Rins: "Mir, titolo meritato. Suzuki vince perché è una famiglia"

Rins si congratula con il suo compagno di squadra per la vittoria dell'iride arrivata oggi a Valencia, ma sottolinea anche i meriti del team creato da zero da Davide Brivio.

Rins: "Mir, titolo meritato. Suzuki vince perché è una famiglia"
Carica lettore audio

Il box Suzuki è una bolgia ed è comprensibile: Joan Mir ha vinto oggi il titolo mondiale di MotoGP riportandolo ad Hamamatsu a tanti anni di distanza dall'ultimo, vinto nel 2000.

20 anni esatti dopo quel fantastico risultato, è arrivato il titolo del 23enne maiorchino. Ma non tutti i volti in Suzuki sono il ritratto della felicità. Alex Rins, nonostante una seconda parte di stagione da autentico protagonista, non è riuscito a contendere il titolo al compagno di squadra.

A fine gara, Rins si è complimentato con Mir. Tra i due, com'è noto da tempo, non c'è amicizia, ma solo un buon rapporto tra compagni di squadra. Oggi, però, Rins ha dato il giusto tributo al grande lavoro fatto da Mir in questa stagione.

"Sono molto felice del risultato che è riuscito a cogliere Joan. Non è facile vincere un titolo mondiale. E grazie alla Suzuki, chi ci crede ce la fa. Abbiamo dato tutto. Era una pista difficile in cui superare. Ho dato tutto".

"Ovviamente abbiamo iniziato la stagione volendo fare bene, ma onestamente non avrei mai pensato che potessimo arrivare così lontano. Abbiamo migliorato motore e telaio. Joan ha saputo essere molto regolare e grazie a questo abbiamo vinto il titolo".

Rins ha anche sottolineato i meriti della squadra, la Suzuki, che come ha detto anche il team principal Davide Brivio, assomiglia più a una vera famiglia che a un team di MotoGP. Non solo per una questione di portafoglio (non ha gli stessi investimenti di altre Case giapponesi), ma anche dal punto di vista umano.

"Abbiamo unione in squadra, siamo una famiglia e quel cameratismo ci rende così forti. Per quanto mi riguarda, sono arrivato molto vicino alle prime posizioni del campionato in questo finale di Mondiale".

"Peccato per l'infortunio patito a inizio stagione. Sono dispiaciuto di non essere riuscito a lottare per il titolo sono alla fine, ma sono contento per la Suzuki e per Joan, che al secondo anno ha centrato il Mondiale. E' una cosa per niente facile".

condivisioni
commenti
Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”
Articolo precedente

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Titolo Suzuki? Dice che non serve creare chissà cosa"

Dovizioso: "Titolo Suzuki? Dice che non serve creare chissà cosa"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021