Rossi: “Bello tornare, ma l’Austria non è facile per Yamaha”

Valentino Rossi torna in pista per la prima delle due gare in Austria. Spielberg è una pista non troppo favorevole alla Yamaha e il Dottore sa che dovrà affrontare due weekend difficili, ma è comunque contento di tornare a gareggiare. Al suo fianco Cal Crutchlow, che sostituirà l'infortunato Franco Morbidelli in entrambi i weekend.

Rossi: “Bello tornare, ma l’Austria non è facile per Yamaha”

La pausa estiva è terminata e questo fine settimana la MotoGP torna in pista, per la prima doppia di questa stagione. Il Red Bull Ring ospiterà infatti due Gran Premi consecutivi e, se per qualcuno il tracciato austriaco può essere congeniale, lo stesso non si può dire per Yamaha. Il team Petronas infatti affronta il Gran Premio di Stiria sulla difensiva, cercando di trarre il massimo su una pista non proprio congeniale alle caratteristiche della M1.

Valentino Rossi è pronto a disputare un weekend che sicuramente si presenta complicato, ma è contento di tornare in pista dopo una pausa estiva che lo ha visto al centro del mercato piloti. La sua indecisione sul futuro ha tenuto banco per tutta l’estate della MotoGP, ma al momento il Dottore pensa solamente a come affrontare il primo dei due fine settimana di gara a Spielberg per poter mettere in archivio una doppietta austriaca complicata nel miglior modo possibile.

“La pausa estiva è stata buona – afferma Valentino Rossi alla vigilia del Gran Premio di Stiria – sono riuscito a rilassarmi e trascorrere del tempo fuori con la mia gente, prima di tornare a casa per qualche allenamento in moto. Sarà bello correre di nuovo questo weekend, ma ad essere onesti non credo che sia la pista migliore per noi. Sappiamo quali sono le aree forti per la nostra moto, ma ce ne sono altre in cui abbiamo bisogno di migliorare e penso che il tracciato austriaco non esalti i nostri punti di forza. Però è ubicato in un bellissimo posto, con molto verde intorno e, anche se è difficile, è un bel posto in cui venire. Dovremo trovare un buon bilanciamento per queste due gare, che sono entrambe a Spielberg, e provare ad ottenere il massimo possibile per noi”.

Leggi anche:

La MotoGP riparte per tutti tranne che per Franco Morbidelli. L’italiano infatti dovrà attendere ancora un po’ prima di rientrare in pista, per riprendersi totalmente dall’intervento al ginocchio effettuato a fine giugno e che lo ha costretto a saltare già il GP d’Olanda. Al posto del vicecampione del mondo troveremo Cal Crutchlow, chiamato dal team Petronas a sostituire Morbidelli.

Il britannico, ora tester per Yamaha, torna così a gareggiare per entrambi i weekend austriaci e sarà al fianco di Valentino Rossi nel box del team Petronas, che dopo Assen torna ad avere una line-up completa, anche se provvisoria. Crutchlow commenta il suo rientro dopo poco meno di un anno dal suo ritiro: “Non vedo l’ora di tornare in griglia e rientrare nella mentalità dei weekend di gara, anche se sarà un lavoro diverso rispetto a quello che ho fatto in Yamaha durante quest’anno. Il circuito di Spielberg non è di quelli su cui mi sono divertito molto in passato, anche se nel 2018 ho chiuso quarto ed è stato un buon risultato. Non è un tracciato veloce e fluido, quindi bisogna essere veloci e precisi”.

“Non ho un obiettivo come per esempio il risultato, ma il principale è sicuramente provare a migliorare sessione dopo sessione. Lavorerò con Ramon Forcada, che conosce la moto molto bene. Credo che sarà una buona cosa, perché Ramon era in Yamaha quando c’ero anche io, quindi sicuramente andrà bene. Voglio solo fare un buon lavoro per il team”.

condivisioni
commenti
Perché Suzuki ha bisogno di un team manager

Articolo precedente

Perché Suzuki ha bisogno di un team manager

Prossimo Articolo

Brembo: in Stiria le MotoGP frenano 17 secondi più delle F1

Brembo: in Stiria le MotoGP frenano 17 secondi più delle F1
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021