Rossi deluso: "Oggi non sono mai stato veloce"

Il "Dottore" oggi ha accusato grossi problemi di grip al posteriore e nella FP2 è crollato al 20esimo posto. Urge una soluzione, ma non è semplice.

Rossi deluso: "Oggi non sono mai stato veloce"

Il lungo fine settimana di Jerez era iniziato con il piede giusto per Valentino Rossi, con il terzo tempo nella sessione mattutina dei test di mercoledì. Di turno in turno però la situazione è andata via via peggiorando, fino ad arrivare al crollo della FP2, conclusa addirittura in 20esima posizione.

Ma il "Dottore" ha subito precisato che in realtà la prestazione di due giorni fa è stata illusoria e che purtroppo è molto più realistica quella odierna, perché non riesce ad essere veloce in sella alla sua Yamaha, che ha problemi di grip al posteriore, soprattutto quando aumenta la temperatura.

"Non è cambiato tanto in realtà. Mercoledì mattina sono riuscito a fare un bel giro con la soft, però stavamo già soffrendo a livello di passo. La mattina poi sono un po' più vicino, ma pomeriggio, quando si alza la temperatura, faccio più fatica. Adesso stiamo lavorando per cercare di migliorare la situazione, di avere un po' più di grip al posteriore per essere più veloci, perché oggi non lo sono mai stato" ha detto Valentino.

Leggi anche:

Riguardo al lavoro che ha fatto con i suoi ragazzi nella giornata di oggi, ha aggiunto: "Abbiamo cercato di migliorare la moto in frenata e ci siamo riusciti, perché adesso non è troppo male. Però faccio fatica in accelerazione e non riesco ad uscire dalle curve fortissimo. Pomeriggio abbiamo provato a fare alcune cose, ma non abbiamo migliorato abbastanza. Alla fine, siamo tutti veramente vicini: nel pomeriggio ho finito ad un secondo ed ero terz'ultimo".

La speranza ovviamente sarebbe quella di riuscire a piazzare una zampata nella FP3 per entrare direttamente in Q2, anche se il pesarese la vede molto complicata al momento: "Dobbiamo cercare di capire come poter migliorare, anche perché domani mattina c'è un turno molto importante. Dobbiamo provare a stare nei primi dieci, ma considerate le mie performance di oggi sarà difficile. Però sarebbe molto importante".

Visto che i problemi che si trascinano da qualche stagione a questa parte finiscono per essere sempre gli stessi, al pesarese è stato domandato se i cambiamenti che potrebbe avere la sua squadra il prossimo anno non possano rappresentare una nuova ventata. Lui però ha difeso i suoi ragazzi, a partire dal capotecnico David Munoz.

"Con David abbiamo iniziato a lavorare insieme da pochissimo. Abbiamo fatto solo i test invernali e questa è la prima gara. Ci vuole un po' di tempo e dobbiamo capire se insieme riusciremo a risolvere questi problemi. E' quello l'obiettivo. Qui le cose cambiano molto velocemente, quindi dobbiamo capire come fare meglio insieme e stiamo lavorando per questo".

Fabio Quartararo invece, per esempio, ha detto di trovare la M1 2020 un po' più complicata rispetto alla sua antenata, anche se per il #46 il problema non è quello.

"Sinceramente non sento molta differenza e di sicuro la 2020 è più 'giovane'. Quindi, forse abbiamo bisogno di più tempo e di un po' più chilometri per metterla a punto. Ma il mio problema rimane molto simile a quello dell'anno scorso. Dove soffro di più sono il grip e la temperatura della gomma posteriore. Quindi dobbiamo capire e lavorare".

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
12/14

Foto di: MotoGP

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Pre-Event conferenza stampa

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Pre-Event conferenza stampa
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Pre-Event conferenza stampa

Valentino Rossi, Pre-Event conferenza stampa
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dovizioso replica a Ducati: "Mai avuti problemi di motivazioni"

Articolo precedente

Dovizioso replica a Ducati: "Mai avuti problemi di motivazioni"

Prossimo Articolo

Morbidelli: “Possiamo migliorare, ma siamo veloci col caldo”

Morbidelli: “Possiamo migliorare, ma siamo veloci col caldo”
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021