Rins: "Mir, titolo meritato. Suzuki vince perché è una famiglia"

Rins si congratula con il suo compagno di squadra per la vittoria dell'iride arrivata oggi a Valencia, ma sottolinea anche i meriti del team creato da zero da Davide Brivio.

Rins: "Mir, titolo meritato. Suzuki vince perché è una famiglia"

Il box Suzuki è una bolgia ed è comprensibile: Joan Mir ha vinto oggi il titolo mondiale di MotoGP riportandolo ad Hamamatsu a tanti anni di distanza dall'ultimo, vinto nel 2000.

20 anni esatti dopo quel fantastico risultato, è arrivato il titolo del 23enne maiorchino. Ma non tutti i volti in Suzuki sono il ritratto della felicità. Alex Rins, nonostante una seconda parte di stagione da autentico protagonista, non è riuscito a contendere il titolo al compagno di squadra.

A fine gara, Rins si è complimentato con Mir. Tra i due, com'è noto da tempo, non c'è amicizia, ma solo un buon rapporto tra compagni di squadra. Oggi, però, Rins ha dato il giusto tributo al grande lavoro fatto da Mir in questa stagione.

"Sono molto felice del risultato che è riuscito a cogliere Joan. Non è facile vincere un titolo mondiale. E grazie alla Suzuki, chi ci crede ce la fa. Abbiamo dato tutto. Era una pista difficile in cui superare. Ho dato tutto".

"Ovviamente abbiamo iniziato la stagione volendo fare bene, ma onestamente non avrei mai pensato che potessimo arrivare così lontano. Abbiamo migliorato motore e telaio. Joan ha saputo essere molto regolare e grazie a questo abbiamo vinto il titolo".

Rins ha anche sottolineato i meriti della squadra, la Suzuki, che come ha detto anche il team principal Davide Brivio, assomiglia più a una vera famiglia che a un team di MotoGP. Non solo per una questione di portafoglio (non ha gli stessi investimenti di altre Case giapponesi), ma anche dal punto di vista umano.

"Abbiamo unione in squadra, siamo una famiglia e quel cameratismo ci rende così forti. Per quanto mi riguarda, sono arrivato molto vicino alle prime posizioni del campionato in questo finale di Mondiale".

"Peccato per l'infortunio patito a inizio stagione. Sono dispiaciuto di non essere riuscito a lottare per il titolo sono alla fine, ma sono contento per la Suzuki e per Joan, che al secondo anno ha centrato il Mondiale. E' una cosa per niente facile".

condivisioni
commenti
Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”

Articolo precedente

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Titolo Suzuki? Dice che non serve creare chissà cosa"

Dovizioso: "Titolo Suzuki? Dice che non serve creare chissà cosa"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021