Rossi: "Felice per i punti. Marquez? E' aggressivo con tutti..."

13esimo posto per Valentino Rossi al Gran Premio di Stiria. Il "Dottore" si è detto contento di aver preso punti in una pista poco adatta alle caratteristiche della Yamaha.

Rossi: "Felice per i punti. Marquez? E' aggressivo con tutti..."

L'annuncio del ritiro a fine stagione ha messo in secondo piano i risultati di Valentino Rossi nel fine settimana appena trascorso, quello in cui la MotoGP è rientrata dalla pausa estiva per affrontare il Gran Premio di Stiria.

Al Red Bull Ring il "Dottore" ha concluso la gara al 13esimo posto, portando a casa qualche punto in una gara difficile per gran parte delle Yamaha. Solo Fabio Quartararo è parso essere immune dalle difficoltà incontrate dalle moto di Iwata.

Rossi ha chiuso la gara a 26"2 dal vincitore Jorge Martin, eppure si è detto non certo deluso dall'andamento complessivo della sua gara.

"Alla fine la gara non è stata un disastro. Ho preso qualche punto. Sfortunatamente ho perso qualche posizione al via, ma sono riuscito a guidare in modo decente. Ho fatto qualche battaglia con qualche pilota che aveva il mio stesso passo. Siamo arrivati alla fine, ho preso qualche punto e va bene, perché alla fine questa non è una pista in cui le Yamaha si esprimono al meglio. E' piena d'accelerazioni, serve una grande velocità di punta e sono tutti aspetti su cui Yamaha fatica".

Valentino continua a far fatica in partenza. A fine gara ha spiegato di avere in dotazione un nuovo sistema di partenza che, però, non gli piace. Sebbene siano stati fatti passi avanti già in questo weekend, le sue partenze restano al di sotto delle aspettative e gli fanno perdere diverso terreno sin dai primi metri della gara.

 

"Al Sachsenring e ad Assen abbiamo adottato un sistema di partenza differente. Non era adatto a me e non mi sentivo a mio agio. In quelle due gare sono partito male. Prima di quelle modifiche ero solito partire bene. Per questa gara abbiamo migliorato, è una questione di elettronica, ma non siamo ancora al 100%. L'altro problema è arrivato nel primo giro e tutti sono stati molto aggressivi. Noi abbiamo una moto poco veloce sui rettilinei ed è molto complicato non perdere tante posizioni al via. Cerchi di frenare forte ma hai altri piloti accanto e non è facile nel primo giro. Almeno per noi".

Incalzato sulla doppia entrata di Marc Marquez ai danni di Aleix Espargaro nelle due partenze effettuate oggi, Valentino non ha voluto sbilanciarsi, anche se non ha risparmiato una frecciata nemmeno troppo velata all'ex rivale. 

"Quello che posso dire io è che Marquez è molto aggressivo con tutti. Oggi c'è stato Aleix (Espargaro, ndr), altre volte altri piloti. Non so sinceramente cosa dire. Non ho un'idea di come migliorare la situazione".

Valentino, così come Joan Mir, ha affermato che in MotoGP sia ancora il pilota a fare una grande differenza. Nel corso degli ultimi anni la tecnologia della classe regina del Motomondiale è stata evoluta molto rapidamente, ma il pilota rimane l'elemento fondamentale, che riesce ancora a fare la differenza tra elettronica, meccanica e aerodinamica.

"Sì, credo che i piloti davvero forti facciano la differenza. La fanno in pista, perché sono i più bravi, fanno la differenza anche per un sacco di altre cose. Il team ci crede, la moto migliora. Sicuramente negli ultimi anni l'aspetto tecnico ha assunto tanta importanza, ma in MotoGP si può dire che la cosa che fa la differenza maggiore sia ancora il pilota".

Rossi ha chiuso il suo debriefing parlando della splendida vittoria ottenuta in Moto2 da Marco Bezzecchi, pilota dell'Academy VR46, che lo ha rilanciato nel Mondiale di categoria. Ma anche del bel rientro di Dani Pedrosa, che mancava dalla MotoGP da 3 anni e oggi è riuscito a portare a casa un bel decimo posto.

"Sono molto felice per il Bez, ci voleva tantissimo questa vittoria. Ha fatto una gara da urlo, sono molto contento e penso che gli darà un boost per il resto della stagione. Non è nemmeno troppo lontano dalla vetta. Grande lavoro del team anche con Celestino. E' arrivato sesto ed è stato molto veloce. Spero che da qui possano migliorare i loro risultati. Ho fatto i complimenti al team perché sono stati bravi. Pedrosa è stato bravissimo, ha fatto un gran ritorno. Quando si è liberato di quelli davanti ha fatto vedere un bel passo. Non è scontato rientrare e fare una gara così dopo 3 anni".

condivisioni
commenti
Marquez: "Tutto il potenziale sparito alla seconda partenza"

Articolo precedente

Marquez: "Tutto il potenziale sparito alla seconda partenza"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Veloce come Martin, ma ogni volta succede qualcosa"

Bagnaia: "Veloce come Martin, ma ogni volta succede qualcosa"
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021