Rins non esclude lo stop, Crutchlow stringe i denti

Il pilota della Suzuki è tornato in moto dopo la brutta caduta della scorsa settimana ed ha affermato di aver sofferto parecchio. Rins sta valutando le sue condizioni per decidere se correre o meno questa domenica. Crutchlow invece sembra intenzionato a stringere i denti.

Rins non esclude lo stop, Crutchlow stringe i denti

Alex Rins ha definito la giornata di oggi decisamente dolorosa. Il pilota della Suzuki, infatti, è tornato in moto a Jerez ed ha percorso parecchi chilometri sulla spalla destra recentemente lussata e fratturata.

Lo spagnolo, infatti, è stato protagonista di una brutta caduta nel corso della scorsa sessione di qualifiche ed è stato costretto a saltare la prima gara della stagione. Giovedì, però, ha superato le visite mediche ed è stato dichiarato fit per correre.

Rins, nel corso delle FP1, ha percorso soltanto 8 giri senza l’uso di antidolorifici ma ha ammesso di aver provato molto più dolore di quanto immaginasse alla fine della sessione.

Al termine della FP2, dove ha invece compiuto 16 giri ottenendo il ventunesimo crono in 1’39’’101, ha invece dichiarato di essere sceso in pista con antidolorifici.

“E’ stato un giorno molto duro e doloroso. Sulla moto sentivo molto dolore e prima di iniziare il turno credevo che sarei riuscito a guidare ugualmente bene. Ad ogni modo dobbiamo lavorare duramente. Le FP2 sono andate meglio delle FP1”.

“Nel primo turno sono sceso in pista senza assumere farmaci come invece ho fatto nelle FP2. Ho sentito meno dolore ma non l’ho annullato del tutto”.

Rins ha poi affermato di non avere molta forza nella spalla al momento e ha dichiarato di voler valutare le sue condizioni per evitare di essere un rischio per sé stesso e per gli altri domani.

Leggi anche:

“La cosa positiva è stata non aver riscontrato una infiammazione al termine dei due turni,. Questo significa che non sto mettendo a rischio i tendini. Di sicuro posso dire di non avere molta forza e se dovessi essere un pericolo per gli altri allora alzerò bandiera bianca”.

Altro pilota infortunatosi in occasione del primo weekend dell’anno è stato Cal Crutchlow. L’inglese si è fratturato il polso sinistro durante il warm-up domenicale, ma oggi ha completato 24 giri ed ha ammesso di essersi sentito strano sulla moto.

“Credo di aver dimostrato di poter guidare questo weekend. Ovviamente il mio feeling sulla moto non è al top dopo la caduta della scorsa settimana, ma continueremo a lavorare per migliorare le mie sensazioni nel corso dei prossimi giorni”.

“Credo che il chirurgo, il Dottor Mir ed i medici abbiano svolto un buon lavoro così come sto facendo io mettendo il ghiaccio sul polso per contenere l’infiammazione. Quello che posso fare è stringere i denti e continuare a guidare”.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, dopo l'infortunio

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, dopo l'infortunio
8/12

Foto di: Suzuki

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

 

 

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Ho rifatto il mio best con gomme con più di 20 giri"

Articolo precedente

Bagnaia: "Ho rifatto il mio best con gomme con più di 20 giri"

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Non bisogna lasciarsi schiacciare da Marquez"

Dovizioso: "Non bisogna lasciarsi schiacciare da Marquez"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021