Rossi: "Mi manca qualcosina, ma siamo nel primo gruppo"

Il "Dottore" è soddisfatto dopo il settimo tempo della prima giornata di test, soprattutto per il feeling instaurato con la sua Yamaha. A livello di giro secco e passo però manca ancora qualcosina.

Rossi: "Mi manca qualcosina, ma siamo nel primo gruppo"

Ancora non è arrivata una prestazione di quelle da strapparsi i capelli, ma Valentino Rossi sembra ritrovare piano piano il sorriso. La prima giornata dei test collettivi in Qatar si è conclusa con il settimo tempo per il "Dottore", ma con un ritardo di appena quattro decimi nei confronti del miglior crono di Alex Rins.

La cosa più importante però è che il pesarese sta ritrovando quel feeling con la sua Yamaha che sembrava essersi smarrito negli ultimi due anni. Ed è proprio questo che lo rende cautamente ottimista in vista dell'inizio della stagione.

"E' stata una prima giornata abbastanza positiva, perché sono stato abbastanza veloce, anche nel time attack, ma soprattutto mi sono trovato bene con la moto. Sembra che siamo più veloci dell'anno scorso. Sia sul giro veloce che sul passo mi manca qualcosa, soprattutto da Vinales, ma siamo lì nel primo gruppo. Mi manca ancora qualcosa soprattutto in frenata, però cercheremo di migliorare" ha detto Valentino.

Nel box della Casa di Iwata non sono arrivate novità a Losail, ma secondo Rossi il pacchetto "base" della M1 sembra buono per iniziare bene la stagione.

Leggi anche:

"Le cose nuove erano arrivate tutte in Malesia, quindi qui abbiamo le stesse cose. Diciamo che questa è la moto con cui faremo la prima parte del campionato, credo fino a Barcellona. La sensazione comunque è positiva, perché come passo sono messo piuttosto bene. Manca qualche decimino, ma è solo il primo giorno".

Rimane da colmare un gap di velocità di punta (351 la migliore di Jack Miller, 341 quella di Valentino), anche se pure da questo punto di vista la situazione migliorata. Tuttavia, bisognerà attendere la prima gara per avere un quadro più veritiero.

"Sarà molto importante capire se riusciamo a tenere la scia in gara, perché un po' di deficit c'è ancora in velocità anche se va meglio rispetto all'anno scorso, quando la differenza era molto grande. Stare in scia sarebbe molto importante, ma questo lo capiremo solo l'8 marzo".

La Yamaha sta lavorando intensamente anche sul dispositivo "holeshot" per migliorare la partenza.

"Non è male, nel senso che non c'è tantissima differenza. Adesso però in MotoGP la partenza è cruciale e tante volte l'anno scorso abbiamo perso posizioni arrivando alla prima curva. Questo quindi ci potrebbe dare una mano, ma lo stiamo ancora testando. Speriamo di poterlo usare presto".

Quest'anno la gara di Losail è stata anticipata. Un qualcosa che dovrebbe migliorare le condizioni di sicurezza secondo il nove volte iridato.

"Alle 18 è già buio e quella è la cosa importante. Sarà un pochino più caldo, quindi forse un po' meno pericoloso. Ma a parte quello non penso che cambierà tanto".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: "La mia unica incognita riguarda le partenze"

Articolo precedente

Vinales: "La mia unica incognita riguarda le partenze"

Prossimo Articolo

Marc Marquez: "Preoccupato sia per il fisico che per la Honda"

Marc Marquez: "Preoccupato sia per il fisico che per la Honda"
Carica commenti
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021