Rins: “Mir vorrà difendere il titolo, sarà il mio primo rivale”

Alex Rins crede che sia Mir il suo rivale principale per la prossima stagione di MotoGP, anche pensando all’incertezza sul rientro di Marc Marquez.

Rins: “Mir vorrà difendere il titolo, sarà il mio primo rivale”

Alle porte di quella che sarà la sua quinta stagione in MotoGP, Alex Rins sta preparando un inizio di campionato che ancora non è ben definito a causa del Coronavirus. Lo spagnolo mette insieme sessioni di palestra e giornate di allenamenti con la moto da cross. Lunedì scorso ha girato a Portimao con una Suzuki GSX-R preparata per lui e successivamente ha parlato con i giornalisti in videoconferenza.

La sua progressione nella classe regina è stata notevole: è passato dal chiudere in 16esima posizione nella classifica generale nell’anno del debutto, il 2017, per poi concludere il 2018 in quinta posizione, il 2019 in quarta e alla fine in terza nel 2020. Ma questa progressione così positiva è relativa se confrontata a quella di Joan Mir, suo compagno di squadra che alla seconda stagione in MotoGP ha portato a casa il titolo contro ogni pronostico. Per questo motivo, il maiorchino è diventato il primo rivale da battere quest’anno secondo Rins, in quella che sarà una stagione ancora più strana per Suzuki.

Il bagaglio culturale del 2020 di Rins è stato buono, con una vittoria e quattro podi che, insieme agli altri risultati, lo hanno lasciato a 32 punti da Mir nella classifica generale.

Leggi anche:

“Il mio primo rivale sarà Joan Mir, il mio compagno di squadra, che proverà a difendere il titolo – ha dichiarato Rins, che nonostante la rivalità che c’è, ha mostrato insieme al connazionale un grande rispetto, cosa che Suzuki ha apprezzato – Ovviamente ci sono stati momenti di tensione durante la stagione, ci sono stati momenti in cui abbiamo parlato più che in altri, ma la sportività ha sempre avuto la meglio. Se non avessi vinto io, avrei voluto che vincesse lui. Quest’anno lo affrontiamo con la voglia di portare il numero 1 nel mio lato del box. Ovviamente firmerei anche per il secondo posto, perché vorrebbe dire che continuo a migliorare”.

Oltre all’incertezza che imperversa nel paddock come conseguenza della pandemia, Suzuki dovrà colmare il vuoto lasciato da Davide Brivio, che ha intrapreso una nuova avventura passando in Formula 1 nel team Alpine. “Sembra che Suzuki non voglia mettere nessuno al posto di Davide con la fretta. Il rischio di sbagliarsi è alto, ha detto lo spagnolo.

 

Rins inoltre non si sbilancia sul ruolo che avrà Marquez nel 2021: "Non sappiamo come sta Marc. Tutti parlano molto, ma fino all’ultimo non sapremo la verità. In passato abbiamo già visto tenere molto per sé il suo stato di salute reale”.

“Mi piace vederlo in pista, perché è un pilota con molto talento e si impara molto da lui. Magari farà fatica quando tornerà, perché ha passato molto tempo lontano dalla moto. Ma ha sempre dimostrato di essere all’altezza”, conclude Rins.

condivisioni
commenti
La nuova curva 10 di Barcellona è pronta: eccola!

Articolo precedente

La nuova curva 10 di Barcellona è pronta: eccola!

Prossimo Articolo

Rossi e la Academy svolgono due giorni di test a Portimao

Rossi e la Academy svolgono due giorni di test a Portimao
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Alex Rins
Autore Oriol Puigdemont
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021