Rins: “Se continuiamo su questa linea, lo zero sarà camuffato”

Ales Rins è scivolato a pochi giri dal termine del Gran Premio del Portogallo, quando era secondo e provava ad insidiare Fabio Quartararo per la vittoria.

Rins: “Se continuiamo su questa linea, lo zero sarà camuffato”

In Portogallo, Alex Rins stava completando una delle gare migliori della sua vita, ma a sei giri dal termine è finito in terra, gettando alle ortiche una gara brillante con una battuta d’arresto importante nelle sue aspirazioni mondiali.

Il pilota Suzuki partiva dalla seconda casella della griglia e ha mantenuto la posizione nei primi tre giri, andando al comando dal quarto all’ottavo giro. Poi è stato sopravanzato da Fabio Quartararo e fino al 18esimo giro è rimasto incollato alla ruota del pilota Yamaha, non lasciandolo respirare nemmeno un momento nonostante il ritmo infuriato del francese.

“È stato un fine settimana molto positivo, a parte la caduta – afferma Rins – abbiamo gestito le condizioni e le diverse situazioni che abbiamo trovato, stando in top 10 il venerdì e qualificandoci in prima fila il sabato, sempre da soli. Questa è una cosa molto buona per Suzuki”.

“Dopo il risultato del sabato non avevo la speranza di poter scappare con Fabio, ma mi sono trovato bene dietro a lui prima della caduta, ero al limite ma stavo bene. Riuscivo a controllare bene le gomme, respirando. A volte oltrepassi il limite di degrado, ma stavolta mi veniva tutto molto bene, ero a mio agio dietro al leader, è un peccato lasciare il Portogallo senza ricompensa. Analizzando i dati, è complicato vedere perché sono caduto, non do la colpa alle gomme né alla pista, ma è complicato capire il motivo”.

 

Tuttavia, per un pilota d’esperienza come Rins, arrivare così lontano e finire a terra è un errore molto grave: “Dentro di me sono arrabbiato, perché vado via con il bottino vuoto. Dall’altra parte però sono contento perché ho mostrato un ritmo che il sabato non avevamo e siamo rimasti alle spalle di Fabio senza soffrire. Abbiamo fatto solo tre gare e se nelle prossime continuiamo con questa forza, lo zero di oggi sarà camuffato”.

La caduta però gli porta alla mente ricordi simili dello scorso anno, con l’infortunio che ha messo un freno alla lotta per il campionato: “L’anno scorso abbiamo perso molti punti in gare molto simili a questa. Ma ci sono due tipi di limite. Uno è quando non respiri, commetti errori sei senza gomme, ma non è questo il caso. L’altro è quello della gara di Portimao, dall’inizio fino a quando sono caduto non ho fatto errori, ho gestito molto bene i sorpassi su Zarco e il ritmo di Fabio, che era molto forte per noi da quanto avevamo visto il sabato. La caduta è difficile da spiegare. Ho parlato con Valentino Rossi dopo la gara e mi ha detto la stessa cosa, è molto difficile trovare un motivo, perché siamo caduti nello stesso punto”.

Rins non vuole accettare l’idea di essere stato sopraffatto dall’ambizione di voler vincere invece di assicurarsi 20 punti importanti alle spalle di Quartararo: “Per gare come questa si può perdere un campionato, ma nelle prossime, se facciamo la stessa cosa, saremo davanti”.

La cosa certa è che la caduta ricorda molto quella dello scorso anno in Austria, quando era primo e aveva il podio in tasca: “Non so se le cadute si assomigliano, all’epoca ero entrato più chiuso in curva, penso. Se può pesare o meno dipenderà da come andremo nelle prossime gare. Se facciamo la stessa cosa di questo fine settimana penso che si potrà camuffare bene, è la mentalità che ho. Se cerchiamo un colpevole, quello sono io. Non ho scelto di stare dietro, mi sentivo bene e i campionato si conquistano vincendo le gare e oggi avevamo l’opportunità”.

Dopo la sua seconda vittoria e una gara monumentale, Quartararo è diventato il leader del mondiale punto di riferimento: “Al momento è il pilota da battere, è primo in campionato con 61 punti, mentre io ne ho 23. A Jerez andrà sicuramente veloce. Ma non sarà facile il mondiale, quest’anno ci sono molti rivali, le Ducati vanno bene, Morbidelli, Vinales e Mir sono lì e sarà un anno interessante per cui ancora c’è molto tempo”.

Per quanto riguarda Marc Marquez, afferma: “Non so se metto nella lista anche Marc, dipende da come arriva a Jerez. Scommettevo molto per lui in questa gara, ma ha faticato. Questa pista è molto più fisica rispetto alla prossima, quindi a Jerez sicuramente starà meglio”.

condivisioni
commenti
I medici rimandano l’intervento di Martin, Jerez a rischio

Articolo precedente

I medici rimandano l’intervento di Martin, Jerez a rischio

Prossimo Articolo

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021