MotoGP
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

Rins: "Se Marquez mi dà un po’ di motore, gli do un po’ di telaio”

condivisioni
commenti
Rins: "Se Marquez mi dà un po’ di motore, gli do un po’ di telaio”
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
2 giu 2019, 17:47

Il pilota Suzuki chiude il Gran Premio d’Italia in quarta posizione e scherza sui punti forti di Suzuki e di Honda.

Al Mugello Rins è riuscito a ripetersi, ha rimontato dalla 13esima casella fino alla quarta posizione. In pochi giri era nel gruppo di testa ed è arrivato agli ultimi metri in lotta per la vittoria. Tuttavia, in quel momento le sue gomme erano praticamente finite ed il motore della Suzuki non ha nemmeno potuto porre rimedio.

Il catalano ha passato 23 giri a lottare con le moto più potenti della sua, compensando in frenata. Nonostante ciò, il punto forte della GSX-RR è il telaio. Non è così per Honda, il cui propulsore quest’anno non ha nulla di meno di Ducati.

 

Una situazione che non sfugge a Marquez. Dopo la gara, il leader del Mondiale ha lodato il buon comportamento del telaio della moto del connazionale, che ha bisogno di qualche cavallo in più come la RC213V.

“Se Marquez mi da un po’ di motore, gli do un po’ di telaio”, ha scherzato Rins quando gli hanno riferito le parole di Marquez. “Il vantaggio è che abbiamo una buona trazione e passo in curva. In tutte le piste, tranne a Le Mans, sono stato forte in frenata e ho potuto sorpassare”.

Il pilota Suzuki si è dovuto accontentare della quarta posizione, ma ha provato a vincere la sua seconda gara dell’anno.

Leggi anche:

“Ho corso per vincere la gara. Non si poteva fare di più, ho provato in tutti i modi ad uscire attaccato alle Ducati. Perdevo la scia alla prima curva e dovevo recuperare in frenata. Così la gomma soffre. Abbiamo ottenuto il quarto posto qui ed in Qatar, due circuiti difficili per Suzuki, quindi direi che abbiamo superato la prova”.

Rins è ora terzo in campionato a 27 punti da Marquez, ma non si arrende: “Sono contento del risultato, sapevamo che ci sarebbe costata fatica già prima di venire qui. Però andiamo a casa con 13 punti, nella seconda parte di stagione saremo sicuramente più forti”.

Scorrimento
Lista

Accidente de Jack Miller, Pramac Racing detrás de Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Accidente de Jack Miller, Pramac Racing detrás de Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
2/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
3/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
4/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/10

Foto di: Photo Ciabatti

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
7/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

 

Prossimo Articolo
Marquez: "L’obiettivo era battere Dovi e l’abbiamo raggiunto"

Articolo precedente

Marquez: "L’obiettivo era battere Dovi e l’abbiamo raggiunto"

Prossimo Articolo

Valentino lancia l'allarme: "Sotto certi punti di vista il gap adesso è molto grande"

Valentino lancia l'allarme: "Sotto certi punti di vista il gap adesso è molto grande"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Italia
Sotto-evento Gara
Location Mugello
Piloti Alex Rins
Autore Oriol Puigdemont