Rossi: "Penso di aver perso il podio alla prima curva"

Il "Dottore" ha disputato la sua miglior gara nella seconda parte di stagione, lottando per la terza posizione con Dovizioso fino alla fine. Il duello però ritiene che abbia evidenziato la grande differenza di motore con la Ducati, più grande che in passato.

Rossi: "Penso di aver perso il podio alla prima curva"

Quella di Sepang è stata di gran lunga la miglior gara di Valentino Rossi dopo la pausa estiva. Sul tracciato malese il "Dottore" ha avuto la meglio su entrambe le Yamaha del Team Petronas e finalmente è tornato a lottare almeno per il podio fino alla fine.

L'obiettivo è stato mancato per poco più di tre decimi, con Andrea Dovizioso che ha risposto colpo su colpo ad ogni suo tentativo d'attacco, favorito anche dalla potenza del motore Ducati. Ma il segnale positivo è arrivato anche da una buona gestione della gomma posteriore, che questa volta non è crollata, permettendogli di rimanere competitivo fino alla fine. L'unico rammarico è aver mancato quel podio che ormai insegue dalla terza gara dell'anno ad Austin.

"Sono abbastanza soddisfatto, anche se mi sarebbe piaciuto salire sul podio, perché è sempre bellissimo. Sono contento soprattutto pensando alle gare scorse, nelle quali avevamo fatto tanta fatica. Qui sono stato veloce per tutto il weekend e sono riuscito a guidare bene" ha detto Valentino.

 

"Mi sarebbe piaciuto molto salire sul podio dopo un weekend così, ma purtroppo non ce l'ho fatta a battere Dovi. Però è comunuque un weekend positivo, perché sono stato competitivo, ma soprattutto sono riuscito a far lavorare la gomma dietro e ad essere veloce fino alla fine" ha aggiunto.

Il pesarese sembra convinto che la maggior parte delle sue chance di salire sul podio siano andate in fumo alla partenza, perché nelle prime curve ha perso troppe posizioni, vedendo scappare il trenino giusto.

"Penso di aver perso il podio alla prima curva: sono partito bene, ma in terza e in quarta le Ducati mi hanno passato tutte. All'ingresso della prima curva mi è entrato Petrucci, siamo andati larghi e si è infilato anche Marquez. Se fossi riuscito a stare stretto, Marquez mi avrebbe passato, ma penso che avessi il ritmo per provare a stare con lui e magari sul rettilineo mi avrebbe tirato".

"Alla seconda curva invece ero nono, quindi messo peggio della mia posizione di partenza. Poi ho recuperato diverse posizioni, ma ormai il treno per il podio era andato. Forse avrei dovuto provare a passare Dovizioso subito, ma non ci sono riuscito".

Nella battaglia con Dovizioso, la differenza di motore tra la sua M1 e la Ducati è parsa piuttosto evidente, al punto che il rivale ha detto di ritenerla addirittura più grande che in passato. Pensiero che pare condividere anche Rossi.

Leggi anche:

"Sì, nel senso che c'è la più grande differenza. Arriviamo da un periodo in cui c'era molta confusione in Yamaha e non si seguiva una via chiara. Ma è vero, sul rettilineo la nostra moto va molto più piano dell'anno scorso. Una delle cose più importante da fare era migliorare sul dritto, invece andiamo più piano e quindi c'è ancora più differenza rispetto alla Ducati. Noi non saremo mai veloci come la Ducati sul rettilineo, ma se già dimezziamo il gap sarebbe meglio".

Il ducatista invece si è complimentato per la sportività del loro duello, dicendo che è stato un piacere battagliare con Valentino. E anche in questo caso il 9 volte iridato ha ricambiato il complimento.

"A me piace lottare con Dovizioso, ma mi dà più gusto quando lo riesco a fregare. Io e lui siamo un po' simili, nel senso che cerchiamo di fare il massimo, ma siamo abbastanza corretti. Forse lo siamo anche troppo, perché siamo stati abituati a fare i sorpassi senza dare fastidio a quell'altro. I giovani oggi sono molto più aggressivi e forse se dai fastidio a quell'altro è anche meglio. Oggi comunque ci ho provato due o tre volte, ma alla fine lui mi ripassava sempre".

Infine, quando gli è stato domandato se la vittoria odierna di Maverick Vinales sia più un problema o uno stimolo, non ha avuto molti dubbi: "Sono contento per Maverick, perché abbiamo un buon rapporto. Poi sono felice anche per il resto del team e la sua vittoria è sicuramente uno stimolo a provare a fare meglio".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
13/18

Foto di: Srinivasa Krishnan

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Zarco: “Finalmente torno a sentirmi un top rider”

Articolo precedente

Zarco: “Finalmente torno a sentirmi un top rider”

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Il gap di motore tra Ducati e Yamaha è più grande che mai"

Dovizioso: "Il gap di motore tra Ducati e Yamaha è più grande che mai"
Carica commenti
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021