Rossi: "Il reparto motori è il primo problema della Yamaha"

Il "Dottore" non si è tirato indietro quando gli è stato chiesto di commentare la sanzione rimediata dalla Casa di Iwata per le valvole irregolari. Ma oggi è anche contento per l'ufficilizzazione dell'approdo in MotoGP del fratello Luca Marini, oltre che per essere finalmente tornato in moto dopo aver sconfitto il COVID, anche se domani sarà in sesta fila.

Rossi: "Il reparto motori è il primo problema della Yamaha"

Domani Valentino Rossi scatterà dalla sesta fila nel Gran Premio d'Europa, ma la notizia del giorno però era soprattutto il suo ritorno in pista dopo aver sconfitto il COVID-19.

Dopo aver perso anche la giornata di venerdì, oltre alle due gare di Motorland Aragon, era lecito non aspettarsi troppo dal "Dottore", che ha sfruttato l'occasione per raccontare come ha vissuto la battaglia contro il virus.

"Fortunatamente, sono sempre stato bene a livello fisico. Sono stato male solo due giorni, ma ho avuto solo un po' di febbre. Ho sempre respirato bene e non ho mai perso il gusto e l'olfatto" ha detto Valentino.

"Ci vuole qualche giorno per recuperare e in quelli ti senti un po' rincoglionito: hai un gran mal di testa e ti fanno male gli occhio. Diciamo che i primi giorni non sono belli, poi sono un po' dimagrito perché sono stato quasi due settimane a riposo assoluto" ha aggiunto.

A livello di morale i giorni più difficili sono stati gli ultimi, perché i tamponi lo indicavano sempre positivo e quindi si stava concretizzando il rischio di dover saltare anche la gara di Valencia, dopo che perdere la seconda di Aragon era già stato frustrante.

"Gli ultimi giorni poi sono stati duri, perché tutti quelli che lo avevano preso con me sono guariti dopo due settimane, invece io continuavo ad essere positivo e sinceramente ho avuto una gran paur di non poter correre neanche qui".

"Nell'ultima settimana ho fatto sei tamponi, una bella sveglia alle sette e mezza del mattino! Non è stata l'esperienza più bella della mia vita, anche perché devi stare proprio da solo ed è molto noioso".

"Vedere le gare alla tv è stata dura, soprattutto la seconda, perché la prima comunque non ce l'avrei fatta a correre. Ma stare a casa quando stai bene e sai che potresti correre è molto frustrante. Però sono molto contento di essere tornato a lavorare con il mio team e di essere tornato a guidare la M1".

Leggi anche:

Quando poi gli è stato domandato se crede di essere mancato di più lui alla MotoGP o il contrario, il pesarese ha sancito un pareggio.

"Penso più o meno uguale. Io sono mancato alla MotoGP, ma anche la MotoGP è mancata a me. Soprattutto mi è mancata la mia squadra, lavorare sulla performance con David (Munoz), con Matteo (Flamigni), ma anche l'atmosfera che c'è nel box".
"Naturalmente la cosa che mi è mancata di più è scendere in pista e guidare la moto, perché è la cosa che mi piace di più fare e sono sensazioni che provi solo guidando una MotoGP. Il resto delle cose che faccio nella vita mi piacciono un pochino meno ed è per questo che mi è mancata molto".

Oggi però c'è stata anche una bella notizia, perché è stato ufficializzato il passaggio di suo fratello Luca Marini in MotoGP con la Ducati del Team Esponsorama. Finalmente, i due avranno quindi l'occasione di sfidarsi nella classe regina.

"Sono molto contento per Luca, perché correre in MotoGP è il sogno di tutti i piloti. Lo farà con la Ducati, con una buona moto ed in una buona condizione. Mi ha sempre detto che avrebbe voluto arrivare a correre con me e quindi sono contento, perché l'anno prossimo sarà la prima volta che correremo insieme e sarà bello".

E non ha nascosto di essere molto fiero di suo fratello, raccontando un aneddoto di ben 23 anni fa, quando Luca era appena nato.

"Sono molto contento di correre con lui, sarà una bella motivazione e sarà suggestivo. Mi ricordo che quando ho vinto il mio primo Mondiale, nel 1997, lui era appena nato. E' nato il 10 agosto del 1997 e io il titolo l'ho vinto il 31 agosto. Quando sono tornato a casa da campione del mondo, lo tenevo in braccio e lui aveva 21 giorni. Pensare che l'anno prossimo correremo insieme e che lo faremo in MotoGP, che è il sogno di tutti i piloti, mi rende molto fiero, ma soprattutto sono contento per lui".

Essendo rientrato solamente oggi, ieri Valentino non aveva avuto modo di commentare la sanzione inflitta alla Yamaha per aver utilizzato delle valvole differenti da quelle omologate in occasione del GP di Spagna, ma anche il fatto che Maverick Vinales domani scatterà dalla pitlane, avendo montato il sesto propulsore. E bisogna dire che Rossi è stato molto chiaro.

"Questo conferma che il dipartimento motori è il nostro primo problema, perché le performance non sono fantastiche, inoltre l'affidabilità è critica. Hanno fatto anche questo errore con le valvole e non è una cosa fantastica. Per il resto, io so solo che non ho perso punti, anche perché io ho rotto quando ho usato il motore incriminato, quindi per me non cambia niente".

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Quartararo: “L’obiettivo è il titolo, non ho nulla da perdere”

Articolo precedente

Quartararo: “L’obiettivo è il titolo, non ho nulla da perdere”

Prossimo Articolo

Mir: “Bisogna saper comandare il Mondiale, sono forte di testa"

Mir: “Bisogna saper comandare il Mondiale, sono forte di testa"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021