Rossi e Marquez: il pilota fa ancora la differenza in MotoGP

L'avanzamento dello sviluppo delle MotoGP non ha tolto valore al pilota, secondo Valentino Rossi e Marc Márquez, anche se ha portato a dei cambiamenti nello stile di guida.

Rossi e Marquez: il pilota fa ancora la differenza in MotoGP

Negli ultimi anni lo sviluppo tecnico è diventato più importante nella MotoGP, dall'aerodinamica alle innovazioni come il dispositivo holeshot. Ogni produttore cerca di rimanere all'avanguardia dello sviluppo per fornire la migliore moto ai propri piloti, il che solleva domande sul ruolo che continuano a svolgere nelle prestazioni.

Testimone dell'evoluzione degli ultimi 20 anni, Valentino Rossi crede che la MotoGP sia ancora un campionato di piloti piuttosto che di ingegneri, ma riconosce che avere una moto buona è più importante ora rispetto al passato.

"Penso che sia diverso, sicuramente è diverso", ha detto il pilota italiano. "Non so se l'aspetto umano sia meno presente, non ne sono sicuro. Penso che sia più o meno lo stesso. Forse in passato il pilota poteva fare un po' più di differenza, diciamo 60% il pilota e 40% la moto. Ora è 50-50, quindi forse un po' meno. Ma non penso che sia cambiato molto, penso che i migliori piloti siano davanti e la situazione è più o meno la stessa, perché il miglior pilota sarà davanti alla fine".

Marc Márquez, l'unico pilota capace di vincere con la Honda negli ultimi anni, crede che ora i piloti siano ancora più capaci di imporre il loro talento e fare la differenza rispetto al passato, grazie a una griglia più competitiva che mai e all'uguaglianza tra i team ufficiali e satellite.

"Come ha detto Valentino, penso che il pilota faccia più o meno la differenza", ha detto il pilota #93. "Sicuramente ora, con l'elettronica allo stesso livello, le moto con quasi le stesse prestazioni tra le squadre ufficiali e le squadre satellite, tutto aiuta molto. Una squadra o un pilota di una squadra satellite, che non aveva alcuna possibilità di vincere dieci anni fa, avrà una possibilità ora, anche per il campionato perché le moto sono totalmente diverse da prima".

"Le cose nuove arrivano un po' dopo, ma non sono cose molto importanti. Aiuta. Le gomme sono migliorate, e con questo e un livello di grip molto alto, tutto è equilibrato, perché appena devi gestire l'acceleratore, la derapata, puoi fare la differenza, ma quando c'è molto grip e puoi accelerare subito, tutto è più equilibrato".

Lo stile di guida è cambiato secondo Rossi

Il #46 crede che il pilota faccia ancora la differenza, ma il modo di ottenere il meglio da una moto è cambiato radicalmente. Il nove volte campione del mondo ritiene che i prototipi attuali richiedano un modo diverso di fare le curve, ma non sa se questo è davvero una conseguenza della crescente importanza dell'aerodinamica.

"Per me negli ultimi anni lo stile di guida è cambiato, soprattutto la posizione sulla moto. Ora tutti guidiamo molto bassi, con la testa in avanti, le spalle e i gomiti. Ho davvero cambiato il mio approccio alle curve e alle traiettorie. Con queste moto, queste gomme e questi freni, puoi entrare in curva molto più forte. Si guida in modo un po' diverso rispetto a cinque anni fa".

"Ma non so quanto abbia a che fare con l'aerodinamica. Alla fine, l'aerodinamica permette una migliore accelerazione, quindi si entra nella curva successiva più velocemente, si ha più deportanza sul davanti, quindi si può frenare più forte. E la moto è più pesante quando si cambia direzione, quindi serve più potenza. È questo che cambia l'aerodinamica piuttosto che lo stile di guida".

Tuttavia, le moto sono più performanti che mai, e stanno raggiungendo velocità massime record quest'anno, con Johann Zarco e Brad Binder che hanno stabilito un nuovo primato di 362,4 km/h. Stanno anche causando pesanti incidenti e cadute, e stanno rendendo la moto più potenti che mai. Marc Márquez sta mettendo in discussione la saggezza dello sviluppo incessante. Il suo compagno di squadra Pol Espargaró è arrivato a incolpare l'holeshot per diverse cadute, mentre il pilota di Cervera ha incolpato l'elettronica per il suo spettacolare incidente ad Assen.

Anche le moto stanno diventando sempre più fisiche e stanno causando sempre più casi di sindrome compartimentale, ma Rossi è uno dei piloti che non ne è affetto. Nonostante abbia 42 anni e più di dieci anni in più del secondo pilota più anziano della classe, Aleix Espargaró, l'italiano non crede che l'età sia un fattore quando si tratta di guidare le attuali moto MotoGP, anche se riconosce che sono più esigenti a livello fisico rispetto al passato.

"Non credo che sia la cosa più importante. Ognuno ha il proprio stile e vedo molti piloti che sono comunque molto veloci e hanno una posizione più normale sulla moto, come Jack Miller o Franco Morbidelli. Dipende molto dal momento. Ma fisicamente è più difficile, soprattutto perché le moto sono più impegnative ora. Sono più veloci, hai l'aerodinamica e puoi frenare più forte. Non è solo la posizione, è più difficile fisicamente in generale".

Leggi anche:

condivisioni
commenti
Aleix Espargaro: "Dovizioso non è stato molto competitivo con l'Aprilia"
Articolo precedente

Aleix Espargaro: "Dovizioso non è stato molto competitivo con l'Aprilia"

Prossimo Articolo

Ducati, dietro le quinte dello sviluppo del motore Desmodromico

Ducati, dietro le quinte dello sviluppo del motore Desmodromico
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021