MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
1 giorno
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
8 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
21 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
36 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
56 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
64 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
71 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
85 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
92 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
99 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
120 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

Safety Commission: modificati i limiti della discussa curva 6

condivisioni
commenti
Safety Commission: modificati i limiti della discussa curva 6
Di:
23 ago 2019, 18:42

La Safety Commission della MotoGP ha concordato oggi di modificare i margini della curva 6 di Silverstone, che oggi è stata fonte di controversie, visto che i tempi di diversi piloti sono stati cancellati e poi ripristinati.

Con una procedura che per certi versi ha ricordato la VAR del calcio, diversi piloti hanno chiesto una verifica riguardo ai tempi che gli erano stati cancellati per non aver rispettato i limiti della pista alla curva 6, una piega veloce a sinistra.

In precedenza, in quel punto, sul margine esterno era stata posizionata l'erba, una elemento che poteva generare situazioni pericolose per le moto della classe regina. Per evitare incidenti, dunque, è stato deciso di sostituire l'erba con il cemento, evidenziando con una linea bianca fino a dove era consentito transitare.

Valentino Rossi e Fabio Quartararo sono i due piloti che inizialmente sono stati sanzionati, vedendosi cancellare due tempi che li avrebbero posizionati al quarto ed al primo posto. Tuttavia, dopo aver visionato le immagini con più attenzione, i commissari hanno deciso di ripristinare i loro tempi, anche se questo ha generato un po' di polemiche.

Leggi anche:

Per evitare che domani si possa ripetere una situazione di questo tipo, i piloti che hanno partecipato alla riunione della Safety Commission hanno concordato con la Direzione Gara di aumentare l'area dipinta di bianco che delimita quella proibita, che invece è verde.

"Io credo che si debba fare così, perché è una questione di sicurezza. Lì, in teoria, ci dovrebbe essere l'erba. E' stato aggiunto il cemento perché si esce molto forte da quella curva e passi veramente ad un pelo dall'erba: se sbagli di pochi centimetri sarebbe pericoloso, perché potresti cadere toccando l'erba. Mettendo il cemento diventa tutto più sicuro, ma il problema è che allora si inizia ad usare tutto il cemento. E' un po' come l'occhio di falco nel tennis: se tocchi la linea bianca è punto, ma se non la tocchi è fuori. Io penso che sia comunque un buon modo per avere le piste più sicure ed avere una regola" ha detto Rossi, che ha dovuto attendere una ventina di minuti per vedersi restituire il proprio tempo.

"Meregalli è andato a chiedere un chiarimento, ci hanno detto di aspettare perché stavano verificando e dopo un quarto d'ora ci hanno ridato il tempo" ha aggiunto.

Scorrimento
Lista

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
6/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
7/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
8/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
10/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
11/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Sylvain Guintoli, Team Suzuki MotoGP

Sylvain Guintoli, Team Suzuki MotoGP
12/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
13/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
14/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
15/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
16/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
17/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
18/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
19/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Vinales: "Mi sto forzando a fare la differenza"

Articolo precedente

Vinales: "Mi sto forzando a fare la differenza"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le prove libere del venerdì di Silverstone

Fotogallery MotoGP: le prove libere del venerdì di Silverstone
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Gran Bretagna
Autore Oriol Puigdemont