Rossi: "Sembrava che la gomma dietro stesse bruciando"

Ennesima delusione per il "Dottore" nell'ultimo anno della sua carriera: dopo l'ottavo posto in griglia, anche la gara di Silverstone si è conclusa con il 18esimo posto, a causa di un crollo repentino del grip della gomma posteriore accusato dopo pochi giri.

Rossi: "Sembrava che la gomma dietro stesse bruciando"

"Mai una gioia" è un modo di dire che si è diffuso tantissimo tra i giovani e bisogna dire che calza perfettamente all'ultima stagione della carriera di Valentino Rossi. Il "Dottore" si era illuso che le cose potessero andare diversamente a Silverstone, dove ieri aveva centrato un ottimo ottavo tempo in griglia, riuscendo anche a contenere abbastanza il distacco dai primi della classe.

Il Gran Premio di Gran Bretagna si era messo anche abbastanza bene nelle primissime fasi, perché il pilota della Yamaha Petronas è stato addirittura sesto per qualche frangente. Il sogno però è durato poco, perché dopo appena pochi passaggi ha accusato un crollo repentino del grip al posteriore, quindi è stato costretto a rallentare e a chiudere con un deludente 18esimo posto.

"Sono stato abbastanza forte per quasi tutto il weekend. Mi sentivo bene con la moto ed avevo un buon passo. Sapevamo che partire con la gomma media sarebbe stato difficile per noi, perché mi trovavo meglio con la dura, ma oggi la temperatura era piuttosto bassa, quindi è stata praticamente una scelta obbligata. Mi aspettavo di avere dei problemi, ma non così grossi", ha detto un Valentino molto deluso dopo la corsa.

 

"Finalmente sono partito bene e nei primi giri ero nel gruppo, quindi questo è importante. Più o meno ero nelle posizioni che mi aspettavo, tra la settima e la nona, ma dopo cinque o sei giri la gomma posteriore è crollata in maniera incredibile. Non avevo per niente grip sul lato destro e sembrava quasi che la gomma si stesse bruciando".

"A quel punto ho iniziato a perdere anche tre secondi al giro, quindi ho solo provato ad arrivare alla fine. E' un peccato e sono davvero triste, perché volevo provare a fare un bel risultato. Questa pista mi piace e c'era una bella atmosfera con tanto pubblico, sono stato veloce per tutto il weekend, ma è andata così", ha aggiunto.

Il pesarese non ha voluto fare un attacco diretto alla Michelin, visto che questo per lui ormai è un problema cronico che si ripete da diverse stagioni. La frustrazione è più legata al fatto di averle provate ormai più o meno tutte senza riuscire a trovare una soluzione.

"Io posso parlare di quello che è successo a me. Dal 2019 questo tipo di problema mi è capitato tantissime volte. Dopo sette o otto giri ho un grandissimo drop della gomma posteriore, come se la stessi bruciando. Abbiamo fatto tante prove, tante modifiche, sia per quanto riguarda il setting che lo stile di guida".

"Io oggi ho visto tanti piloti, perché sono partito nel primo gruppo e poi piano piano mi hanno superato tutti, e a me non sembra di fare niente di speciale, il mio stile è simile a quello degli altri, però dopo pochi giri ho dovuto rallentare tantissimo. Mi dispiace, vedremo cosa poter fare, ma non sappiamo davvero più che pesci prendere".

Leggi anche:

Infine, al 9 volte iridato è stato chiesto un parere sull'imminente arrivo di Andrea Dovizioso come suo compagno di squadra a partire da Misano, come ha confermato oggi Lin Jarvis.

"Sono contento che arrivi Dovi, perché è un pilota veloce e di grande esperienza. Poi io e lui abbiamo davvero una buona relazione, anche se ci sfidiamo in pista dal 2008, quindi sono felice che torni in MotoGP. Penso che poi potrebbe anche dare una mano alla Yamaha per migliorare la moto".

condivisioni
commenti
Marquez: "L'incidente con Martin? Solo colpa mia"

Articolo precedente

Marquez: "L'incidente con Martin? Solo colpa mia"

Prossimo Articolo

Rins: "Ho scordato il timore di cadere. Ora mi diverto"

Rins: "Ho scordato il timore di cadere. Ora mi diverto"
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.