Rossi disperato: "Non riesco a far lavorare le gomme"

Il "Dottore" non riesce a trovare una chiave per sfruttare la gomma posteriore sulla sua Yamaha. Il ritiro è stato dovuto ad un alert tecnico sulla M1.

Rossi disperato: "Non riesco a far lavorare le gomme"

Le gare di MotoGP ormai stanno diventando come il "Giorno della Marmotta" per Valentino Rossi. Per quanto si sforzi in tutti i modi di arrivare ad un finale differente, il "Dottore" continua a non trovare il bandolo della matassa per far funzionare la gomma posteriore sulla sua Yamaha.

L'arrivo di un nuovo capo tecnico (David Munoz) e i test invernali erano stati incoraggianti, ma la prima gara dell'anno, in una Jerez rovente, ha riportato alla dura realtà il pesarese. Ha faticato tantissimo per portare a casa un decimo posto in griglia e poi in gara non ha mai tenuto il ritmo dei migliori. E a peggiorare le cose ci si è messa anche la sua M1, costringendolo al ritiro con un alert apparso sul dashboard.

Ma il problema in questo momento per Valentino non è tanto lo zero di oggi, quanto l'impossibilità di riuscire a far funzionare la gomma e quindi ad estrarne il potenziale a dovere.

"Il problema è che, per alcune ragioni, non riusciamo a far lavorare le gomme come dovrebbero. Sul posteriore avevamo tutti la soft e quindi se avessi montato la media o la dura sarei subito partito con un grande svantaggio, perché hanno meno grip. All'anteriore non voglio dire di aver fatto una scommessa, ma abbiamo provato più volte sia la dura che la morbida e la differenza era molto piccola" ha detto Rossi.

"Io e Maverick quindi abbiamo provato la soft e forse avremmo potuto essere un pelino più veloci con la dura, ma alla fine il mio problema è stato con la posteriore. Per la settimana prossima dobbiamo provare qualcosa di diverso, perché è tanto tempo che abbiamo questo problema e non siamo ancora riusciti a risolvere" ha aggiunto.

Leggi anche:

Riguardo al motivo del ritiro, per il momento non sa ancora cosa sia successo di preciso, si è solo fermato dopo un alert: "Ho avuto un problema sulla moto. Si è acceso un alert e quindi mi sono dovuto fermare. Ora i ragazzi stanno controllando cosa è successo, ma è stato un problema tecnico".

Qualcuno a questo punto gli ha domandato come mai Franco Morbidelli sia riuscito a metterci una pezza nella gara di oggi, arrivando addirittura a battagliare per il podio, visto che hanno uno stile di guida simile, mentre lui no.

"Come stile di guida siamo abbastanza simili con Franco, ma come fisico no, perché io sono dieci centimetri più alto e anche un po' più pesante. All'inizio anche lui era un po' in crisi come me, perché non avevo tanto grip già dai primi giri".

"Però poi lui è riuscito a fare una bella gara, è venuto su e senza qualche problema avrebbe anche potuto fare il podio. Per qualche ragione, loro fanno lavorare meglio le gomme, rimanendo nel giusto range di utilizzo, e riescono ad essere veloci fino alla fine. Noi abbiamo qualche difficoltà in più e non capiamo perché".

Non poteva mancare poi un commento all'incidente e all'infortunio di cui è stato protagonista Marc Marquez, che secondo Valentino può regalare una grande occasione a Fabio Quartararo, Maverick Vinales ed Andrea Dovizioso.

"Bisogna capire quanto si è fatto male e quanto tempo ci metterà a recuperare. Gli si era già chiuso il davanti, ma l'aveva ripresa ed aveva fatto una bella rimonta. Quando era dietro a Maverick, sicuramente stava spingendo molto e gli è partito il posteriore. Lì si va forte, quindi la caduta è stata dura. E' tosta per il campionato, perché ci sono tante gare vicine, ma ora non ha senso parlare fino a quando non si saprà quanto tempo gli servirà per tornare in forma".

"Sicuramente Quartararo, Vinales e Dovizioso hanno una grande occasione. Sono arrivati tutti e tre sul podio, ma soprattutto i primi due stanno andando veramente forte, quindi se la possono giocare. Ma non dimenticherei Dovizioso, perché nel calendario di quest'anno ci sono diversi circuiti adatti alla Ducati".

Tra l'altro, durante la gara i due si erano incrociati durante la rimonta furibonda di Marc e Rossi si era scansato in maniera piuttosto plateale. Dopo la gara ha spiegato perché: "Io ero molto lento, ero già in difficoltà. Ho visto che lui arrivava forte e mi sono messo dietro. Non c'era motivo di mettersi nel mezzo, perché aveva un passo superiore al mio".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
12/20

Foto di: MotoGP

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il garage di Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il garage di Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Quartararo: “Il momento più bello della mia vita!”

Articolo precedente

Quartararo: “Il momento più bello della mia vita!”

Prossimo Articolo

Guaio Honda: anche Crutchlow deve operarsi allo scafoide

Guaio Honda: anche Crutchlow deve operarsi allo scafoide
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021