Rossi: "Oggi meglio, mi sono sentito un pilota vero"

Il "Dottore" è rimasto ancora piuttosto distante dai migliori, ma ha fatto un passo avanti a livello di feeling e questo positivo, anche perché comincia a capire meglio il nuovo telaio e non gli dispiace. Inoltre con una nuova aerodinamica ha trovato qualcosa anche in termini di velocità di punta.

Rossi: "Oggi meglio, mi sono sentito un pilota vero"

La prima giornata del secondo test in Qatar si è conclusa con il 13esimo tempo ed ancora con un distacco importante, poco meno di un secondo mezzo, ma la smorfia di domenica sera si è trasformata in un mezzo sorriso per Valentino Rossi. Il "Dottore" oggi è riuscito a trovare un po' di feeling con la sua Yamaha, ma soprattutto ha iniziato a capire il potenziale del nuovo telaio della M1.

Tutte cose che lo hanno portato a dire di essere tornato a sentire un "pilota vero", rispetto alle grandi difficoltà che aveva avuto la scorsa settimana. Il miglioramento quindi c'è stato, ma è altrettanto vero che il pesarese sa bene che c'è ancora tanto da migliorare per allinearsi ai migliori, che hanno ottenuto prestazioni incredibili, come Jack Miller e Fabio Quartararo, scesi entrambi sotto al record di Losail.

"Oggi è stata una giornata molto migliore. Alla fine sono 13esimo, niente di grandioso, ma ho migliorato il mio tempo di più di un secondo. Ma soprattutto ho migliorato il mio passo e il feeling con la moto. Abbiamo lavorato tanto con tutto il team e sono contento perché ci siamo avvicinati ai migliori", ha detto Rossi a fine giornata.

"I primi due, ma anche Vinales, hanno fatto un time attack impressionante, facendo il record della pista. Oggi però mi sono sentito come un vero pilota: ho guidato bene, siamo migliorati parecchio, abbiamo provato cose nuove. Abbiamo continuato a comparare il nuovo telaio ed oggi è andata meglio. Tutti vanno molto forte e mi manca ancora qualcosa, ma è solo il primo giorno, quindi è un buon inizio".

Leggi anche:

L'altra sera eri molto mogio. Eri sorpreso anche tu di come era andata? In questi due giorni hai capito cosa fare di diverso?
"Il secondo giorno era stato molto deludente, perché nel primo non era stato male anche il feeling con la moto. Il secondo giorno invece non funzionava niente, abbiamo provato con le gomme medie e con le gomme soft, ma andavo veramente piano. Abbiamo cambiato un po' di cose sulla moto e anche io mi sento più in forma. Le gomme oggi hanno funzionato un pochino meglio, almeno ho guidato e mi sono divertito. Sono andato forte, ma il problema è che qui van tutti come i matti, quindi c'è ancora da fare. Ma molto meglio oggi".

Hai detto di aver trovato un feeling migliore con il nuovo telaio, si è avvicinato alle tue esigenze? Hai provato anche delle novità di aerodinamica, puoi dirci qualcosa in più?
"Il nuovo telaio ci ha fatto ritrovare un po' del turning che avevamo perso con quello 2020. Da questo punto di vista è meglio. Non ho esattamente lo stesso feeling che avevo con quello del 2019, ma è abbastanza vicino. Oggi poi ho provato diverse cose anche a livello di aerodinamica, che ci hanno aiutato a migliorare la velocità di punta: questo è positivo, anche se le Ducati restano davanti di circa 10 km/h".

Questa Ducati fa paura o è solo la pista che la rende così forte?
"La Ducati fa paura, va molto forte. E secondo me Jack Miller quest'anno è uno dei piloti che puntano al Mondiale".

Dall'ultimo test di pochi giorni fa, hai avuto un netto miglioramento e ce ne sono ancora due: possono ancora cambiare di molto i valori in campo?
"Penso che possano cambiare, perché in MotoGP ogni giorno c'è qualcosa di diverso. Qualcuno troverà qualche modifica, poi c'è il feeling con le gomme. Qui in Qatar ci sarà una situazione molto particolare, perché cinque giorni di fila e due gare di fila non le abbiamo mai fatti sulla stessa pista. Tutti andranno al limite, quindi sarà interessante vedere cosa cambierà".

Ti manca di più sul giro secco o sul passo gara in questo momento?
"Più o meno siamo lì. Anche di passo sono migliorato molto, ma mi manca ancora qualche decimo".

Qualche anno fa stavi per lasciare le moto per la Formula 1. Ora l'aerodinamica fa da padrona anche in MotoGP. Tu cosa ne pensi?
"Alla fine è bello. Questa è la MotoGP, la Formula 1 delle moto. Poi è normale che sia tutto un po' in scala rispetto alle macchine della Formula 1, però è molto bello che le moto siano così sofisticate, sia a livello di aerodinamica che di elettronica, perché noi dobbiamo essere il top del motociclismo. Le migliori moto ed i migliori piloti. C'è un livello altissimo ed è una cosa bella anche per i tifosi. L'importante è che le gare rimangano spettacolari, perché questo è sempre stato il punto forte della MotoGP. Ma visto il livellamento che c'è oggi, mi aspetto delle grandi battaglie".

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
1/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
2/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
3/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
4/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
5/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
6/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
7/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
8/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
9/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
10/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
11/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
12/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
13/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
14/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
15/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
16/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
17/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
18/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
19/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
20/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
21/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
22/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
23/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
24/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
25/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
26/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
27/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
28/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
29/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
30/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
31/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
32/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
33/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
34/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
35/35

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Miller: “Con questo tempo su gomme usate, avrei vinto la gara”

Articolo precedente

Miller: “Con questo tempo su gomme usate, avrei vinto la gara”

Prossimo Articolo

Quartararo: “Serve una soluzione per riuscire a sorpassare”

Quartararo: “Serve una soluzione per riuscire a sorpassare”
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021