Rossi: "Spero che Vinales e la Yamaha possano fare pace"

Essendo stato per tanti anni nella squadra ufficiale Yamaha ed avendo anche diviso il box con Maverick Vinales, Valentino Rossi non poteva esimersi dal commentare la sospensione dello spagnolo per il Gran Premio d'Austria, augurando ad entrambe le parti di poter trovare una soluzione in tempi brevi.

Rossi: "Spero che Vinales e la Yamaha possano fare pace"

La notizia del giorno al Red Bull Ring è stata la sospensione di Maverick Vinales per il Gran Premio d'Austria da parte della Yamaha. La Casa di Iwata ha accusato il pilota spagnolo di aver deliberatamente cercato di danneggiare il motore della sua M1 nella gara di domenica scorsa e per questo ha deciso di non farlo correre per il secondo round sul tracciato austriaco.

Una situazione che si era già fatta tesa quando Vinales ha annunciato l'intenzione di uscire dal contratto con un anno d'anticipo, è quindi peggiorata all'ennesima potenza e sembra poter segnare anche il capolinea definitivo di una collaborazione nata nel 2017 e che finora è fruttata 8 successi in MotoGP.

Per il momento non è ancora arrivata la replica del centauro di Roses, che evidentemente sta meditando attentamente la sua prossima mossa, ma inevitabilmente nel paddock non si è parlato d'altro. E se c'è qualcuno che è indicato per provare a commentare la cosa è senza ombra di dubbio Valentino Rossi, visto che quella è stata la sua squadra per 15 anni e che per quattro di questi ha diviso il box proprio con Maverick.

"Mi sorprende molto anche a me, perché in Yamaha si sta bene. E' un team in cui tutti hanno tanta esperienza e sono tutti brave persone. E poi i rapporti con Vinales erano molto buoni perché, con l'arrivo di Quartararo, dovevano scegliere tra me e Maverick, ed hanno scelto lui", ha detto Valentino.

"Non sono neanche la persona giusta per parlare di questa cosa, perché per sapere bene le cose bisognerebbe essere dentro al team. Non so cosa possa essere successo, quello che posso dire è che mi dispiace sia per la Yamaha che per Maverick quindi spero che possano fare la pace e che possa tornare in pista dalla prossima gara", ha aggiunto.

Leggi anche:

Uno dei fattori che può aver contribuito ad accrescere le difficoltà di Vinales è l'esplosione definitiva di Fabio Quartararo nell'altro lato del box. Secondo il pesarese non deve essere una situazione semplice quella che sta vivendo Maverick, che però forse in certe situazioni ha anche commesso l'errore di esternare il suo malessere in maniera troppo brusca.

"Sicuramente avere un compagno forte come Quartararo è difficile per tutti. Sapevamo tutti che era molto forte, ma quest'anno ha fatto un ulteriore step, anche di più di quanto mi aspettassi. Oltre ad essere veloce, il pregio di Fabio è che riesce ad andare sempre forte".

"Sembra che non solo lui, ma anche la sua squadra, abbiano capito cosa fare per rendere la M1 sempre competitiva. Non è facile avere un compagno di squadra così veloce, ma Maverick è un pilota forte e tante volte è stato davvero vicino a Quartararo. Mi spiace quindi che si sia arrivati a questa situazione".

Lo stesso "Dottore" ha rivelato di aver vissuto dei momenti critici nella sua carriera e che in tutte queste situazioni è sempre stata la forza che gli ha trasmesso il suo entourage a permettergli di andare avanti.

"Nella mia carriera sono passato attraverso dei periodi molto difficili. Ricordo almeno tre o quattro occasioni in cui ero veramente disperato, perché non riuscivo ad ottenere i risultati che volevo e che tutti si aspettavano".

"In tutte queste situazioni mi sarei voluto fermare e rimanere a casa, ma io sono stato molto fortunato, perché tutto il mio entourage - Uccio, Alby, Carlo e mia madre - mi hanno sempre detto che non dovevo fermarmi, perché in quel momento non capivo che la situazione sarebbe peggiorata, e anche di molto. Gli devo dire grazie, perché avevano ragione".

"Dopo tanti anni, ho capito che la situazione sarebbe stata peggiore se mi fossi fermato che se avessi provato a continuare. Per questo penso che siano importanti le persone che ti circondano, anche se non so esattamente cosa sia successo a Maverick ed alla Yamaha".

Infine, visto che di fatto sarebbe ciò che viene contestato a Maverick, gli è stato domandato se sulla M1 sia possibile provare ad andare oltre il regime di rotazione corretto: "Direi di sì, basta non cambiare marcia. Il motore da corsa è come quello di una macchina. Se tu sei in seconda e dai gas senza cambiare marcia, il motore arriva a limitatore. C'è un limitatore, ma se ci resta molto, naturalmente non gli fa bene".

condivisioni
commenti
Petrucci: "L'offerta KTM per la Dakar mi piace. Ci devo pensare"

Articolo precedente

Petrucci: "L'offerta KTM per la Dakar mi piace. Ci devo pensare"

Prossimo Articolo

Espargaro: "Dovi qui non corre, forse non è così appassionato..."

Espargaro: "Dovi qui non corre, forse non è così appassionato..."
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021