ad un contatto".

"E se lo sa, allora il suo giudizio dovrebbe portarlo a dire: 'sono entrato troppo forte' e rialzare la moto senza il bisogno di coinvolgere un altro pilota".

"Non puoi semplicemente buttarti dentro, colpire l'altra moto e poi dire: 'Oh, mi dispiace, ho fatto un errore'. Sappiamo tutti che non è giusto".

"Tutti commettono errori occasionali in situazioni critiche, ma non dovrebbe continuare a farlo, soprattutto con conseguenze che mettono in pericolo anche altri piloti".

La radice della controversia è la rimonta di Marquez dopo la penalità che ha ricevuto per aver riportato la sua moto in griglia dopo averla spenta, invece di prendere il via dalla corsia box.

Schwantz ha suggerito che il pilota della Honda avrebbe dovuto essere squalificato per aver ignorato l'istruzione di partire dalla pitlane.

"Se non ha fatto quello che gli aveva detto Tony (Congram) dell'IRTA, avrebbe dovuto essere squalificato dalla gara entro i primi due giri, fine della discussione" ha detto.

"Dovevano dirgli: 'Hai spento la moto, ti ho detto di partire dalla pitlane, ma non hai fatto nulla di questo, quindi sei fuori'. Questo avrebbe impedito che continuasse a fare tutte le stupidaggini che ha fatto dopo".

L'ambasciatore della Suzuki ha anche detto che la MotoGP dovrebbe riconsiderare la pratica di dare dei ride through, perché rischiano di annebbiare ulteriormente la mente dei piloti.

"Forse non c'è bisogno di dare dei ride through" ha detto Schwantz. "Forse dovrebbero solo aggiungere 30 o 60 secondi al tempo di gara".

"Forse non dovrebbero rimandare in pista i piloti dopo aver pagato una sanzione di questo tipo, perché abbiamo visto cosa può fare un pilota quando è arrabbiato".

"Nessuno dovrebbe preoccuparsi della sua sicurezza quando sta correndo. Non è uno sport di contatto e l'unica preoccupazione che deve avere un pilota è quella di essere battuto, non di essere colpito".

Quando gli è stato chiesto cosa avrebbe detto a Marquez, Schwantz ha risposto: "Calmati! Non devi fare ogni giro spingendo sull'anteriore, facendo scivolare il posteriore, quasi cadendo. Rischiare di schiantarsi in continuazione è quello che ti porta a scontrarti con gli altri piloti".

"Ha bisogno di riconsiderare la sua visione. Sappiamo che è un grande talento, sappiamo che è veloce. Se imparasse ad essere anche un po' più fluido, penso che sarebbe stupito nello scoprire quanto può essere veloce".

Prossimo Articolo
Un post divertente su Instagram suggella la pace tra Aleix Espargaro e Pramac

Articolo precedente

Un post divertente su Instagram suggella la pace tra Aleix Espargaro e Pramac

Prossimo Articolo

Lorenzo su Marquez: "Si poteva evitare tutto con sanzioni più severe"

Lorenzo su Marquez: "Si poteva evitare tutto con sanzioni più severe"
Carica commenti