Rossi: "Zarco? Sembra chiaro, ma giura di non aver fatto apposta"

Il "Dottore" è stato duro con il francese per l'incidente con Morbidelli, invocando anche una sanzione, nonostante ci sia stato anche un chiarimento.

Rossi: "Zarco? Sembra chiaro, ma giura di non aver fatto apposta"

Con il quinto posto, Valentino Rossi è stato per la prima volta in questa stagione il primo tra i piloti Yamaha, ma il risultato del Red Bull Ring è passato decisamente in secondo piano rispetto al rischio che il "Dottore" ha corso nella carambola che ha coinvolto Johann Zarco e Franco Morbidelli.

Dopo essere entrate in collisione alla staccata della curva 3, le due moto sono diventate dei veri proiettili impazziti e sono rimbalzate in pista, praticamente una pochi centimetri davanti al "Dottore" e l'altra subito dietro. Un brivido che aveva portato il pesarese a puntare il dito verso il ducatista, reo secondo lui di aver frenato volontariamente davanti a Morbidelli, definendolo "matto scatenato".

Poi c'è stato un incontro chiarificatore con il francese della Ducati Avintia, che però non sembra averlo convinto troppo con le sue giustificazioni.

"So che Zarco è stato in direzione gara, ma non si sa cosa succederà. Ho parlato con lui e mi ha giurato che non lo ha fatto apposta. Già questa è una cosa importante, perché queste carambole delle volte capitano per sfortuna, solo perché uno è nel posto sbagliato. A me questa mi sembrava più chiara però" ha detto Valentino.

 

Poi ha spiegato come vede lui la dinamica dell'incidente: "Zarco va a destra per chiudere la porta a Morbidelli e non farlo ripassare in staccata, ma gli va troppo vicino, gli frena in faccia e cambia traiettoria durante la frenata, quindi Franco non ha modo di evitarlo. Lui mi ha detto che non lo ha fatto apposta, che non ci penserebbe neanche a farlo apposta, ma non lo so se gli capiterà qualcosa".

Il pesarese ha raccontato che in un primo momento non aveva realizzato che quelle che arrivavano come proiettili erano due moto, ma che poi la paura è stata davvero tanta.

"Quando siamo arrivati in staccata io e Maverick, ho visto un'ombra, ma ho pensato che fosse l'elicottero, perché a volte capita che passi da una parte all'altra della pista durante la gara. Sinceramente, dal vivo, la moto di Morbidelli non l'ho quasi neanche vista, invece ho visto quella di Zarco ed ho avuto più paura di quella. Poi ha rivedere le immagini invece mi sono reso conto che è stato molto più pericoloso con la moto di Franco".

E qui in un certo senso, senza dirlo in maniera troppo diretta, è tornato ad invocare una punizione per il portacolori dell'Avintia Racing.

Leggi anche:

"Bisogna che i piloti capiscano che queste moto sono dei proiettili, potenzialmente pericolosissimi, soprattutto se in cima c'è una staccata che si fa a 50 km/h e torna indietro. E' una situazione potenzialmente molto pericolosa. Bisogna stare attenti, perché se oggi non si è fatto male nessuno è stato un gran colpo di fortuna per tutti. Però bisognerebbe trattare questa cosa seriamente e non lasciar correre perché non si è fatto male nessuno".

Infine, il 9 volte iridato ha spiegato che non è stato facile tornare subito in sella, soprattutto dopo aver visto le immagini dell'incidente, ma anche alla fine fa parte del mestiere.

"E' stata una domenica difficile, perché era già stato pauroso il botto in Moto2 con Bastianini e Syahrin. Devo dire che partire per la gara mi ha aiutato. Poi quando è successo ho avuto molta paura da subito, ma molto di più quando ho rivisto le immagini. Alla fine siamo dovuti ripartire, quindi è stato un modo per non pensarci. Adesso bisognerà vedere come andrà nei prossimi giorni".

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Zarco è un mezzo assassino"
Articolo precedente

Morbidelli: "Zarco è un mezzo assassino"

Prossimo Articolo

Quartararo: "Difficile fare bene quando i freni non vanno!"

Quartararo: "Difficile fare bene quando i freni non vanno!"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021