Rossi: "Zarco? Sembra chiaro, ma giura di non aver fatto apposta"

Il "Dottore" è stato duro con il francese per l'incidente con Morbidelli, invocando anche una sanzione, nonostante ci sia stato anche un chiarimento.

Rossi: "Zarco? Sembra chiaro, ma giura di non aver fatto apposta"

Con il quinto posto, Valentino Rossi è stato per la prima volta in questa stagione il primo tra i piloti Yamaha, ma il risultato del Red Bull Ring è passato decisamente in secondo piano rispetto al rischio che il "Dottore" ha corso nella carambola che ha coinvolto Johann Zarco e Franco Morbidelli.

Dopo essere entrate in collisione alla staccata della curva 3, le due moto sono diventate dei veri proiettili impazziti e sono rimbalzate in pista, praticamente una pochi centimetri davanti al "Dottore" e l'altra subito dietro. Un brivido che aveva portato il pesarese a puntare il dito verso il ducatista, reo secondo lui di aver frenato volontariamente davanti a Morbidelli, definendolo "matto scatenato".

Poi c'è stato un incontro chiarificatore con il francese della Ducati Avintia, che però non sembra averlo convinto troppo con le sue giustificazioni.

"So che Zarco è stato in direzione gara, ma non si sa cosa succederà. Ho parlato con lui e mi ha giurato che non lo ha fatto apposta. Già questa è una cosa importante, perché queste carambole delle volte capitano per sfortuna, solo perché uno è nel posto sbagliato. A me questa mi sembrava più chiara però" ha detto Valentino.

 

Poi ha spiegato come vede lui la dinamica dell'incidente: "Zarco va a destra per chiudere la porta a Morbidelli e non farlo ripassare in staccata, ma gli va troppo vicino, gli frena in faccia e cambia traiettoria durante la frenata, quindi Franco non ha modo di evitarlo. Lui mi ha detto che non lo ha fatto apposta, che non ci penserebbe neanche a farlo apposta, ma non lo so se gli capiterà qualcosa".

Il pesarese ha raccontato che in un primo momento non aveva realizzato che quelle che arrivavano come proiettili erano due moto, ma che poi la paura è stata davvero tanta.

"Quando siamo arrivati in staccata io e Maverick, ho visto un'ombra, ma ho pensato che fosse l'elicottero, perché a volte capita che passi da una parte all'altra della pista durante la gara. Sinceramente, dal vivo, la moto di Morbidelli non l'ho quasi neanche vista, invece ho visto quella di Zarco ed ho avuto più paura di quella. Poi ha rivedere le immagini invece mi sono reso conto che è stato molto più pericoloso con la moto di Franco".

E qui in un certo senso, senza dirlo in maniera troppo diretta, è tornato ad invocare una punizione per il portacolori dell'Avintia Racing.

Leggi anche:

"Bisogna che i piloti capiscano che queste moto sono dei proiettili, potenzialmente pericolosissimi, soprattutto se in cima c'è una staccata che si fa a 50 km/h e torna indietro. E' una situazione potenzialmente molto pericolosa. Bisogna stare attenti, perché se oggi non si è fatto male nessuno è stato un gran colpo di fortuna per tutti. Però bisognerebbe trattare questa cosa seriamente e non lasciar correre perché non si è fatto male nessuno".

Infine, il 9 volte iridato ha spiegato che non è stato facile tornare subito in sella, soprattutto dopo aver visto le immagini dell'incidente, ma anche alla fine fa parte del mestiere.

"E' stata una domenica difficile, perché era già stato pauroso il botto in Moto2 con Bastianini e Syahrin. Devo dire che partire per la gara mi ha aiutato. Poi quando è successo ho avuto molta paura da subito, ma molto di più quando ho rivisto le immagini. Alla fine siamo dovuti ripartire, quindi è stato un modo per non pensarci. Adesso bisognerà vedere come andrà nei prossimi giorni".

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Zarco è un mezzo assassino"
Articolo precedente

Morbidelli: "Zarco è un mezzo assassino"

Prossimo Articolo

Quartararo: "Difficile fare bene quando i freni non vanno!"

Quartararo: "Difficile fare bene quando i freni non vanno!"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021