Rossi: "Ho avuto un problema che non capitava da 12 anni..."

Il rientro del GP d'Europa ha fruttato solo il sesto zero consecutivo al "Dottore", che ora pare davvero frustrato dai problemi di motore della Yamaha.

Rossi: "Ho avuto un problema che non capitava da 12 anni..."

Valentino Rossi aveva una voglia pazza di tornare in sella alla sua Yamaha, al punto che il pesarese è stato disposto a cominciare il weekend del Gran Premio d'Europa solo nella giornata di sabato dopo essere guarito dal COVID-19.

Questo entusiasmo però non è bastato per interrompere la lunga striscia di zero che ha caratterizzato la seconda parte della sua stagione. Tra l'assenza per il Coronavirus, le cadute ed i problemi tecnici quello arrivato a Valencia è stato il sesto stop consecutivo per il "Dottore", che ha visto la sua M1 ammutolirsi dopo appena 5 giri.

"Quando la moto si è spenta, non mi sono neanche arrabbiato. Mi è venuto da ridere" ha provato a sdrammatizzare Valentino, quando gli è stato domandato dell'ennesima giornata no.

"Avevo solo bisogno di fare la gara, quindi ero partito molto tranquillo, perché volevo cercare di arrivare in fondo, per fare chilometri e prepararmi bene per la gara della settimana prossima. Invece non è stato possibile e a fermarmi è stato un problema che non succedeva da 12 anni mi hanno detto" ha aggiunto.

Visti i continui problemi legati al motore della Yamaha, non ultima la sanzione rimediata per valvole utilizzate in occasione del Gran Premio di Spagna, e le limitazioni di sviluppo previste per il 2021, al pesarese è stato chiesto se per la Casa di Iwata non fosse il caso si volgere lo sguardo al 2021 e magari passare da quattro cilindri in linea ad un motore a V.

"Io non credo che il problema sia che il motore è un quattro cilindri in linea. Per molti anni si è detto che questo potesse essere il guaio della Yamaha, perché è una concezione di motore un po' più vecchia rispetto a quello a V. Però anche la Suzuki ha un quattro in linea e va molto forte".

"Il problema è che noi abbiamo una difficoltà di performance, perché sul rettilineo siamo sempre i più lenti, a cui si aggiunge anche un problema di affidabilità. Di solito invece ne hai uno solo di questi due problemi, o ti manca performance o ti manca affidabilità. A noi invece mancano entrambe. E' come se gli altri fossero andati più avanti di noi a livello ingegneristico" ha spiegato.

Leggi anche:

Qualcuno ha posto però un dubbio anche sui piloti, visti i tanti alti e bassi di cui sono capaci di rendersi protagonisti Maverick Vinales e Fabio Quartararo, che l'anno prossimo formeranno la coppia del factory team. Secondo il 9 volte iridato però il problema non è questo.

"La Yamaha ha dei grandi piloti. Se togliamo me, perché non voglio parlare di me, Quartararo, Vinales e Morbidelli sono veramente forti. Con una moto competitiva si giocano il Mondiale. Io non penso che il problema siano i piloti e credo che la line-up della Yamaha sia molto forte anche per l'anno prossimo".

Secondo il parere di molti, è stata anche la gomma posteriore introdotta quest'anno dalla Michelin a generare questo andamento strano per la stagione 2020. Ma per Rossi la situazione in casa Yamaha non è cambiata molto rispetto al 2019 in realtà.

"A me non sembra molto diversa, nel senso che per noi è molto simile. Le volte che l'anno scorso l'abbiamo provata sembrava un po' meglio, perché ha più grip, ma è più morbida quindi il problema è riuscire a farla durare tutta la gara".

"Per non cambia molto dall'anno scorso, perché noi avevamo più o meno gli stessi problemi. E' come se negli ultimi anni gli altri abbiano capito qualcosa delle gomme e noi invece non ci siamo riusciti. Io comunque terrei queste, perché non credo che cambierebbe molto per noi".

Infine, ha dedicato un pensiero all'amico Davide Brivio per l'impresa che sta per compiere la Suzuki, che è ad un passo dal riconquistare il titolo della classe regina dopo ben 20 anni. E potrebbe farlo con una doppietta nel Mondiale piloti.

"Faccio tanti complimenti a Davide Brivio, ma anche a suo fratello. Siamo amici perché abbiamo lavorato tanto insieme. Hanno fatto un grandissimo lavoro, perché sono riusciti a fondere il metodo giapponese con quello italiano. E non penso che sia un caso che la Suzuki vada così forte, quindi gli faccio davvero tanti complimenti".

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing dopo il ritiro dalla gara
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing dopo il ritiro dalla gara
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il ritiro di Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il ritiro di Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: la doppietta Suzuki al GP d'Europa
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: la doppietta Suzuki al GP d'Europa

Prossimo Articolo

Morbidelli: “Pressione della gomma davanti alle stelle”

Morbidelli: “Pressione della gomma davanti alle stelle”
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021