Rins riceve l’ok dai medici: correrà al Sachsenring

Alex Rins ha ricevuto il via libera dai medici dopo essersi sottoposto ad una visita di controllo a Barcellona e viaggerà in Germania, dove dovrà ricevere l’ok definitivo giovedì.

Rins riceve l’ok dai medici: correrà al Sachsenring

Alex Rins è caduto il giovedì del Gran Premio di Catalogna mentre si allenava in bicicletta in pista, fratturandosi il braccio. Il pilota Suzuki è stato costretto a operarsi e ha così saltato l’appuntamento di casa, a Barcellona. Dopo un recupero rapido, lo spagnolo ha svolto una visita medica di controllo questa mattina e i medici gli hanno dato l’ok per recarsi al Sachsenring, dove questo fine settimana avrà luogo il GP di Germania.

Giovedì, quando già sarà in circuito, il medico incaricato dell’impianto tedesco e il responsabile medico della MotoGP Angel Charte, dovranno confermare che il pilota spagnolo sarà idoneo per scendere in pista venerdì per le prima prove libere del weekend.

Rins era caduto lo scorso 3 giugno mentre girava in bicicletta al Circuit de Barcelona. A causa di una distrazione, era andato ad impattare contro un veicolo che si trovava in pista. Nella caduta, il pilota Suzuki aveva rimediato la frattura del radio della mano destra ed era stato trasportato all’Hospital Universitario Dexeus, dove il dottor Xavier Mir aveva confermato la lesione e raccomandato di operarsi il giorno dopo.

“Rins è stato sottoposto ad un fissaggio con viti cannulate a compressione minimamente invasiva”, aveva spiegato il Dottor Mir, che non aveva escluso l’ipotesi di vederlo tornare in pista al Sachsenring. Questo stesso mercoledì, Alex Rins è stato visitato proprio alla Clinica Dexeus, dove è stato riscontrato una buona evoluzione del processo di riabilitazione e ha così ricevuto l’ok.

Già domenica scorsa il pilota Suzuki aveva ricevuto il permesso di salire in moto e verificare lo stato del braccio infortunato, come lui stesso aveva affermato sui propri canali social. A causa dell’infortunio, Rins ha saltato il Gran Premio di Catalogna della MotoGP e questo è stato il suo quinto zero consecutivo dopo essere caduto nelle quattro gare precedenti: Portimao, Jerez, Le Mans e Mugello.

Rins, che non finisce una gara dallo scorso 4 aprile a Doha, è attualmente 15esimo nella classifica generale con soli 23 punti, avendo tagliato il traguardo solo nelle prime due gare della stagione, entrambe disputate in Qatar, dove ha chiuso sesto e quarto rispettivamente.

 
condivisioni
commenti
Rossi: "Spero di continuare bene in Germania"

Articolo precedente

Rossi: "Spero di continuare bene in Germania"

Prossimo Articolo

Simulazione MotoGP: in Sassonia che stress alla spalla sinistra

Simulazione MotoGP: in Sassonia che stress alla spalla sinistra
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021