Rins: “Per il campionato è dura, ho fatto tre cadute stupide!”

Alex Rins non ha potuto concludere il Gran Premio di Francia a causa di una caduta, la terza consecutiva che di fatto lo taglia fuori dalla lotta per il campionato.

Rins: “Per il campionato è dura, ho fatto tre cadute stupide!”

Alex Rins è caduto in Portogallo quando era secondo ed è finito nuovamente a terra a Jerez, due settimane fa. Questa domenica, sotto la pioggia e con un cambio moto, il pilota Suzuki è caduto ancora, stavolta quando occpuava la terza posizione ed era già uscito con la seconda moto, che aveva il setting da bagnato.

Essendo una gara flag-to-flag, Rins ha potuto prendere la moto e tornare al box per cambiarla di nuovo e continuare la gara. È rientrato ultimo, ma è caduto ancora una volta: “È complicato, stiamo vivendo un momento negativo, tre zero di seguito sono tanti. Abbiamo fatto l’impossibile, partivo 15esimo e al primo giro ero quarto. Ha iniziato a piovere, ho preso Maverick e quando sono rientrato ai box per cambiare moto ero terzo. Alla Curva 4, dove di solito non si usa il freno anteriore, l’ho premuto leggermente. Con la tensione che avevo addosso mi sono aiutato un po’ con il freno per fermare la moto, ma l’ho pagata cara”.

“Sono rientrato per prendere l’altra moto, che però aveva il setting da asciutto con le gomme da bagnato e la moto era molto reattiva. La potevo controllare a malapena fino a quando mi si è chiuso il davanti perché non avevo il setup adeguato”.

Nonostante il durissimo colpo di non accumulare punti in tre gare, Rins vuole restare ottimista: “Dobbiamo guardare avanti. I meccanici sicuramente hanno il morale basso, ma dobbiamo continuare a lottare. A Le Mans abbiamo avuto un ritmo che non avevamo mai avuto. Nonostante i tre zeri, mi sento bene fisicamente e guido meglio che mai. Arriveremo al Mugello per fare il possibile ancora una volta”, ha affermato guardando il bicchiere mezzo pieno.

 

Tuttavia, vedendo il livello di Ducati e Yamaha e quello dei suoi piloti di punta, recuperare terreno sembra una missione impossibile: “Sinceramente, arrivano due piste molto favorevoli alle Ducati, ma l’anno scorso noi eravamo lì. Mi sento bene con la moto, sono ad un livello a cui non ero mai arrivato prima e faccio ciò che voglio, ad eccezione del giro secco in qualifica. Farò un reset sulla domenica di Le Mans e arriverò in Italia forte, ottimista e con una buona dinamica di lavoro”.  

Rins provava a dare un’immagine di positività, ma nello stesso tempo trasmetteva una certa disperazione: “Mentalmente è normale che ora sia giù di morale e pensi a quello che è successo e quello che avrei potuto cambiare. Però sono forte, abbiamo vissuto molte cose, siamo caduti tre volte. Ma torno a casa da mia moglie e dai miei cani e mi allenerò tantissimo per arrivare al massimo su ogni pista. Ogni giorno mi sveglio con la voglia di vincere il mondiale. Certo, siamo lontani, molto, ma non mi arrendo e continueremo a lottare”.

Con tre cadute arriva, forse, il momento di affrontare le prossime gare in maniera diversa: “Ad oggi affronterò la gara al Mugello come sempre, non cambierò nulla”.

Nonostante fosse avvenuta sul bagnato e in condizioni miste, Rins non toglie la caduta di Le Mans dalla lista dei suoi errori: “La metto nell’insieme di quelle che già ho, sono tre cadute stupide. Abbiamo fatto l’impossibile. Ho rimontato dieci posizioni, ho spinto sulla pioggia, abbiamo cambiato moto velocemente e all’uscita dai box ho frenato un po’ per girare meglio e sono caduto. È complicato, non sono momenti facili, ma mi sento forte e sono nel momento migliore della mia carriera, fisicamente, mentalmente e sulla moto. La giornata non è stata facile, ma tornare a casa e stare con le persone che amo mi permetterà di arrivare forte al Mugello”.

condivisioni
commenti
Lap Chart MotoGP: la clamorosa rimonta di Bagnaia Le Mans

Articolo precedente

Lap Chart MotoGP: la clamorosa rimonta di Bagnaia Le Mans

Prossimo Articolo

Team Petronas sul 2022: "Ci piacerebbe molto rimanere con Yamaha”

Team Petronas sul 2022: "Ci piacerebbe molto rimanere con Yamaha”
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021