Schwantz convinto: la Suzuki dovrebbe puntare su Andrea Iannone

condivisioni
commenti
Schwantz convinto: la Suzuki dovrebbe puntare su Andrea Iannone
David Malsher
Di: David Malsher
Co-autore: Jamie Klein
Tradotto da: Matteo Nugnes
11 mag 2016, 10:59

Secondo Kevin Schwantz, la Suzuki dovrebbe considerare la possibilità di ingaggiare Andrea Iannone nella prossima stagione se l'italiano non sarà confermato dalla Ducati.

Suzuki di Kevin Schwantz
Aleix Espargaro, Team Suzuki MotoGP
Aleix Espargaro, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Ducati Team after falling during qualifying
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
Terzo posto Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Il futuro di Iannone in Ducati è ancora in ballo, con il marchio italiano che deve decidere se sarà lui o Andrea Dovizioso ad affiancare il nuovo arrivato Jorge Lorenzo nella prossima stagione.

Entrambi i piloti italiani sono candidati ad approdare in Suzuki se non dovessero essere confermati, soprattutto se Maverick Vinales dovesse alla fine decidere di accettare l'offerta che gli è arrivata dalla Yamaha per sostituire Lorenzo.

Schwantz ha detto che, se fosse lui il team manager, prenderebbe Iannone sia per sostituire che per affiancare Vinales.

"Penso che Iannone abbia ancora i suoi anni migliori davanti a sé" ha detto Schwantz. "Preferirei avere un pilota che corre con grinta e cuore e magari provare a mettergli le redini con un ingegnere calmo e metodico".

Se Schwantz ha consigliato alla Suzuki l'assunzione di Iannone anche come partner di Vinales, ha detto che se lo spagnolo dovesse andare alla Yamaha, allora la Suzuki dovrebbe confermare Aleix Espargaro per una terza stagione.

"Se Maverick va via, il valore di Aleix cresce" ha detto Schwantz. "E' un pilota capace e sarebbe nella posizione migliore per valutare la crescita della squadra tra una stagione e quella successive".

"Inoltre, se arriverà un nuovo pilota come Iannone, Aleix è un compagno di squadra affidabile a cui un pilota giovane può appoggiarsi".

"In realtà hanno la stessa età, ma Aleix ha più anni di esperienza a questo livello. Dunque, Iannone potrebbe provare ad emularlo e a migliorarsi".

Possibilmente Dovizioso, ma non Pedrosa

Quando gli è stato chiesto se considerebbe Dovizioso allo stesso livello di Iannone, Schwantz ha risposto: "Dovi è buono, costante e penso che dovrebbe essere molto più in alto in campionato. E' stato davvero sfortunato quest'anno".

"Ma io lo considero solo come compagno di Vinales in sostituzione di Espargaro. Non formerei una coppa Dovizioso-Espargaro perché hanno le stesse caratteristiche, esperienza e costanza. Non hanno l'aggressività di Iannone".

Schwantz poi ha aggiunto che assumere Pedrosa, qualora fosse stato disponibile, sarebbe "un passo nella direzione sbagliata" per la Suzuki.

"Mi piace Dani e quando è in giornata può battere chiunque" ha detto. "Ma ora ha 30 anni ed ha raggiunto una fase in cui tutto deve essere perfetto per permettergli di ottenere risultati".

"Lasciatemi dire che ho fatto oltre 100 gare a questo livello e quelle in cui ho avuto una moto perfetta le posso contare sulla punta delle dita".

"Preferire costruire la mia squadra intorno ad un astro nascente, i cui giorni migliori devono ancora venire, confermando Aleix per mantenere una continuità in squadra".

Vinales è ancora il leader ideale della squadra

Schwantz però ha ribadito che la Suzuki dovrebbe fare tutto il possibile per tenere Vinales, perché il team ed il pilota formano un abbinamento perfetto.

"La Suzuki è stata fuori per quattro anni ed ora è rientrata solo da poco più di un anno" ha osservato Schwantz. "Maverick è allo stesso punto, perché è solo il secondo anno della sua carriera in MotoGP".

"Se fosse per me, pagherei abbastanza per convincere Maverick a restare. La Suzuki ha sviluppato una moto intorno a lui".

"Confrontando con la mia situazione...La Suzuki avrebbe portato Lawson o Gardner per aiutarmi a sviluppare la mia moto perché avevano grande esperienza?"

"No, penso che se riponi la fiducia su un giovane che ha dimostrato costantemente di essere veloce ed avere cuore, allora devi decidere solo chi vuoi come secondo pilota".

Prossimo articolo MotoGP
Gallery: le bellezze dai paddock di mezzo mondo

Articolo precedente

Gallery: le bellezze dai paddock di mezzo mondo

Prossimo Articolo

La Ducati ufficializza il rinnovo biennale di Andrea Dovizioso

La Ducati ufficializza il rinnovo biennale di Andrea Dovizioso
Carica commenti