MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
38 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
51 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
100 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
107 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
121 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
156 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
184 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
191 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
205 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
226 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
247 giorni

Rins: “Se avessi avuto il passo, avrei attaccato Mir”

Alex Rins sale sul secondo gradino del podio del Gran Premio d’Europa alle spalle di Joan Mir. Lo spagnolo è secondo anche nella classifica generale e non smette di sognare in chiave iridata, essendo a 37 lunghezze dal compagno di squadra.

Rins: “Se avessi avuto il passo, avrei attaccato Mir”

Il team Suzuki difficilmente dimenticherà il Gran Premio d’Europa, al termine del quale Joan Mir ha messo una mano sul titolo mondiale ed in gara ha trionfato davanti al compagno di squadra. Alex Rins infatti, con la seconda posizione ha regalato alla squadra di Hamamatsu una splendida doppietta, la prima da Hockenheim 1982. I due portacolori Suzuki non sono solamente primo e secondo sul podio, ma anche nella classifica generale.

Rins, che aveva dominato la gara sin dalle prime fasi rompendo gli indugi sul poleman Pol Espargaro e andando al comando già al primo giro, si è dovuto piegare allo strapotere di Joan Mir. L’attuale leader del mondiale ha approfittato di un errore del compagno di squadra, balzando in testa per non lasciarla più. Rins spiega il motivo per cui a metà gara ha subìto il sorpasso del connazionale:  “Semplicemente in quella curva è un po’ più difficile togliere le marce. Lì arriviamo in terza e ne dobbiamo togliere due, ma quando ho fatto il cambio direzione, ho messo una marcia invece di toglierla. Per questo sono andato un po’ lungo e Joan mi ha sorpassato. Dopo ho provato a rimanere con lui, ma giro dopo giro andava sempre più forte. Sono molto contento della mia gara, abbiamo conquistato altri 20 punti per il campionato, per Suzuki, a due gare dal termine”.

Leggi anche:

La Suzuki ad oggi si è mostrata la moto più equilibrata in ogni condizione ed al momento è la squadra da battere. La MotoGP torna in pista già questa settimana per il secondo appuntamento sul tracciato di Valencia, dove Rins ha già le idee chiare su quale aspetto migliorare: “Per la gara della prossima settimana dobbiamo migliorare un po’ la moto. Penso che la nostra base sia molto buona, lo abbiamo dimostrato oggi in gara. Ma mi piacerebbe essere un po’ più forte a fine gara, dove penso che sia il punto forte della Suzuki. Vediamo anche il meteo per la prossima settimana”.

Con la seconda posizione del Gran Premio d’Europa, Rins conquista altri 20 punti che lo portano quota 37 lunghezze da Joan Mir, saldamente al comando della classifica. Lo spagnolo ritiene che la caduta di Jerez in cui si è procurato un infortunio alla spalla abbia condizionato pesantemente la sua corsa al titolo. Tuttavia, vede il bicchiere mezzo pieno, essendo a pari punti con Fabio Quartararo: “L’infortunio di Jerez è stato sicuramente determinante. Ma sono specialmente contento perché dopo aver passato l’infortunio alla spalla e le due cadute dell’Austria e di Le Mans siamo a pari punti con Fabio”.

Il grande lavoro di Rins e della squadra stanno portando frutto ed il pilota è soddisfatto di quanto fatto fino ad ora. In chiave iridata, lo spagnolo afferma di non aver ricevuto ordini di scuderia e rivela che avrebbe provato l’attacco sul compagno di squadra se avesse avuto la possibilità: “Sono contento di tutto quello che stiamo facendo, stiamo lavorando forte e vediamo se alla fine riusciamo ad essere primo e secondo in campionato. Questo sarebbe incredibile. Assicuro che se avessi avuto il passo di Mir lo avrei insidiato. Davide Brivio ci ha sempre detto che in pista dobbiamo rispettarci, ma ancora non ci siamo trovati in lotta”.

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
2/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
3/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
4/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
7/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
11/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
12/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
13/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
14/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
15/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
16/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
17/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mir: "La vittoria è arrivata al momento giusto"

Articolo precedente

Mir: "La vittoria è arrivata al momento giusto"

Prossimo Articolo

Viñales: “Il nostro problema non è il mondiale, siamo lontani”

Viñales: “Il nostro problema non è il mondiale, siamo lontani”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Europa
Sotto-evento Gara
Location Valencia
Piloti Alex Rins
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Lorenza D'Adderio
Savadori: quel treno da non perdere che arriva a 28 anni Prime

Savadori: quel treno da non perdere che arriva a 28 anni

Rookie a 28 anni, arrivato quasi dal nulla. Lorenzo Savadori è un po' l'oggetto misterioso della griglia di partenza della MotoGP 2021. Ha fatto tanta gavetta per guadagnarsi questa chance con l'Aprilia e c'è da scommettere che darà tutto se stesso per onorarla al meglio. Se ci sarà un futuro oltre quest'anno, dipende solo da lui.

MotoGP
5 mar 2021
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021